Fronte del Piave
Hotel San Marco Montebelluna TV
 
Menu
 
 
 


Pubblicità
 
 
 


Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
  Condividi su Facebook    
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
     
 

BRIGATA "PIACENZA"

(111° e 112° Fanteria)

Costituita il 15 marzo 1915:
il Comando di Brigata dal deposito del 25° Fanteria; il 111° dai depositi del 25°, 26°, 62° e 65°; il 112° dai depositi del 61°, 62° e 65°.

 

ANNO 1915.

      La brigata nei giorni 30 e 31 maggio è inviata, per ferrovia, da Piacenza nella zona Lonato — Desenzano, alla dipendenza della 30a divisione, ove sosta fino al 5 luglio compiendo un periodo di intensa istruzione; il 7 raggiunge Cormons e il 12 prosegue per Campolongo. Il 21 è fra Cassegliano, Turriaco e Polazzo ed il 23, mentre il comando della brigata resta a Cassegliano alla dipendenza della 19a divisione, il 111° si disloca fra M. Fortin e Sdraussina a disposizione dell’XI Corpo d’armata ed il 112° si schiera nelle trincee di Polazzo suddiviso fra le brigate Pinerolo e Savona.
     Il 25 luglio la "Piacenza", passata alla 20a divisione, attacca col solo 112° e col 49° battaglione bersaglieri ripetute volte le alture ad est di Polazzo conseguendo sensibili risultati ed a costo di gravi perdite (16 ufficiali e 465 militari di truppa). Il 30 l’attacco è ripreso con maggiore veemenza e con felice successo poichè cadono in nostro possesso i trinceramenti antistanti alle quote 118 — 100 — 112 e sono catturati 330 difensori dei quali 14 ufficiali.
     Intanto due battaglioni del 111°, dislocati a Sdraussina alla dipendenza della 21a divisione, concorrono con altre truppe all’attacco del M. S. Michele. I primi reparti ne conquistano la vetta, ma devono poco dopo abbandonarla per il violento tiro di artiglieria: le loro perdite sono di 15 ufficiali e 419 gregari.
     L’avanzata prosegue lentamente nei giorni 1 e 2 agosto; in seguito le truppe provvedono ad un alacre rafforzamento delle posizioni conquistate. Il 6 con un nuovo attacco è occupata la linea delle citate quote ed è, subito rafforzata, nonostante il continuo tiro di rappresaglia avversario. La brigata, passata il 12 agosto alla dipendenza della 31a divisione, riceve in rinforzo reparti del 137° e 138° fanteria ed estende la sua zona di azione verso sud in modo da comprendere la regione settentrionale e meridionale di M. Sei Busi, ove continuano fino al 24 agosto i lavori di rafforzamento in previsione di un nuovo balzo in avanti verso q. 112 — q. 118 che viene eseguito solo parzialmente e con lievi vantaggi il giorno 25. Il 29 la "Piacenza" scende a riposo prima a Gradisca e poi a Medea, ritornando alla dipendenza della 30a divisione.
     L’8 settembre è di nuovo in trincea nella zona del M. San Michele, ma il giorno successivo, in seguito a riduzione delle unità in linea, la brigata scende a Romans, ove rientra alla sua dipendenza il 111° reggimento, che, ritornato in prima linea fin dal 23 agosto, concorre nuovamente agli attacchi dei giorni 28 agosto e 4 settembre contro il M. S. Michele, ma la reazione nemica non consente nemmeno questa volta di mantenere le posizioni conquistate ed il reggimento aggiunge alle perdite già sofferte quelle di 30 ufficiali e 564 gregari.
     Dopo un periodo di riordinamento e di riposo, il 24 settembre la brigata presidia la zona S. Michele - S. Martino, ove nei primi giorni di ottobre i suoi reparti, con ardite azioni di sorpresa, riescono a impadronirsi di alcuni elementi di trincea nemica, specie sul M. S. Martino.
     Il 6 ottobre la brigata è a Romans per riposare e riordinarsi. Il 14 è in linea sul S. Michele ove, con altre azioni di sorpresa, realizza nuovi piccoli vantaggi territoriali.
     Alla 3a battaglia dell’Isonzo (18 ottobre — 4 novembre) la "Piacenza" partecipa attivamente occupando e sorpassando, nei giorni 21 e 22, dopo ripetuti cruenti attacchi, le cime 3 e 4 del M. S. Michele, ma violente reazioni nemiche ed intenso tiro di artiglieria obbligano i reparti ad abbandonare le posizioni; le perdite di qusti due giorni di azione sono state di 33 ufficiali e circa 1000 uomini di truppa.
     Il 24 ottobre ed i primi giorni di novembre le azioni contro i citati obbiettivi sono riprese col consueto accanimento, ma la configurazione di quel terreno non permette la completa distruzione delle difese accessorie del nemico, il quale se ne avvantaggia per frustrare i progressi fatti dai nostri a costo di gravi sacrifici.
     Il 6 novembre la brigata scende a Crauglio per riordinarsi e riposare. Il 17 è spostata nella zona di Trivignano — Merlano — Persereano, ove passa il resto dell'anno impiegata col 112° in lavori di sistemazione e di baraccamenti alla dipendenza di altre unità, mentre il 111° è trasferito a Subida a disposizione del VI Corpo d'Armata.

