Fronte del Piave
Hotel San Marco Montebelluna TV
 
Menu
 
 
 


Pubblicità
 
 
 


Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
  Condividi su Facebook    
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
     
 

BRIGATA "BRESCIA"

(19° e 20° Fanteria)

Sede dei reggimenti in pace: 19° Fanteria, Monteleone Calabro; 20° Fanteria, Reggio Calabria.

Distretti di reclutamento: Belluno, Bologna, Cefalù, Cosenza, Firenze, Monza, 
                   Parma, Reggio Calabria, Sacile, Salerno. 

 

ANNO 1915.

     Dall’inizio della guerra sino alla fine della 1a battaglia dell’Isonzo (7 luglio) la brigata è schierata colla 22a divisione nella zona di Lucinico, ove rimane in riserva.
      Assegnata, l'8 luglio, alla 21a divisione, prende parte alla 2a battaglia dell’Isonzo (18 luglio - 3 agosto) nella zona di "Bosco Cappuccio" e di "Bosco Triangolare", con il compito di raggiungere la fronte S. Martino - S. Michele. Fin dal primo giorno della battaglia i suoi battaglioni, insieme a reparti misti del 29°, 40°, 152° e 155° fanteria, impegnano una lotta accanita, che lo stesso nemico chiama "violenta e insopportabile", a q. 197 del Bosco Cappuccio ed alla trincea così detta "Muraglione" del Bosco Triangolare, riuscendo a conquistare tutto il Bosco Triangolare e quasi per intero il Bosco Cappuccio, catturando un migliaio di prigionieri.
     L’accanimento e lo spirito aggressivo dimostrato in questa occasione, dei due reggimenti che "sanguinosamente ascesero le contrastate pendici del Bosco Cappuccio" furono ricordati nella motivazione della medaglia d’argento al valor militare concessa alla Brigata.
     Inviata in zona arretrata per ricostituire i suoi organici decimati, essa ritorna nello stesso settore all’inizio della 4a battaglia (10 novembre - 5 dicembre), combattendo sino al 21 novembre con tenacia e valore contro le agguerrite posizioni nemiche di cima 3 e 4 del S. Michele; in questo periodo la brigata perde 2500 uomini fra i quali 70 ufficiali.

ANNO 1916.

     Fino al maggio la brigata alterna i reggimenti nelle trincee tra cima 3 del S. Michele e S. Martino, contribuendo validamente al mantenimento ed al rafforzamento di quelle posizioni contro le quali il nemico, per attenuare la nostra pressione, giornalmente si accanisce con tiri di artiglieria e contrattacchi. Il 14 maggio, durante l’azione dimostrativa eseguita dagli Austriaci su tutta la fronte dell' Isonzo per mascherare l’inizio dell’offensiva nel Trentino, alcuni reparti nemici riescono a penetrare in una trincea della sella di S. Martino, ma ne vengono subito ricacciati da un contrattacco del 19° fanteria, che presidia quelle posizioni, lasciando anche nelle nostre mani qualche prigioniero.
     Il 29 giugno, l’attacco austriaco contro il S. Michele, preparato col lancio di gas venefici, coinvolge anche il I/19° ed il II/20° reggimento che, insieme al II/48°, difendevano le trincee presso cima 1 e cima 2. Benchè decimati, i battaglioni della brigata, con un furioso ritorno offensivo, riprendono le trincee momentaneamente perdute catturando un centinaio di prigionieri.
     Le perdite sofferte nella giornata dai due battaglioni ammontano a circa 1200 uomini fuori combattimento, dei quali 32 ufficiali.
     Il magnifico contegno tenuto dai fanti dalla brigata anche in quell’occasione è ricordato dalla motivazione della medaglia d’argento concessa alle bandiere dei due reggimenti.
     Il 15 luglio la brigata ritorna in linea per prendere parte alla battaglia di Gorizia (6 - 17 agosto) col compito di attaccare le cime 3 e 4 del S.Michele. Il 6 agosto, con un sanguinoso assalto, che costa alla brigata la perdita di circa 900 uomini di truppa e di 32 ufficiali, le due cime tanto a lungo contese vengono alfine conquistate e mantenute contro i replicati ritorni offensivi che il nemico tenta nei giorni 7, 8 e 9 agosto. Circa 700 prigionieri rimangono in potere della brigata durante l’azione.
     Nei giorni successivi la brigata rimane in riserva; viene richiamata in prima linea, il giorno 15, per l'attacco della fronte Pecinka - Segeti. L’azione, iniziata con grande slancio, dal 19° verso il Pecinka e dal 20° verso Segeti, è costretta dalla violenza del fuoco nemico a fermarsi ai robusti reticolati che completano la difesa di quelle forti posizioni.
     Dopo un breve periodo di riordinamento, reso indispensabile dalle perdite sofferte nella battaglia di Gorizia (circa 2350 uomini, dei quali 61 ufficiali), la brigata ritorna in linea il 12 settembre nel settore di Castagnevizza, ove prende parte alla 7a battaglia dell’Isonzo (14 - 18 settembre) riuscendo, nel corso di essa, a strappare al nemico, a prezzo di nuove gravi perdite (circa 1550 uomini di truppa e 46 ufficiali) alcuni elementi di trincea.
     Contro le stesse posizioni si cimenta di nuovo la brigata durante l’8a battaglia dell’Isonzo (9-12 ottobre): Occupa qualche tratto della linea nemica e raggiunge, col 19° fanteria, l’orlo occidentale della dolina di Tercenca. Le perdite sofferte ammontano a circa 900 uomini, dei quali 25 ufficiali.
     Dopo le operazioni dell’ottobre la brigata rimane nel settore di Castagnevizza fino alla fine dell’anno, partecipando solo con alcuni reparti, messi a disposizione della 4a divisione, alla 9a battaglia dell' Isonzo (31 ottobre - 4 novembre).

ANNO 1917.

