Ultimi aggiornamenti

III

III. MARTIRIO CARSICO. Da Padova al Colle di Campiglia. - Ricordi dell'offensiva di maggio. - La primavera. - L'opera del Genio. - Monte Santo. - Sulle soglie dell'Hermada. - Il Timavo. - Solo Dio sa perdonare? - Quota 144. - Il Vallone di Jamiano. - La Tauben doline. - La controffensiva austriaca. - Il fante. - La situazione del nemico. - La propaganda nell'esercito italiano. - La Nota del Papa. - Una villa. - Il Vallone. - Le doline. - L'Hermada in fiamme. - Il San Michele. - Dolina Oneglia

II

II. LA TOMBA DI OSLAVIA. Il Friuli. - Il focolare friulano. - Un brindisi. - San Floriano. - Sulla via di Oslavia. - L'assalto. - Addio! Il Friuli. 15 novembre. Il reggimento va all'Isonzo. A Sacile, trovo parenti ed amici che, accennando alle Alpi Giulie, raccomandano prudenza, perché «là si muore...» Si arriva ad Udine a sera. La città è buia, le lampadine elettriche sono tutte velate di azzurro; la piazza, col bianco palazzo quattrocentesco del Lionel

Parte Prima I

PARTE PRIMA I. LA GUERRA FRA GLI ABETI. Dagli ozii romani ai passatempi vicentini. - I «terribili». - Campomolon. - Il 3o5. -I «cigni» di Costa di Mesole. - La seconda compagnia del 154° fanteria. - Un assalto a monte Coston. - L'Osteria dei Fiorentini. - Gli italiani cantano. - Il battesimo del fuoco. - Il primo prigioniero. - L'espugnazione di monte Coston. - Valle Fonda. - Le istruzioni ungheresi. - Come si muore... - Un assalto al Durer. - Addio, trincee di Valle

Premessa

Queste pagine sono la semplice trascrizione di un diario buttato giù, giorno per giorno, spesso ora per ora, sotto la dettatura degli eventi. Le pagine che andarono smarrite, e sono molte, non furono sostituite, perché una ricostruzione a memoria mi sarebbe sembrata insincera ed anche irriverente. I molti nomi che vi ricorrono, o sono nomi di compagni d'arme caduti, e sono lasciati in omaggio alla loro memoria, o sono nomi di sopravvissuti, e restano a testimoniare davanti a me ed

Diario di un fante