ANNO 1916.

     Fino al 26 marzo la brigata continua le esercitazioni ed i lavori intrapresi, mentre il 111°, nei mesi di dicembre e gennaio, combatte nel settore di Oslavia - q. 188, conseguendo tangibili risultati.
     Il 27 la "Piacenza" è inviata a Chiopris — Medeuzza, passando alla dipendenza dell’XI Corpo d’Armata.
     Il 13 aprile essa è destinata in prima linea nel settore di Oslavia (Lenzuolo Bianco) sostituendovi la brigata Granatieri, alla dipendenza della 4a divisione e dal 1° maggio a quella della 45a divisione.
     Quì permane fino al 22 maggio, allorchè è inviata prima a Udine e Codroipo, poi, per ferrovia, a Cittadella ( 4a divisione).
    Dopo successivi trasferimenti a Bressanvido, Valstagna, Primolano, Enego, raggiunge il 9 giugno Foza e si schiera nella zona di Val Frenzela — Val Gadena sulle posizioni di M. Miela —  M. Tonderecar, alla dipendenza della 25a divisione.
     Il 15 ha inizio una nostra azione offensiva contro M. Castelgomberto — M. Fior, nella quale la brigata, dopo ingenti sforzi e rilevanti perdite, riesce a raggiungere e sorpassare gli obbiettivi assegnatile ed il 25 occupa M. Longara, C. Meletta Davanti e Meletta di Gallio arrivando alle falde di M. Baldo e di M. Nos. 
     Il 26 giugno queste due alture sono in possesso della "Piacenza" che punta ora verso M. Mosciagh e C. Zebio.
     Contro dette posizioni essa si accanisce in ripetuti attacchi eseguiti il 30 giugno, il 6, il 22 e 23 luglio ed il 15 agosto, ma l’attiva vigilanza del nemico, favorito dal terreno che rende poco efficace l’azione della nostra artiglieria, non permette che un'alterna vicenda nei risultati e lievi progressi parziali che costano ai reparti sensibili perdite.
     Il 2 settembre la "Piacenza" si schiera con quattro battaglioni anche nel tratto di linea tenuto dalla "Sassari", alternando fino alla fine dell’anno i suoi reparti fra turni di linea nella zona Roccolo di M. Catz, — sud del Saliente di Casara Zebio (q. 1600), e di riposo nella zona di Ronchi.

ANNO 1917.

      La brigata permane nella zona di Asiago, nelle posizioni occupate alla fine del 1916, fruendo dei consueti turni di riposo, senza compiere che azioni di pattuglie e piccoli colpi di mano. Il 10 giugno, dopo il brillamento di una mina da noi operato su q. 1476, reparti della "Piacenza" si spingono arditamente avanti fino alle trincee nemiche, ritentando a più riprese la prova, ma il tiro di ben celate mitragliatrici ne frusta sempre l’audace slancio e cadono sul terreno, in questa sola giornata, 31 ufficiali e 350 militari di truppa. Il 19 l’azione è ripresa, ma il nemico, vigilantissimo, rigetta anche questo attacco che ha prodotto 400 perdite delle quali 25 ufficiali. Il 27 giugno la brigata è inviata a riposo in Valpiana; dal 4 al 6 luglio è spostata a Valcapra, passando alla dipendenza della 21a divisione. Il 12 è trasferita prima a Campolongo Vicentino e poi, il 14, nella zona Chiopris — Versa - Medea. Il 21 è in prima linea nel tratto da q. 309 (Castagnevizza) a sud del Dosso Faiti, rilevandovi le brigate Pallanza e Tevere; il 30 — 31 è a riposo nella zona Viscone — Nogaredo.
     Trasferita il 15 agosto in autocarri a Rubbia, la "Piacenza" è schierata sul Nad Logem per partecipare alla 11a battaglia dell'Isonzo. 
     Dopo una serie di attacchi verso q. 363, compiuti fino al giorno 20 con scarsi risultati a causa della intensa reazione nemica, la brigata il 24 è avviata a Romans per riordinarsi.
     Il 3 settembre passa alla dipendenza della 14a divisione e si sposta nella zona Fogliano — Castelnuovo schierandosi, il 1° ottobre, sulla fronte del Pod Koriti. Il giorno 8 il nemico, preceduto da intenso tiro di artiglieria, attacca la linea tenuta dal 111° e riesce in primo tempo ad occuparne qualche tratto, ma ne è ricacciato da un energico contrattacco; ritenta la prova il giorno seguente ma subisce uguale sorte.
     Il 16 ottobre la brigata scende a riposo a Fogliano e il 19 a Sagrado, passando alla dipendenza del XIII Corpo d’Armata quale riserva. Il 26 è trasferita nella zona Doberdò — Brestovec — Collenero.
     Durante il ripiegamento la "Piacenza", passando l'Isonzo al ponte di Sagrado, si raccoglie a Joanniz, il 28 ed il 29 passa il Tagliamento al ponte di Madrisio, raggiungendo prima Morsano e poi S. Vito al Tagliamento — Casarsa, ove concorre alla costituzione di una testa di ponte per proteggere il deflusso delle unità ripieganti.
     Il 6 novembre essa è a Visnadello sulla destra del Piave, passando alla dipendenza della 48a divisione; il giorno seguente è schierata nella zona di Nervesa ed il 10, assegnata alla 58a divisione, assume il presidio della fronte Carbese — C. Breda.
     Il 5 dicembre la brigata, sostituita dalla "Lucca", è inviata a riposo a Povegliano - Arcade ed il 27 si sposta nella zona Paderno - Ponzano - S. Pelagio.