     Dall’inizio dell’anno 1917 sino alla 10a battaglia dell’Isonzo (12 maggio - 8 giugno), la brigata alterna i periodi di riposo con turni di trincea nel settore di Castagnevizza ed in quello del Pecinka - Fajti. Alla vigilia della 10a battaglia trovasi sul Fajti, dalle cui falde, il 14 maggio, muove risolutamente all'attacco della q. 432, insistendo con accanimento sino al giorno 23 per conquistare quella posizione, ma i suoi sforzi vengono infranti dal fuoco incrociato di ben appostate mitragliatrici e dal nutrito tiro di artiglieria del nemico.
     Dal Fajti, che lascia il 25 maggio, la brigata, dopo un breve periodo di riordinamento, passa il 4 giugno alla dipendenza della 20a divisione nel settore di Flondar, ove il 5 e 6 giugno, con rinnovata lena, muove più volte all’assalto contro le munitissime posizioni nemiche.
     Dopo un breve periodo di riordinamento, la brigata viene inviata nel settore di Kambresko, ove guernisce le posizioni antistanti a S. Lucia di Tolmino, esplicando la sua attività fino ai primi di agosto nel faticoso servizio di vigilanza e in frequenti azioni di pattuglie. 
     Dall’8 al 19 di agosto essa è con la 49a divisione ad Orsaria, in riposo; il 22 ritorna a Kambresko e partecipa alla 11a battaglia dell' Isonzo (17 agosto - 12 settembre), gia in pieno svolgimento,col compito di passare sulla sinistra dell’Isonzo ad Auzza e di puntare contro la linea nemica: Okroglo - q. 725 - Vrhovec.
     La Brescia inizia il 23 la propria azione, fortemente contrastata, il 25 e 26 riesce ad avere ragione della tenace resistenza nemica e, facendo avanzare i suoi reparti in direzione di Okroglo - Vrhovec, ad occupare la linea Hovca - Vrhovec, di fronte alle posizioni del Petreciak e di Okroglo; dal 26 al 30, persistendo con ammirevole costanza nella lotta, alcuni reparti del 19°giungono a 50 metri circa dal paese di Okroglo, mentre il 20° di fronte alle alture ad est di Vrhovec, riesce ad ampliare la sua occupazione di oltre un centinaio di metri.
     L’11 settembre la brigata si trasferisce a Canale alla dipendenza della 47a divisione; ma per breve tempo, ché il 30 è di nuovo in linea nelle trincee Grotta - q. 807 - Kal (Vallone di Chiapovano) e il 17 ottobre ) in quelle di q. 800 (Bate) Na Kobil, a nord di detto Vallone.
     Durante il ripiegamento al Piave, nell’ottobre 1917, la brigata sostiene, il 25 ottobre, il primo urto col nemico sulla linea q. 800 - Na Kobil, donde, in seguito ad ordine superiore, ripiega e il 26 occupa il Kobilek; quindi passa sulla destra dell’Isonzo e raggiunge Valisella, nella zona di Gorizia. Il 28 si schiera presso M. Fortin, a rincalzo della brigata Pesaro, ove, dopo il ripiegamento di questa, tenta con ogni sforzo di contrastare il passaggio dell’Isonzo al nemico. 
     Obbligata a ritirarsi sotto la continua pressione dell’avversario, la brigata Brescia raggiunge Palmanova, Codroipo, passa il Tagliamento e il Piave e si raccoglie, il 19 novembre, nei pressi di Padova. Di qui prosegue per raggiungere la zona di Parma, ove rimane per oltre quattro mesi, attendendo al proprio riordinamento, avendo perduto nella ritirata circa 2000 uomini, per la maggior parte rimasti prigionieri.

ANNO 1918.

    Ricostituita e completata, la Brescia si trasferisce, verso la fine di aprile, in Francia, ove fa parte dell’8a divisione italiana. Dopo un periodo di istruzioni nel campo di addestramento di St-Ouën, il 26 maggio entra in linea nel settore d’Avocourt (Argonne) e successivamente, col 19° fanteria, in quello del Bois de Courton (S.-O. di Reims).
     Sferratasi, il 15 luglio, l’offensiva tedesca (battaglia dell’Ardre) la brigata combatte con accanimento e con elevato spirito, offensivo contro il nemico preponderante per forze e per mezzi.
     L’offensiva tedesca si inizia con un fortissimo e violento bombardamento alla mezzanotte del 15 luglio: una vera grandine di proiettili di ogni calibro, misti a gas, si rovescia, per parecchie ore, su tutte le posizioni della brigata, specie sulla prima linea. La tempesta di ferro e di fuoco sconvolge le trincee, decima le truppe, le quali allorchè i tedeschi, alle ore 4, attaccano con forze soverchianti, vengono travolte dall'impeto degli assalitori, sostenuti da numerosi carri armati, mezzo di lotta completamente sconosciuto ai nostri fanti.
     Il nemico, superata la difesa del Bois des Eclisses, ove erano un battaglione francese ed uno della brigata Alpi, riesce ad infiltrarsi, in più punti alle spalle della linea di resistenza ad oltranza e può dilagare nella valle dell’Ardre. La situazione si fa estremamente grave: i nostri muovono con prontezza ed energia al contrattacco, utilizzando i battaglioni della riserva, ma il loro slancio si spezza davanti all’irruenza avversaria, continuamente alimentata da truppe fresche.
     L’avanzata tedesca non può essere arrestata: i fanti della Brescia cercano in tutti i modi di contenerla, strenuamente resistendo e fieramente combattendo, ma alla fine, premuti da ogni parte, sono costretti a ripiegare.
     Gli scarsi resti della brigata, nel pomeriggio di questa sanguinosa giornata, sono riuniti tra Champillon e Bellevue e quindi vengono inviati nella zona di St-Ouen per riordinarsi. Quivi la Brescia rimane fino al 13 agosto, indi si trasferisce, dopo essersi ricostituita, nel settore di Futeau (Argonne) ove resta in seconda linea fino al 7 settembre. Successivamente raggiunge per ferrovia la zona a sud della Marna nei pressi di Chäteau - Thierry e il 16 entra in linea nel settore di Fismes a sud dell’Aisne, per passare poi, il 21 dello stesso mese, in quello di Vauxtin. La normale attività della brigata non viene turbata da alcun avvenimento, finchè anch’essa non è chiamata a prendere parte alla controffensiva alleata, già in pieno sviluppo. Il 10 ottobre due battaglioni del 19° e uno del 20°, con rinnovato gagliardo spirito aggressivo si lanciano all’attacco, passano a nord dell’Aisne e, vinta la viva resistenza del nemico, riescono con rapido sbalzo a porre saldo piede sullo Chemin des Dames, catturando numerosi prigionieri.
     Il giorno 12 le infaticabili truppe del II Corpo Italiano ricevono ordine di forzare l’Ailette: nella stessa giornata il fiume è oltrepassato; all’indomani i reparti più avanzati della Brescia raggiungono la ferrovia Laon-Reims ed il giorno 14, insieme ad altre unità della 3a divisione, occupano la città di Sissonne.
     Nella rapida e faticosa avanzata, attraverso terreno paludoso e intricato, compiuta sempre aspramente combattendo, le nostre truppe pervengono a contatto della linea così detta "Hunding Stellung", sulla quale il nemico inizia una nuova e più accanita resistenza.
     Il 5 novembre la brigata riprende la sua gloriosa avanzata: il 7 raggiunge Résigny; il mattino seguente si batte con accanimento nel villaggio di Aouste, ove i Tedeschi hanno organizzato una forte difesa, ne vince la viva resistenza il 9 e prosegue l’inseguimento, occupando nella stessa giornata i villaggi di Flaignes, Marby, Etalle.
     Il 10 il I/19° occupa Rimogne, quindi, attraverso il bosco della Vieille Forge, incalza l’avversario, ricacciandolo in disordine verso Les Mazures.
     L'11 novembre è conchiuso l’armistizio: e la brigata, che dal 15 settembre al 10 novembre ha sofferto la perdita di circa 1000 uomini, dei quali 33 ufficiali, sosta nella zona Les Mazures - Bourg - Fidèle - Tremblois.
     Per le prove di valore, fermezza ed ardimento date sui gloriosi campi di battaglia francesi, le bandiere dei due reggimenti vennero decorate di una seconda medaglia d’argento al valor militare.