ANNO 1918.

     Il 5 gennaio la "Piacenza" è in Linea sul Piave sempre nel settore di Nervesa, ove rileva la "Lucca"; il 27, sostituita da reparti della 13a brigata di fanteria inglese, si sposta sulla sinistra del Brenta nella zona Massanzago — Borgoricco ove sosta fino al 15 marzo, nel qual giorno è di nuovo in prima linea sul Montello, nella zona fra Volpago e Selva in sostituzione di unità inglesi.
     Dopo alternative fra turni di trincea e di riposo, il 25 maggio la "Piacenza" è in linea, nel settore di Ponti fra Nervesa e Palazzon.
     Scatenatasi, il 15 giugno, l’offensiva austriaca sul Piave, la brigata combatte dal 16 al 23 con accanimento e valore. Nervesa, Villa Berti e Fornace sono località per lei di epica lotta e di alterne vicende, ma alfine il nemico è respinto dopo una serie di sanguinosi attacchi e contrattacchi che fruttano meritati elogi alla brigata ed al 111° la medaglia di bronzo e la citazione sul bollettino del Comando Supremo.
     La "Piacenza", che ha perduto in questa battaglia 33 ufficiali e 1209 militari di truppa, il 26 giugno è inviata a Povegliano — Visnadello e poi a Vedelago — Fossalunga. 
     Il 15 luglio è rasferita nella zona Camalò — Musano — Porcellengo per riordinarsi. Il 5 agosto è di nuovo in linea sul Piave nella zona di Spresiano, alternandosi colla brigata Aquila fino al 24 ottobre. All’inizio della nostra grande offensiva del Piave la brigata è schierata da C. Pastrolin a C. Palazzon col compito di agire verso Col della Tombola, M. Cucco, Conegliano.
     Il 29, dopo vari tentativi operati nei giorni precedenti, passa il Piave su di un ponte di equipaggio gettato a valle di quelli della Priula e si dirige a Barco coll’ordine di incalzare il nemico lungo l’itinerario Barco - Susegana - Conegliano - Paré - Rua - Vittorio Veneto. Raggiunge quest’ultima località alle ore 10 del giorno 30 dopo 17 ore di marcia ininterrotta e concorre ad imbastire la difesa della stretta di Serravalle che il nemico ha ancora in suo possesso. In tale dislocazione, la brigata trovasi alla data dell’armistizio.

     Il 9 giugno 1920 la "Piacenza" destinata in Albania, sbarca a Valona, alla dipendenza della 36a divisione. Il 29 agosto rimpatria e l'8 settembre successivo è disciolta.

 

RICOMPENSE.

MEDAGLIA DI BRONZO.

 Alla Bandiera del 111° Reggimento Fanteria:

      “Con valore pari alla disciplina, in 4 giorni di asprissima lotta, sosteneva, con due battaglioni, l’urto di preponderanti forze avversarie, impedendo così al nemico di giungere ai ponti della Priula e di aggirare completamente la sinistra delle nostre truppe sul Piave (Nervesa, 15 — 19 giugno 1918)".

(Boll. Uff., del 1920, disp. 47).

CITAZIONI SUI BOLLETTINI DI GUERRA DEL COMANDO SUPREMO.

BOLLETTINO DI GUERRA N. 1125 (23 giugno 1918, ore 13).