RICOMPENSE.

MEDAGLIA D’ARGENTO.

Alle Bandiere dei Reggimenti della Brigata (19° e 20° Fanteria):

     “Sanguinosamente ascesero le contrastate pendici del Bosco Cippuccio sul Carso, affermandone in cima, sicuramente, il possesso (18 - 25 luglio 1915). Sul M. S. Michele, impavidi dinanzi alla improvvisa violenza di venefiche insidie, con irresistibile slancio piombarono sul nemico srappandogli tutti i momentanei successi e respingendone i ripetuti contrassalti (29 giugno 1916)".

(Boll. Uff. del 12 agosto 1916, disp. 66).

Alla Bandiera del 19° Reggimento Fanteria:

     Tenne alto, sul fronte francese, l’onore delle armi d’Italia in lotte aspre e violente, con largo tributo di sangue, oppose incrollabile resistenza ai furiosi attacchi avversari, accompagnati da venefiche insidie. In successive giornate gloriose, dando prova d’irresistibile slancio, d’invitto coraggio e di mirabile spirito di sacrificio, assalì e travolse formidabili posizioni nemiche, catturando prigionieri e copioso materiale bellico (Bois de Courton - Aisne - Chemin des Dames - Sissonne - Meuse, luglio - novembre 1918)".

(Boll. Uff. del 5 giugno 1920, disp. 47).

Alla Bandiera del 20° Reggimento Fanteria:

     “Tenne alto, sul fronte francese, l’onore delle armi d’Italia. In lotte aspre e violente, con largo tributo di sangue oppose incrollabile resistenza ai furiosi attacchi avversari, accompagnati da venefiche insidie. In successive giornate gloriose, dando prova d’irresistibile slancio, d’invitto coraggio e di mirabile spirito di sacrificio, assalì e travolse formidabili posizioni nemiche, catturando prigionieri e copioso materiale bellico (Montagna di Bligny - Valle dell'Ardre - Aisne -Chemin des Dames - Sissonne - Meuse, luglio-novembre 1918)".

(Boll. Uff. del 5 giugno 1920, disp. 47).

 
UFFICIALI MORTI IN COMBATTIMENTO, IN SEGUITO A FERITE O IN PRIGIONIA.
Grado Cognome e Nome Luogo di nascita Luogo e data di morte

19° Reggimento Fanteria.

1 Maggiore Fulvio Edoardo Napoli S. Michele, Sdraussina 12-11-1915
2 Id. Remondini Vittorio Parma Sdraussina 19-07-1915
3 Id. Ricca Ernesto Piova Pecinka 14-09-1916
4 Id. Viano Federico Fossano Bosco Frimont (Francia) 07-06-1918
5 Capitano Bonfiglio Carlo Milano Osp. Palmanova 20-11-1915
6 Id. Calvi Michele Palestro Osp. Compiègne (Francia) 21-09-1918
7 Id. Capialbi Vincenzo Monteleone Sdraussina 18-07-1915
8 Id. Cremona Nazzareno Id. Bainsizza 27-08-1917
9 Id. Crosti Felice Milano Osp. d. C. Gradisca 15-09-1916
10 Id. De Medici Ruggero Nicastro M. S. Michele 10-11-1915
11 Id. Elvisi Carlo (disp.) Napoli Id. 11-11-1915
12 Id. Leonetti Giuseppe Ascoli piceno Pecinka 14-09-1916
13 Id. Manzini Antonio Modena Sdraussina 19-07-1915
14 Id. Migno Celso Moncrivello M. S. Michele 28-11-1915
15 Id. Patriarca Giuseppe Gattinara Osp. d. C. 060, Medea 17-11-1915
16 Id. Porcellini Antonio Calvello Bosco Cappuccio 20-07-1915
17 Id. Regnani Flavio Scandiano M. S. Michele, Sdraussina 10-11-1915
18 Id. Santulli Lorenzo Monteleone Id. 11-11-1915
19 Id. Scalfaro Ercolino Catanzaro Bosco Cappuccio 18-07-1915
20 Id. Urciuoli Manfredi Benevento In prigionia 20-07-1915
21 Id. Valentini Luigi Ancarano Soupir (Francia) 04-10-1918
22 Tenente Cacciola Giovanni Messina Osp. Palmanova 26-06-1916
23 Id. Carrabino Pietro Nicosia M. Notre Dame (Francia) 20-09-1918
24 Id. Casoria Alberico / Bosco Cappuccio 20-07-1915
25 Id. Cialden Arnaldo Palestrina Bainsizza q. 845 30-08-1917
26 Id. Del Percio Guido Volturara Dosso Fajti 16-05-1917
27 Id. De Micheli Guido Milano Osp. Compiègne (Francia) 20-09-1918
28 Id. Di Leo Antonio Cattolica E. Flondar 09-06-1917
29 Id. Emanuelli Giuseppe Genova S. Michele, Sdraussina 06-08-1916
30 Id. Frassetto Gustavo Roma Sdraussina 20-07-1915
31 Id. Giacomucci Giuseppe Vasto S. Michele, Sdraussina 07-08-1916
32 Id. Goldoni Carlo Roma Goincy, Aisne (Francia) 17-09-1918
33 Id. Parzioli Angelo Città della Pieve Osp. Fleury sur Aire 18-06-1918
34 Id. Raponsoli Gaetano Tropea Osp. d. C. Villesse 18-07-1915
35 Id. Vatalla Cesare / Bosco Cappuccio 20-07-1915
36 Id. Vitolo Renato Napoli Id. 19-07-1915
37 S. Ten. Arena Vincenzo Pizzoni Bainsizza 30-08-1917
38 Id. Bon Bellotti Volpago Pecinka 10-10-1916
39 Id. Bonamore Armando Torino Sdraussina 14-09-1916
40 Id. Bonsignore Eugenio Girgenti Osp. Palmanova 14-11-1916
41 Id. Botta Alberto Mulazzo Id.
42 Id. Camurri Enrico Porto Torres Osp. Gradisca 20-09-1916
43 Id. Capria Cesare (disp.) Pizzo M. S. Michele 14-05-1916
44 Id. Caracchini .......... / Id. 15-05-1916
45 Id. Carusio Edoardo Napoli Bainsizza 28-08-1917
46 Id. Cavaliere Ettore Messina Bosco Cappuccio 22-07-1915
47 Id. Cavaliere Gennaro Napoli M. S. Michele 18-12-1915
48 Id. Cerasaro Domenico Rossano C. Bosco Cappuccio 25-07-1915
49 Id. Chiarelli Tommaso Id. Id. 18-07-1915
50 Id. Ciani Rocco Spinazzola Pecinka 16-09-1916
51 Id. Darà Antonio Palermo M. S. Michele 22-12-1915
52 Id. De Angelis Pietro Caserta Id. 29-11-1915
53 Id. Derosis Luigi Terranova Bosco Cappuccio 20-07-1915
54 Id. Derussis Camillo Rossano Id. 22-07-1915
55 Id. De Silvestri Francesco Cerro al V. M. S. Michele 11-11-1915
56 Id. Di Meo Atlante Volturara Dosso Fajti 13-05-1917
57 Id.  Fabiani Francesco Maida Bosco Cappuccio 19-07-1915
58 Id. Fatta Filippo Cefalù Bainsizza 27-08-1917
59 Id. Ferrara Ugo Piacenza M. S. Michele 07-11-1915
60 Id. Gambaro Francesco Cefalù Bainsizza 27-08-1917
61 Id. Gentile David Reggio Calabria Amb. Chir. 4, 15-10-1916
62 Id. Giuliano Raffaele Napoli M. S. Michele 06-08-1916
63 Id. Giusto Ettore Catania Bosco Cappuccio 19-07-1915
64 Id. Grasso Corbidio Apollosa Osp. chirur. mob. n.3, 28-08-1917
65 Id. Improta Salvatore S. Giov. Ted. Osp. Soresina 16-12-1915
66 Id. Intravia Gaetano Catania Pecinka 10-10-1916
67 Id. Larosa Pietro Pedara Bosco Cappuccio 18-07-1915
68 Id. Maifreni Mario (disp.) Udine M. S. Michele 29-06-1916
69 Id. Manfredi Pasquale S. Marco Ar. Osp. d. C. 92, Romans 11-11-1915
70 Id. Marfuggi Francesco Lusciano Osp. d. C. 075, Sagrado 19-09-1916
71 Id. Mastrascusa Giovanni Morano Cal. Bosco Cappuccio 20-07-1915
72 Id. Materasso Nicola Nicastro M. S. Michele 10-11-1915
73 Id. Milone Alfredo Sarno M. San Michele 10-01-1916
74 Id. Nigro Italo Montalto Uff. Bosco Cappuccio 18-07-1915
75 Id. *Nudo Raffaele Cervicati Cervicati 05-02-1918
76 Id. *Patris Gaetano Salerno Osp. Catanzaro 29-06-1916
77 Id. Pavone Sebast. (cavall.) Catania M. S. Michele 16-11-1915
78 Id. Rossi Armando Trani Id. 10-11-1915
79 Id. Salvo Mariano Termini Im. Id. 23-11-1915
80 Id. Sambuca Alessandro Como Id. 11-11-1915
81 Id. Scaletti Ugo Milano Id. 10-11-1915
82 Id. Scorza Vincenzo Terranova Bosco Cappuccio 18-07-1915
83 Id. Seminara Leonardo Acireale Id.
84 Id. Somaglino Francesco Magenta Pecinka 19-08-1916
85 Id. Sorgoni Jago Loreto M. S. Michele 18-11-1915
86 Id.  Stimolo Mario Napoli M. Pecinka 15-08-1916
87 Id. *Tedeschi Pietro Serra S. Br. In prigionia 18-03-1918
88 Id. Telesca Antonio Matera M. S. Michele 06-03-1916
89 Id. Temussi Carlo Angelo Macomer Osp. d. C. 76 Romans 04-01-1916
90 Id. Vassallo Giovanni Caltagirone Bainsizza 26-08-1917
91 Id. Vieni Antonio S. Salvatore M. S. Michele 10-11-1916
92 Id. Vitta Zelmann Emilio Biella Osp. d. C. Sagrado 29-11-1915
93 Aspir. Bendandi Giovanni Lugo M. Pecinka 14-09-1916
94 Id. Bisi Antonio Finale Em. M. S. Michele 21-11-1915
95 Id. Savarino Carmelo Ravenna Bainsizza 03-09-1917
96 Id. Secchi Luigi Ghilarza Amb. chir. 5, Villesse 13-10-1916
97 Id. Zanolotti Carlo Aless. d'Eg. Bainsizza 23-08-1917

Ufficiali morti per malattia.

1 Tenente Miglio Carlo Castrovillari Osp. d. C. 072, 09-08-1915
2 S. Ten. Manni Filippo Terni Roma 28-12-1918
3 Id. Palazzi Filippo Genova Osp. d. C. 76, Ajello 28-09-1915
4 Id. Venturoli Alberto Casalfiumanese Brescia 02-09-1918

20° Reggimento Fanteria.