      “Lungo la fronte di battaglia le nostre artiglierie continuano a battere intensamente l’avversario. Sul Montello e sul Piave le fanterie, mantenendo ovunque forte pressione sul nemico, hanno eseguito nella giornata di ieri, con successo, piccoli colpi di mano ed azioni di pattuglie; ad occidente di Fagarè l’avversario tentò ritorni offensivi immediatamente repressi. 
     Un riparto britannico con energica sorpresa irruppe nelle opposte linee a sud di Asiago e dopo vivace lotta, ucciso un centinaio di nemici, rientrò con 31 prigionieri ed una mitragliatrice.
     Gli aviatori nostri ed alleati proseguono con non diminuito ardore la lotta. Ieri hanno eseguito anche grandi efficaci bombardamenti sulle immediate retrovie dell’avversario. Dieci velivoli nemici vennero abbattuti. Il tenente Flavio Baracchini raggiunse la sua 29a vittoria. Le perdite aeree subite dall’avversario dal giorno 15 assommano a 95 velivoli e 6 palloni frenati. 
     Per il valoroso contegno tenuto nella battaglia meritano l'onore di speciale citazione il 111° fanteria (brigata Piacenza) che ha sostenuto con grande bravura sei giorni interi di asprissima lotta, le brigate Perugia (129°, 130°), ed Avellino (231°, 232°), i reggimenti di fanteria 41° (brigata Modena), 58° (brigata Abruzzi), 60° (brigata Calabria), 239° (brigata Pesaro), il I° gruppo bersaglieri ciclisti (IV, V, XII battaglione), 1’8°, il 41° ed il 51° reggimento artiglieria da campagna, le batterie da campagna: 3a del 34° reggimento e 5a del 37°, la 14a batteria obici pesanti campali, la 462a batteria d’asedio, il 90° battaglione zappatori del genio, la 1a squadriglia autoblindomitragliatrici.      Le sezioni fotoelettriche hanno reso utili servizi compiendo con abnegazione il loro dovere".

                                                                                                                                    Generale DIAZ.