1 Ten. Col. Marenco Colombano S. Michele Mondovì Bosco Triangolare 18-07-1915
2 Maggiore Calvini Ettore Bussana Bosco Cappuccio 18-07-1915 
3 Id. Cortese Giuseppe Carpi Osp. d. C. 92, Romans 29-06-1915
4 Id.  Fabbri Luigi Roma M. S. Michele 11-11-1915
5 Id. Germanini Evasio Tonco Oppacchiasella 14-09-1916
6 Id. Ramorino Giovanni (disp.) Acqui Carezzano 18-09-1917
7 Capitano Bonvino Manlio Pietra Montecorvino Osp. d. C. 76, Romans 29-06-1916
8 Id. Borgia Nicola Piana d. G. M. S. Michele 13-03-1916
9 Id. Caiazza Benedetto Campolattaro Devetaki 23-05-1917
10 Id. Capua Vincenzo (disp.) Melicucca M. S. Michele 29-06-1916
11 Id. Dalmazzoni Arnaldo (disp.) Bologna Bligny (Francia) 15-07-1918
12 Id. D'Ari Gustavo Sessa Aur. M. S. Michele 29-07-1916
13 Id. Dominici Umberto Celenza Nad Logem 17-09-1916
14 Id. Galbiati Pietro (disp.) Cisliano Bligny (Francia) 15-07-1918
15 Id. Jurlaro Pasquale Taranto Bosco Triangolare 21-07-1915
16 Id. Orefice Ettore Bari Sagrado 29-06-1916
17 Tenente Acciani Giulio Montemilone Vhrovec 29-08-1917
18 Id. Cozzato Ernesto Corsano Bosco Triangolare 19-07-1915
19 Id. Florena Salvatore S. Stefano 21a Sez. San. Casegliano 21-07-1915
20 Id. Ilario Antonio / Bosco Cappuccio 18-07-1915
21 Id. Marri Domenico Faenza M. S. Michele 07-08-1916
22 Id. Minuto Giuseppe Reggio Cal. Osped. d. C. 49, Drierer 07-10-1918
23 Id. Moccia Pietro Napoli M. Cappuccio 19-07-1915
24 Id. Piccinale Angelo Roma Bosco Triangolare 24-07-1915
25 Id. Pierro Gennaro Napoli 10a Auto-ambul. Turriaco 19-07-1915
26 Id. Quattrociocchi Rodolfo S. Francesco Bainsizza 24-08-1917
27 S. Ten. Amendola Alfredo Fiumefreddo Osp. d. C. 92, Romans 11-08-1916
28 Id. Angeli Guglielmo Roma M. S. Michele 12-11-1915
29 Id. Arena Ippolito Monteleone 22a Sez. San., Sagrado 29-06-1916
30 Id. Bellucci Gaetano Napoli M. S. Michele 15-08-1916
31 Id. Biavasco Saverio Bari 22a Sez. San., Sagrado 29-06-1916
32 Id. Bilotta Domenico Carlopoli Bosco Cappuccio 18-07-1915
33 Id. Binda Dante Gavirate M. S. Michele 06-08-1916
34 Id. Boffi Luigi Milano M. S. Michele 11-11-1915
35 Id. Bonaiuto Antonio Canicattì Locvica 03-01-1916
36 Id. Braccini Giulio Roma Osp. d. C. 76, Romans 11-11-1915
37 Id. Bruno Attilio Piazza Armerina M. S. Michele 10-11-1915
38 Id. Cammarata Vincenzo Trapani Id. 07-12-1915
39 Id. Campari Luigi Bologna Id. 21-06-1916
40 Id. Carbonaro Giuseppe Catania Id. 31-12-1915
41 Id. Cattaneo Aldo Monza Osp. d. C. 76 Romans 11-02-1916
42 Id. *Charlet Renato Trieste Osp. di Rovigo 06-08-1916
43 Id. Citarelli Riccardo Stilo M. S. Michele 10-11-1915
44 Id. Codisposti Attilio Ardore Sagrado 29-06-1916
45 Id. Cresti Luigi Siena M. S. Michele 09-08-1916
46 Id. Curioni Roberto Milano Osp. Palmanova 29-06-1916
47 Id. De Mori Alessandro Bari Osp. d. C. 92, Romans 29-06-1916
48 Id. De Risi Bartolomeo Roma M. S. Michele 29-06-1916
49 Id. Di Zinno Pietrangelo Celenza Id. 27-11-1915
50 Id. Donadio Raffaele Morano Id. 22-07-1916
51 Id. Fagnola Daniele Piacenza 22a Sez. San., Sagrado 11-08-1916
52 Id. Fantelli Nicola Morrone S. M. Pecinka 18-12-1916
53 Id. Fata Italo Reggio Cal. Nad Logem 14-09-1916
54 Id. Fazzari Ugo Gregorio Tropea Bosco Triangolare 19-07-1915
55 Id. Franco Antonio Fiumara Nad Logem 02-10-1916
56 Id. Ghezzi Vittorio Bulciago 22a Sez. San., Sagrado 24-06-1916
57 Id. Giagheddu Stefano Cagliari M. S. Michele 29-06-1916
58 Id. Grazzini Gio. Batt. Montelupo Id.
59 Id. Grimaldi Antonio Bari Sagrado 22-11-1915
60 Id. Ingino Umberto Foggia M. Pecinka 10-10-1916
61 Id. Laghi Carlo Siena S. Martino, Carso 01-02-1916
62 Id. Macri Antonio Polistena M. S. Michele, cima 3, 08-11-1915
63 Id. Maruca Carlo Catanzaro Bosco Cappuccio 18-07-1915
64 Id. Miduri Gaetano Reggio Cal. M. S. Michele 06-08-1916
65 Id. *Militello Francesco (disp.) Montemagg. Bosco Cappuccio 22-10-1915
66 Id. Minniti Leopoldo Ardore M. S. Michele 07-08-1916
67 Id. Onesti Michele Salerno Nad Logem 17-09-1916
68 Id. Pastore Salvatore S. Cristina S. Martino, Carso 22-11-1915
69 Id. Pianelli Sante Trapani Id.
70 Id. *Rinaldi Filippo Potenza Osp. Bologna 25-01-1916
71 Id. Ranieri Filippo Gallico S. Michele 29-06-1916
72 Id. Savarese Gabriele Brienza Id. 15-06-1916
73 Id. Serra Lanza Alessandro Catania Vhrovec 30-08-1917
74 Id. Staffa Nicola Spezzano A. Osp. d. C. 92, Romans 30-07-1916
75 Id. Taverniti Giov. Batt. Spezzano Nad Logem 16-08-1916
76 Aspir. Ceraso Ugo Capua Locvika 15-09-1916
77 Id. Ferrario Agostino Ceriano Osp. d. C. 060, Medea 27-11-1915
78 Id. Menna Angelo Palma S. Michele 06-08-1916
79 Id. Moscato Pietro Siculiana Dosso Fajti 23-05-1917
80 Id. Orefice Enrico Palermo M. S. Michele 29-06-1916
81 Id. Petrocelli Camillo Montemurro M. Pecinka 10-10-1916
82 Id. Reitano Nunzio (disp.) Acireale M. S. Michele 29-06-1916
83 Id. Tarantini Francesco / Id. 06-08-1916
84 Id. Volpe Augusto Napoli Id. 29-06-1916

Ufficiali morti per malattia.

1 Tenete Trivero Luigi Vercelli Vercelli 12-04-1919
2 S. Ten. Fenoglio Adolfo B. S. Dalm. Osp. Cuneo 23-11-1917
3 Id. Tedeschi Ugo Genova Osp. Verona 07-01-1918
 

  MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE.

19° REGGIMENTO FANTERIA.

Capitano SCALFARO ERCOLINO, da Catanzaro:

     “Progettava ed effettuava, con quattro soldati, sotto intenso fuoco, la posa di tubi esplosivi nei reticolati nemici, facendoli brillare ed aprendo così una larga breccia. Successivamente si slanciava, con mirabile ardimento, all’attacco del trinceramento avversario, e cadeva mortalmente ferito. Nell’attesa del suo successore, sollevatosi alquanto, continuò a tenere il comando della compagnia, interessandosi dell’azione che si svolgeva più che della ferita riportata, finchè una violenta emorragia lo uccise. Dedicò con valore, alla Patria, gli ultimi istanti della sua nobile esistenza.  - Sella S. Martino, 16 luglio e Sdraussina, 18 luglio 1915".

(Boll. Uff., anno 1916, disp. 38)

Maggiore BETTOIA EDOARDO, da Caluso (Torino):

     “Spingeva le sue truppe all’assalto di fortissime trincee nemiche, facendo prigioniero un reparto austriaco venuto improvvisamente ad attaccare sul fianco. Durante l’accanito combattimento, ferito successivamente e gravemente per tutto il corpo da cinque proiettili, dei quali uno gli fracassava una spalla, persisteva ad incuorare i suoi nell’azione per farsi onore in nome del reggimento. Ferito una sesta volta da scheggia di granata e trasportato via, seguitava ancora ad incitare quelli che incontrava a perseverare nel combattimento. - Castelnuovo, 18-19-20 laglio 1915".

(Boll. Uff., anno 1915, disp 98).

 

MILITARI DECORATI CON L’ORDINE MILITARE DI SAVOIA.

COMANDO DI BRIGATA

FERRARI DECIO, tenente generale — cavaliere - Bosco Cappuccio - Bosco Triangolare - Sella S. Martino, 18 luglio - 10 agosto 1915.
BALDASSARRI BALDASSARRE, colonnello brigadiere - cavaliere - Carso, maggio - novembre 1916.

COMANDANTI DI BRIGATA.

ANFOSSI PAOLO, colonnello - cavaliere - Carso q. 235-219, maggio-giugno 1917.
ZUCCARO FEDERICO, maggiore — cavaliere - Piave, 2-6 luglio 1918.
CARTIA nob. dei baroni di SPARACITO e di GIARRENTINI  e dei signori di MUSEBBI GUGLIELMO, brigadiere generale - cavaliere - Ardre - Aisne - Chemin des Dames - Ailette - Mosa, 15 luglio - 11 novembre 1918.

19° REGGIMENTO FANTERIA.

TISCORNIA LUIGI, colonnello - cavaliere — Sella di S. Martino - Bosco Cappuccio, 18 luglio - 10 agosto 1915.
MARINI EDOARDO, maggiore - cavaliere - Monte S. Michele del Carso, 7 - 10 e 11 novembre 1915
 

20° REGGIMENTO FANTERIA.

GRILLI NAPOLEONE, colonnello - cavaliere - Bosco Cappuccio e Bosco Triangolare (Carso) 18 - 25 luglio 1915.
TALLANDINI EMILIO (MONTANARI GIULIO), capitano - cavaliere - Carsia Giulia, 15 - 16 e 17 settembre 1916.

MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ARGENTO E DI BRONZO AL VALOR MILITARE.

MEDAGLIA D’ARGENTO.

19° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 60 - Truppa, n. 65.
20° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 76 - Truppa, n. 63.

MEDAGLIA DI BRONZO.

19° Regg. Fanteria: Ufficiali e militari di truppa, n. 200.
20° Regg. Fanteria: Ufficiali e militari di truppa, n. 261.

COMANDANTI DELLA BRIGATA.

Magg. gen. FERRARI Decio, dal 24 maggio al 15 dicembre 1915.
Magg. gen. FIORETTA Pietro, dal 16 dicembre 1915 al 1° gennaio 1916.
Magg. gen. SANTANGELO Felice, dal 2 gennaio al 21 maggio1916.
Colonnello BALDASSARRI Baldassarre, dal 22 maggio 1916 all'aprile 1917 (ferito).
Colonnello brig. CASTELLANO Egildo, dal 25 aprile 1917 all'8 agosto 1917.
Magg. Gen. BALDASSARRI Baldassarre,dal 9 al 25 agosto 1917.
Colonnello brig. CARTIA Guglielmo, dal 28 agosto 1917 al termine della guerra.

COMANDANTI DEL 19° REGGIMENTO FANTERIA.

Colonnello TISCORNIA Luigi, dal 24 maggio 1915 al 29 agosto 1915.
Colonnello AMATO Luigi, dal 23 settembre al 20 dicembre 1915.
Colonnello BERNARDI Alfonso, dal 29 dicembre 1915 al 1° aprile 1916.
Colonnello MORESCHI Oreste, dal 28 aprile 1916 al 26 agosto 1916 .
Ten. colonnello MASSIONE Giuseppe, dal 3 settembre al 2 dicembre 1916.
Ten. colonnello COLLER Gaspare, dal 3 dicembre 1916 al 1° agosto1917.
Ten. colonnello MANUNTA Celestino, dal 9 agosto al 27 agosto 1917 (per ferita).
Ten. Colonnello PARODI Fiorentino, dal 30 agosto 1917 al termine della guerra.

COMANDANTI DEL 20° REGGIMENTO FANTERIA.

Colonnello CARBONE Demetrio, dal 24 maggio al 23 giugno 1915.
Colonnello GRILLI Napoleone, dal 1° luglio 1915 al 10 luglio 1916 (ferito).
Ten. Colonnello BOSATTA cav. Ugo, dall'11 luglio 1916 al 22 giugno 1917.
Ten. Colonnello SIBILLA Girolamo, dal 23 giugno 1917 al 25 agosto 1917.
Ten. colonnello BERNARDI DELLA ROSA Gino, dal 28 agosto 1917 al termine della guerra.