 
UFFICIALI MORTI IN COMBATTIMENTO, IN SEGUITO A FERITE O IN PRIGIONIA.
Grado Cognome e Nome Luogo di nascita Luogo e data di morte
111° Reggimento Fanteria.
1 Maggiore Casalini Gabriele Racconigi M. S. Gabriele 26-08-1915
2 Id.  Ghersi Umberto Firenze Id. 24-10-1915
3 Id. Landi Bandino Viareggio Id. 25-10-1915
4 Capitano Ballatore Paolo Spezia   Id. 28-08-1915
5 Id. Barassi Camillo Milano Id. 21-10-1915
6 Id. D'Alessio Giuseppe (disp.) Napoli Id. 26-07-1915
7 Id. Greppi Ambrogio Lecco Id. 23-10-1915
8 Id. Oliva Vincenzo S. Marzano sul Sarno Nervesa 20-10-1917
9 Id. Pianucci Aldo Lucca M. S. Michele 22-10-1915
10 Id. Romani Giovanni Castiglione della Valle Dolina Cattaneo 08-10-1917
11 Id. Soave Attilio Venezia M. S. Michele 22-10-1915
12 Tenente Crisanti Raoul Roma Id. 26-08-1915
13 Id. *Della Cella Giuseppe Borzonasca Osp. Civile Palmanova 23-10-1915
14 Id. Ejnard Guido Palermo M. Mosciagh 30-06-1916
15 Id. Leoncini Publio Bolsena M. S. Michele 26-08-1915
16 Id. Ligabue Torquato Reggio Emilia Osp. d. c. 211, 28-07-1915
17 Id. *Mancino Giuseppe Palermo In prigionia ..........
18 Id. Migliorini Pio Mario Fiesso Umbertiano M. Castelgomberto 16-06-1916
19 Id. Porro Gian Giacomo Genova M. S. Michele 29-08-1915
20 Id. Soldini Paolo Emilio Roma  Id. 28-08-1915
21 S. Ten. Aretini Ottorino Livorno 11a Sez. San. Vipulzano 06-12-1915
22 Id. Barilla Agostino Melilli M. Mosciagh 11-07-1916
23 Id. Bianco Giuseppe Dino Caluso Nervesa 17-06-1918
24 Id. Bonelli Luigi Piacenza  M. S. Michele 26-07-1915
25 Id. Botteri Pietro Viadana Oslavia 15-01-1916
26 Id. Buttiglione Nicola Bari M. Mosciagh 01-07-1916
27 Id. Catastini Raffaello Sansepolcro M. S. Michele 21-10-1915
28 Id. Chiari Giacomo S. Lazzaro Parmense Id. 22-10-1915
29 Id.  Cioffi Pasquale Napoli Id. 28-08-1915
30 Id. Del Giaccio Edoardo Benevento Id. 20-10-1915
31 Id. De Marchi Cesare Genova Id. 30-08-1915
32 Id. Ferrelli Giacomo Giuseppe Velletri Id. 16-10-1915
33 Id. Galloni Umberto Parma Id. 26-07-1915
34 Id. Guardamagna Dante Monticelli d'Ongina Castagnevizza 08-10-1917
35 Id. *Guidotti Paolo Lucca In prigionia 14-11-1916
36 Id. Imbimbo Carlo Bagnoli Irpino M. S. Michele 26-07-1915
37 Id. Lanceri Federico Palmira Oslavia 08-12-1915
38 Id. Maci Giuseppe Torre S. Susanna Nervesa 20-06-1918
39 Id. Magatti Enrico Mezzegra Id. 17-06-1918
40 Id. Marottoli Pasquale Buccino Valle Camona, Gallio 28-02-1917
41 Id. Nardi Federico Bozzolo Osp. Chir. Città di Milano 15-08-1916
42 Id. Notari Antonio Nicastro Tagliamento 03-11-1917
43 Id. Olivieri Vincenzo Villabate Osp. d. c. 14, 03-12-1915
44 Id. Paolini Giov. Battista (disp.) Ferentino Nervesa 20-06-1918
45 Id. Pecorini Vasco Gualtieri Oslavia 16-01-1916
46 Id. Pedroni Ulderico Scandiano M. S. Michele 23-10-1915
47 Id. Pregadio Gaetano Castrogiovanni M. Castelgomberto 17-06-1916
48 Id. Rinaldi Giuseppe Sossano M. S. Michele 21-10-1915
49 Id. Rossi Silvio Uzzano Osp. d. c. 124, 15-06-1918
50 Id. Sircana Giovanni Oschiri M. S. Michele 22-10-1915
51 Id. Spina Francesco Lentini Id. 28-08-1915
52 Id. Tofani Mario Firenze Osp. d. c. 110, 08-07-1916
53 Aspir. Belloni Angiolino Villanova sull'Arda M. S. Michele 21-07-1916
54 Id. *Bertolotti Carlo Vicenza In prigionia 20-01-1918
55 Id. Conti Giuseppe Catania Dosso Faiti 21-08-1917
56 Id. De Rosa Alfonso Prignano Cilento Dosso Faiti 21-08-1917
57 Id. Fattore Angelo Barisciano M. Mosciagh 15-08-1916
58 Id. Marrone Salvatore (disp.) Trapani Id. 30-06-1916
59 Id. Rossi Arturo Cagliari M. Zebio 19-06-1917
60 Id. Russo Salvatore Catania Oslavia 07-12-1915
61 Id. Scaffidi Liborio (disp.) S. Stefano di Camastra Dosso Faiti 20-08-1917
62 Id. *Tanca Giuseppe Cagliari In prigionia 17-10-1916
63 Id. Virgilio Giuseppe Palermo Castagnevizza 08-10-1917
Ufficiali morti per malattia.
1 Maggiore Vicini Emilio Milano Verderio Inferiore 12-10-1918