 

UFFICIALI SUPERIORI E CAPITANI COMANDANTI DI BATTAGLIONE

 

19° REGGIMENTO FANTERIA.

I° battaglione

Grado Casato e Nome Data di assunzione Data di Cessazione Annotazioni
Ten. Col. Pasquale Nicola 24/05/15 12/08/16  
.......... ........................ ................. .....................  
Maggiore De Rossi Antonio 29/09/16 01/12/16  
.......... ........................ ............. .....................  
Capitano Sibille Luigi 25/12/16 23/03/17  
Maggiore Miani Emilio 01/05/17 14/05/17 Ferito.
................. ..................... .................. ....................  
Maggiore Scattaglia Nazzareno 01/07/17 01/07/18  
................ ........................ ................. ...................  
Capitano Calvi Michele 01/08/18 17/08/18 Morto per ferite.
Maggiore Simone Stefano 19/08/18 al termine della guerra.  

II° battaglione

Maggiore Remondini Vittorio 24/05/15 19/07/15 Caduto sul campo. 
Id. Rossi Gennaro 19/07/15 22/10/15  
Id. Marini Edoardo 22/10/15 11/11/15 Ferito. 
Id. Pellegrini Felice 12/11/15 22/04/16  
Id. Marini Edoardo 23/04/16 15/08/16 Ferito. 
Capitano Crosti Felice 25/08/16 14/09/16 Caduto sul campo. 
.............. .................... ............... ...............  
Maggiore Goiran Antonio 05/10/16 14/05/17  
Id. Ermacora Francesco 18/05/17 05/06/17  
.............. ........................... ................ ...............  
Maggiore Di Muro Beniamino 04/08/17 10/11/17  
............... ........................ ................. ................  
Maggiore Viano Federico 28/12/17 08/06/18 Caduto sul campo.
Id. Ciancia Silvio 12/06/18 15/07/18  
.............. ....................... ............... .................  
Capitano Bonetta Angelo 04/08/18 20/08/18 Ferito.
Maggiore Maddalena Mario 21/08/18 19/09/18  
.............. ......................... ................ ...................  
Maggiore Rossoni Camillo 13/10/18 23/10/18  
Ten. Col. Salomone Clearco 24/10/18 31/01/19  

III° battaglione.

Maggiore Bettoia Edoardo 24/05/15 20/07/15 Ferito.
Id. Fulvio Edoardo 21/07/15 13/11/15 Caduto sul campo. 
Id. Ricca Ernesto 16/11/15 14/09/16 Id. 
.............. ..................... ................ ...............  
Maggiore Lombardi Ezio 18/10/16 08/10/17  
.............. .................... ................. ................  
Maggiore De Renzi Raffaele 28/12/17 24/01/18  
................ ...................... ................ ................  
Ten. Col. Serafini Amici Adriano 01/05/18 12/07/18  
............... ................... .......... ............  
Maggiore Amante Alberto 28/07/18 15/08/18  
............ .................... ............... .................  
Maggiore Segui Roberto 30/09/18 al termine della guerra.  

20° REGGIMENTO FANTERIA.

I° battaglione

Maggiore Zabert Giuseppe 24/05/15 15/11/15  
Id. Campari Francesco 16/11/15 agosto 1916 Ferito.
Id. Boffano Giov. Battista 22/08/16 21/09/16  
............... .................... .............. ..................  
Maggiore Marchesi Luigi 30/08/18 al termine della guerra.  

IV° battaglione (dal 27 giugno 1916 assume la denominazione di II battaglione)

Maggiore Calvini Pietro / 18/07/15 Caduto sul campo. 
Id. Cortese Luigi 25/07/15 29/06/16 Id. 
.............. ................... ................ ...............  
Maggiore Germanino Evasio agosto 1916 14/09/16 Id.
Capitano De Martino Mario Ottob. 1916 maggio 1917 Ferito
............ ..................... .............. .............  
Capitano Briglia Antonio 01/07/17 05/10/17 Ferito. 
Ten. Col. Lombardini Ezio 16/10/17 al termine della guerra.  

III° battaglione

Maggiore Marenco Colombano 24/05/15 18/07/15 Caduto sul campo. 
Id. Fabri Luigi 20/07/15 11/11/15 Id.
Id. Mondolfi Raffaele 16/11/15 09/08/16  
Id. Brasioli Romolo 09/08/16 dicem. 1916  
.......... .................. .............. ................  
Capitano Gabba Alberto 30/08/17 30/04/18  
Maggiore Bezzicheri Guido 04/05/18 20/09/18 Ferito. 
Id. Rossoni Achille 30/09/18 al termine della guerra.  
 

SERVIZI PRESTATI IN LINEA ED IN ZONA DI RIPOSO

Permanenza in linea

Permanenza in zona di riposo, lavori, trasferimenti, ecc.

 Anno 1915

Dal 9 giugno al 10 agosto (Monte Fortin - Bosco Cappuccio).

Dal 6 novembre al 31 dicembre (Monte San Michele).

 Anno 1916

Dal 1° al 14 gennaio (San Martino - Cima 4 - Cima 3).

Dal 30 gennaio al 19 febbraio (Cima 3 - Cima 4).

Dal 10 marzo al 7 aprile (S. Michele).

Dal 28 aprile al 19 maggio (S. Michele).

Dal 5 al 29 giugno (S. Michele - Cima 1 e Cima 2).

Dal 15 luglio al 9 agosto (Cima 3 e 4 del S. Michele).

Dal 15 al 25 agosto (Pecinka - Segeti).

Dal 12 settembre al 14 ottobre (Vizintini - Cave Devetaki).

Dal 24 ottobre al 24 novembre (Vizintini - Cave Devetaki - q. 187).

Dal 13 al 31 dicembre (Castagnevizza).

 Anno 1917

Dal 7 al 21 febbraio (Castagnevizza).

Dal 5 al 21 marzo (Pecinka - Fajti).

Dal 5 al 21 aprile (Pecinka - Fajti).

Dal 1° al 25 maggio (Pecinka - Fajti).

Dal 4 al 7 giugno (Settore di Flondar).

Dal 18 luglio al 7 agosto (Doblar - Valle Rio - Cigini).