2 Capitano Norscia Francesco Trinitapoli Osp. d. c. 085, 19-12-1918
3 Tenente Balestri Marcello Pisa Osp. Mil. Torino 06-10-1918
4 S. Ten. Marziano Sebastiano Librizzi Osp. Mil. Brescia 06-09-1916
112° Reggimento Fanteria.
1 Colon. Biancoli Enea  Lugo Polazzo 30-07-1915
2 Id. Guala Ernesto Bra M. S. Michele 03-11-1915
3 Maggiore Ravasio Aldo Milano Id. 21-10-1915
4 Capitano Brenci Enrico Roma Nervesa 20-06-1918
5 Id. Campi Giovanni Rovellasca M. Fior 18-06-1916
6 Id. Canfari Enrico Genova M. S. Michele 22-10-1915
7 Id. Cerù Carlo (disp.) Verona Id. 21-10-1915
8 Id. Credali Alfredo Varsi M. Mosciagh 22-07-1916
9 Id. Gazzi Attilio Fontanellato Osp. d. c. 65, 06-08-1915
10 Id. Rinetti Vittorio Casale Monferrato Nervesa 11-11-1917
11 Id. Spazzi Bruno Verona M. Mosciagh 29-06-1916
12 Tenente *Barbesti Paolo Pandino Osp. d. c. 17, 01-06-1917  
13 Id. Belloni Antonio Cavarzere Dosso Faiti 20-08-1917
14 Id. Bergonzi Giuseppe Parma M. S. Michele 16-10-1915
15 Id. Maggioni Gustavo Milano Dosso Faiti 20-08-1917
16 Id. Piccioni Corrado Avola M. Mosciagh 19-06-1917
17 Id. Spinelli Remo Roma Id. 10-06-1917
18 S. Ten. Bartolozzi Egizio Alessandria d'Egitto Osp. d.c. 14, 15-05-1916
19 Id. Bianchi Aldo Milano M. S. Michele 21-10-1915
20 Id. Bonarrigo Domenico Palermo Polazzo 12-08-1915
21 Id. Boschi Eugenio Parma M. Mosciagh 22-07-1916
22 Id. Briganti Luigi Vittoria Polazzo 25-07-1915
23 Id. Bruno Mario S. Bartolomeo in Bosco Sez. San. 20a Div. 31-07-1915
24 Id. Calamia Pietro Gibellina M. S. Michele 26-09-1915
25 Id. Ciceri Silvio Milano S. Floriano basso 15-05-1916
26 Id. Cristini Lorenzo Milano Polazzo 25-07-1915
27 Id. Crivelli Antonio Crema Osp. Sommegg. 16, 18-08-1916
28 Id. Dell'Aria Salvatore Valguarnera M. Fior 20-06-1916
29 Id. Diaferia Giuseppe Cerignola M. Mosciagh 10-06-1917
30 Id. Giampiccoli Guglielmo Torre Pellice M. S. Michele 22-10-1915
31 Id. Giulia Camillo Venezia M. Spill 16-06-1916
32 Id. Grillandini Luigi Bra M. S. Michele 21-10-1915
33 Id. Gulino Giovanni Vittoria Id. 02-11-1915
34 Id. Lombardi Paolo Catania Polazzo 25-07-1915
35 Id. Marengo Ilvo Genova Id. 02-08-1915
36 Id. Mearini Giov. Battista Siena M. Fior 19-06-1916
37 Id. Morandini Valentino Bienno M. Mosciagh 10-06-1917
38 Id. Oddo Salvatore Palermo Id. 19-06-1917
39 Id. Oliva Lorenzo Roma M. S. Michele 21-10-1915
40 Id. Pampari Enrico Montecchio Id.
41 Id. Pellegrini Raffaele Benevento Osp. d. c. 101, 12-08-1915
42 Id. Pirgiovanni Giuseppe Pesaro Polazzo 04-08-1915
43 Id. *Rasori Livio Parma In prigionia 08-08-1915
44 Id. Ravasini Aldo Treviso Sagrado 25-10-1915
45 Id. Ravera Giuseppe Acqui M. Mosciagh 10-06-1917
46 Id. Riciniello Salvatore Elena Osp. d. c. 63, 28-07-1915
47 Id. Romeo Francesco Radicena M. Mosciagh 10-06-1917
48 Id. Rossi Angelo Sezze Romano Nervesa 20-06-1918
49  Id.  Rossi Vito Borgo S. Donnino Osp. d. c. 238, 28-11-1917
50 Id. Santini Enzo (disp.) Parma M. S. Michele 22-10-1915
51 Id. Schreiber Corradino Cava dei Tirreni Id. 26-09-1915
52 Id. Sennoner Luigi Messina M. Fior 30-06-1916
53 Id. Sosso Ettore Mombercelli 125° Rep. Somegg. 27-08-1916
54 Id. Tomassetti Gaetano (disp.) Mosciano S. Angelo M. Mosciagh 10-06-1917
55 Id. *Trucillo Alfonso Salerno Osp. Palmanova 24-11-1915
56 Id. Venè Giovanni Lerici M. Mosciagh 10-06-1917
57 Aspir. Bazzano Amos (disp.) Nicorvo Ripiegamento 27-10-1917
58 Id. Emiliani Vincenzo Lugo Osp. d. c. 156, 23-06-1916
59 Id. Di Stefano Giuseppe Costantino Cupello M. Mosciagh 19-06-1917
60 Id. Poli Giov. Battista Conco Osp. d. c. 057, 01-06-1918
61 Id. Tassinari Giuseppe Bologna M. Mosciagh 10-06-1917
Ufficiali morti per malattia.
1 Capitano Placidi Antonio Borgocollefegato Osp. Civ. Vittorio Veneto 14-11-1918
2 Tenente Bertoletti Armando Livorno Osp. Parma (suicidio) 15-01-1918
3 S. Ten. Palanza Umberto Bitonto Osp. d. c. 214, 29-12-1918
4 Id. Pizzicato Alberto Capua Osp. d. c. 240, 13-12-1918
 

  MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE.

111° REGGIMENTO FANTERIA.

      Tenente MANCINI GIUSEPPE, da Palermo:

      "Per quattro giorni consecutivi di strenua lotta fece prodigi di valore col reparto arditi del reggimento, validamente contribuendo ad arginare un’irruzione nemica, finchè lasciò la vita sul campo, sacrificandosi in un ultimo assalto con i suoi prodi per proteggere i compagni che ripiegavano. Fulgido esempio di eroismo e di sentimento del dovere, spinto fino al consapevole sacrificio di sè stesso. — Nervesa, 15-19 giugno 1918".

(Boll. Uff., anno 1921, disp. 20).

 

112° REGGIMENTO FANTERIA.

Colonnello GUALA ERNESTO, da Brà (Cuneo):

     "Dal 22 al 29 ottobre, benchè gravemente contuso al dorso, al petto, alle gambe — col sostegno del bastone e di un’ordinanza — raggiungeva la prima linea, incitandola con le parole e con l’esempio ad avanzare. Il 3 novembre, per animare e sferrare all’asaalto le proprie truppe, già duramente provate nei precedenti numerosi attacchi, si portava sulla prima linea, ed, al grido: "Sempre avanti", le lanciava all’azione, cadendo ucciso, colpito al cuore, mentre indicava al rincalzo la cima agognata e spronava tutti a coronare con un ultimo sforzo l’opera gloriosa di tanti giorni di lotta. — Monte San Michele, 22 — 29 ottobre, 3 novembre 1915".

(Boll. Uff., anno 1915, disp. 94).

Caporale Maggiore BORELLI ELVIDIO, da Nicastro (Catanzaro):

     "Durante un intero anno di guerra, dava costante prova di mirabile coraggio e di ardente amore di patria. Sempre primo agli assalti ed alla distruzione delle formidabili difese avversarie, era anche osploratore arditissimo ed intelligente informatore. Nell’attacco del 23 luglio, primo fra tutti, si slanciava sul reticolato nemico, tentando aprirvi un varco. Ferito a morte, incitava ancora con nobili parole i compagni: fulgido esempio delle più belle virtù militari. — Monte Mosciagh, 23 luglio 1916".

(Boll. Uff., anno 1917, disp. 3).

 

MILITARI DECORATI CON L'ORDINE MILITARE DI SAVOIA.

COMANDO DI BRIGATA.

ALLIEVI CESARE, maggiore generale - cavaliere - Altopiano di Asiago, luglio 1916.

111° REGGIMENTO FANTERIA.

BAVA ADOLFO, colonnello - cavaliere - Monte S. Michele, 21 ottobre - 5 novembre 1915.

MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ARGENTO E DI BRONZO AL VALOR MILITARE.

 

MEDAGLIA D’ARGENTO.

111° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 56 - Truppa, n. 69.

112° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 27 - Truppa, n. 21.

MEDAGLIA DI BRONZO.

111° Regg. Fanteria, n. 212 - 112° Regg. Fanteria, n. 65.

COMANDANTI DELLA BRIGATA.

Magg. gen. CHINOTTO Antonio, dal 24 maggio al 6 dicembre 1915.
Magg. gen. ALLIEVI Cesare, dal 7 dicembre 1915 al 4 luglio 1916.
Colonnello GRILLI Napoleone, dal 13 luglio al 2 settembre 1916 (ferito).
Col. brig. PAVERI FONTANA Leonello, dal 14 settembre 1916 al 26 maggio 1917.
Col. brig. CONTI Francesco, dal 1° giugno al 21 agosto 1917.
Col. brig. MOSCA RIATEL Romolo, dal 22 agosto al 15 dicembre 1917.
 
Magg. gen. FILIPPONI di MONBELLO Carlo, dal 18 al 28 dicembre 1917.
Col. brig. EGIDI Silvio, dal 29 dicembre 1917 al termine della guerra.

COMANDANTI DEL 111° REGGIMENTO FANTERIA.

Colonnello GILBERTI Celso, dal 24 maggio al 25 luglio 1915. 
Colonnello BAVA Adolfo, dall'11 agosto 1915 al 20 gennaio 1917.
Colonnello ANGUILLOSA Annibale, dal 27 gennaio al 6 marzo 1917. 
Ten. colonnello RAMAZZANI Ettore, dal 31 marzo al 29 aprile 1917.
Colonnello RUOCCO Vincenzo, dal 30 aprile 1917 al termine della guerra.
 

COMANDANTI DEL 112° REGGIMENTO FANTERIA.

Colonnello BIANCOLI Enea, dal 24 maggio al 30 luglio 1915 (caduto sul campo).
Colonnello GUALA Ernesto, dal 1° agosto al 3 novembre 1915 (caduto sul campo).
Colonnello DE LUIGI Amedeo, dall'11 novembre 1915 al 30 gennaio 1917.
Colonnello MORESCHI Oreste, dal 1° febbraio al 1° giugno 1917.
Ten. colonnello AVANZINI Romolo, dal 2 giugno al 10 luglio 1917.
Ten. colonnello GRILLO Carlo, dall'11 luglio al 22 agosto 1917.
Ten. colonnello ZUINI Paolo, dal 29 agosto 1917 al termine della guerra.