Dal 20 agosto all'11 settembre (Kambresco - Leupa - Okroglo).

Dal 30 settembre al 30 novembre (q. 800 Bate (Bainsizza) - Na Kobil - Kobilek - Plava - M. Fortin - Farra - Talmassons - S. Vendemmiano - Limena).

 Anno 1918

Dal 30 maggio al 15 luglio: Fronte francese (Vauquois - Bois de Courton).
 
Dal 16 settembre all'11 novembre (Fismes - Paars - Sissonne - Aouste - Mosa).

 Anno 1915

Dal 24 maggio all'8 giugno (Trasferimento delle sedi al luogo di radunata).

Dall'11 agosto al 5 novembre (Ajello).

 Anno 1916

Dal 15 al 29 gennaio (Chiopris - Sdraussina - Versa).

Dal 20 febbraio al 9 marzo (Chiopris - Versa).

Dall'8 al 27 aprile (Chiopris - Versa).

Dal 20 maggio al 4 giugno (Chiopris - Versa).

Da 30 giugno al 15 luglio (Chiopris - Versa).

Dal 26 agosto all'11 settembre (Versante ovest di San Michele).

Dal 15 al 23 ottobre (Romans - Villesse).

Dal 25 novembre al 12 dicembre (Sagrado).

 

 

 

 Anno 1917

Dal 1° gennaio al 6 febbraio (Cave Devetaki - Vizintini - Santa Maria la Longa).

Dal 22 febbraio al 4 marzo (Sagrado).

Dal 22 marzo al 4 aprile (Sdraussina - Vallone).

Dal 26 maggio al 3 giugno e dall'8 giugno al 17 luglio (Pieris - Santa Maria la Longa).

Dall'8 al 19 agosto (Orsaria).

Dal 12 al 29 settembre (Canale).

Dal 1° al 31 dicembre [Viarolo - Conazzano - Ronco Campo Carmelo (Fiume Taro)].

 

 Anno 1918

Dal 1° gennaio al 29 marzo (Viarolo - Conazzano - Villanova - Regione del Garda). Il 19 aprile trasferimento in Francia (Saint Ouen - Nubecourt).

Dal 16 luglio al 15 settembre (Bellevue - Saint Ouen - Futeaux - Monte Notre Dame).

  RIEPILOGO
Linea Riposo
Mesi Giorni Mesi Giorni
Anno 1915

3

28

3

11

Anno 1916

7

23

4

8

Anno 1917

6

17

5

13

Anno 1918

6

28

3

3

TOTALI Mesi 25 e giorni 6 Mesi 6 e giorni 13
 
RIEPILOGO DELLE PERDITE IN COMBATTIMENTO
LOCALITA' E DATA 19° REGGIMENTO 20° REGGIMENTO
Ufficiali Truppa Ufficiali Truppa
Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi
1915
M. S. Michele (24 maggio – 17 luglio)

/

1

/

14

90

/

1

/

/

5

47

/

2a battaglia dell'Isonzo (18 luglio - 3 agosto)

23

15

3/3

193

658

130

12

23

1/1

148

594

68

M. S. Michele (6 - 9 novembre)

1

3

/

3

52

/

1

/

/

28

81

7

4a battaglia dell'Isonzo (10 novembre - 5 dicembre)

20

19

/

301

1153

97

12

19

/

187

808

42

M. S. Michele (11 - 31 dicembre)

3

/

/

7

10

/

1

/

/

10

20

/

Totale anno 1915 47 38 3/3 518 1963 227 27 42 1/1 378 1550 117
 
1916
M. S. Michele (1° gennaio - 30 maggio)

4

10

1/1

103

440

26

4

6

1/1

63

263

27

M. S. Michele (5 - 30 giugno)

2

9

/

13

494

66

18

4

/

356

404

139

M. S. Michele (16 luglio - 5 agosto)

/

/

/

9

117

/

3

/

/

6

108

/

6a battaglia dell'Isonzo (6 - 17 agosto)

5

16

1/1

83

806

302

11

27

1/1

80

848

157

7a battaglia dell'Isonzo (14-18 settembre)

6

12

/

166

549

129

8

32

/

109

573

90

Castagnevizza (19 settembre - 8 ottobre)

/

1

/

18

220

/

1

3

/

24

168

/

8a battaglia dell'Isonzo (9 - 12 ottobre)

2

13

1/1

74

413

70

2

9

/

51

302

27

Devetaki - Castagnevizza (13 ottobre - 31 dicembre)

5

5

/

51

396

/

2

6

/

64

242

/

Totale anno 1916 27 75 3/3 578 3682 540 45 70 2/2 720 2855 447
 
1917
Castagnevizza - Fajti (1° gennaio - 11 maggio)

/

4

/

26

117

/

/

4

/

24

142

11

10a battaglia dell'Isonzo: (12 maggio – 7 giugno)

3

15

/

189

989

35

2

20

/

50

557

64

Doblar (18 luglio - 16 agosto)

/

/

/

1

8

/

/

/

/

2

9

/

11a battaglia dell'Isonzo (18 luglio - 16 agosto)

10

15

/

104

705

4

3

8

/

180

555

73

Q. 807 - Kal - V. Chiapovano (13 settembre - 23 ottobre)

/

2

/

11

37

/

1

2

/

16

80

/

Dall'Isonzo al Piave (24 ottobre - 26 novembre)

/

/

18/14

4

27

1038

/

/

15/7

/

/

1161

Totale anno 1917 13 36 18/14 335 1883 1077 6 34 15/7 272 1343 1309
 
1918
Fronte francese (30 maggio - 12 luglio)

2

4

/

7

32

/

/

3

/

18

59

5

Bois de Courton (15 luglio)

/

4

43/42

/

41

1892

2

2

31/28

/

50

1788

Dal 15 settembre all'11 novembre

5

9

1/1

43

241

97

1

15

2/2

33

351

31

Totale anno 1918 7 17 44/43 50 314 1989 3 20 33/30 51 460 1824
 
RIEPILOGO GENERALE
Anno 1915

47

38

3

518

1963

227

27

42

1

378

1550

117

Anno 1916

27

75

3

578

3682

540

45

70

2

720

2855

447

Anno 1917

13

36

18

335

1883

1077

6

34

15

272

1343

1309

Anno 1918

7

17

44

50

314

1989

3

20

33

51

460

1824

TOTALE GENERALE 94 166 68/63 1481 7842 3833 81 166 51/40 1421 6208 3697


Stampa la pagina


Invia ad un amico



Pag. 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118