 
 
UFFICIALI SUPERIORI E CAPITANI COMANDANTI DI BATTAGLIONE.
111° REGGIMENTO FANTERIA
I° battaglione.
Grado Casato e Nome Data di assunzione Data di Cessazione Annotazioni
Maggiore Casalini Gabriele 24/05/15 26/08/15 Caduto sul campo.
Capitano Ruocco Vincenzo 29/08/15 25/10/15 Ferito.
Maggiore Coccari Donato 26/10/15 08/11/15  
Ten. Col. De Vito Piscicelli Onorato 09/11/15 19/06/16 Ferito.
Capitano Moreno Francesco 20/06/16 08/06/17  
Id. Mazzi Ildovaldo 09/06/17 25/06/17 Ferito.
Id. Carbone Scipione 26/06/17 02/10/17 Ferito.
Id. Franchini Giovanni 03/10/17 08/10/17 Ferito.
Maggiore Canevari Emilio 09/10/17 02/03/18  
Id. Vicini Emilio 05/03/18 17/06/18 Ferito.
Capitano Magnini Manlio 17/06/18 al termine della guerra.  
II° battaglione.
Capitano D'Alessio Giuseppe 24/05/15 26/07/15 Disperso.
Maggiore Boaria Andrea 27/07/15 24/08/15 Ferito.
Capitano Nesi Nereo 25/08/15 06/10/15  
Maggiore Barberis Romano 07/10/15 23/10/15  
Id. Ghersi Umberto 24/10/15 24/10/15 Caduto sul campo.
Id. Landi Bandino 25/10/15 25/10/15 Caduto sul campo.
Id. Dalloro Giovanni 26/10/15 28/10/15 Ferito.
Maggiore Volpi Roberto 02/11/15 10/01/16  
Capitano Previtali Arturo 11/01/16 08/03/16  
Maggiore Molina Luigi 09/03/16 25/06/16 Ferito.
Capitano Previtali Arturo 26/06/16 06/07/16  
Id. Cerioli Francesco 07/07/16 15/09/16  
Ten. Col. Desio Luigi 16/09/16 01/06/17  
Maggiore Calderoni Italo 02/06/17 al termine della guerra.  
III° battaglione.
Capitano Cattaneo Gustavo 24/05/15 26/07/15 Ferito.
Id. Bettini Gino 27/07/15 11/08/15  
Id. Milesi Valerio 12/08/15 28/08/15  
Id. Nesi Nereo 09/10/15 15/12/15  
Maggiore Ruocco Vincenzo 16/02/17 30/04/17  
Capitano Marazzani Lanfranco 23/01/17 15/02/17  
Maggiore Ruocco Vincenzo 16/02/17 30/04/17  
Capitano Magnini Manlio 01/05/17 27/08/17  
Maggiore Moreno Francesco 28/08/17 al termine della guerra.  
112° REGGIMENTO FANTERIA.
I° battaglione.
Maggiore Ravasio Aldo 24/05/15 21/10/15 Caduto sul campo.
Ten. Col. Menzinger Guido 01/02/16 16/02/16  
Maggiore Gianfelici Achille 02/03/16 26/08/16  
Id. Chinaglia Wolf Adelchi 14/12/16 25/03/17  
Id. Ariotti Evasio 26/03/17 22/08/17  
Id. Cagnis di Castellamonte Carlo 04/05/18 24/05/18  
Id. Bettini Gino 30/05/18 20/06/18 Prigioniero.
Id. Capelli Pietro 07/07/18 al termine della guerra.  
II° battaglione.
Maggiore Moy Giacomo 24/05/15 22/06/15  
Id. Gagliardo Antonio 23/06/15 12/08/15  
Id. Da Sacco Giovanni 23/10/15 28/10/15 Ferito.
Id. Cirelli Michele 29/10/15 04/11/15  
Id. Saini Alfredo 04/06/17 al termine della guerra.  
III° battaglione.
Maggiore Toggia Edoardo 27/05/15 23/07/15 Ferito.
1° Cap. Schezzi Carlo 07/10/15 21/10/15 Ferito.
Ten. Col. Pegazzano Erasmo 10/03/16 01/06/16  
Maggiore Moretti Adolfo 24/10/16 10/05/17  
Id. Collini Clatario 26/08/17 22/09/17  
Capitano Natellis Umberto 23/12/17 28/02/18  
Maggiore Dal Re Guglielmo 03/03/18 al termine della guerra. Ferito.
 

SERVIZI PRESTATI IN LINEA ED IN ZONA DI RIPOSO

Permanenza in linea

Permanenza in zona di riposo, lavori, trasferimenti, ecc.

 Anno 1915

Dal 22 luglio al 12 settembre (M. Fortin - Trincee di Polazzo - Attacco alle quote 118 - 100 - 112; Attacco di M. S. Michele - Boschetta Triangolare).

Dal 24 settembre al 5 ottobre (Zona S. Michele - S. Martino).

Dal 14 ottobre al 5 novembre (Zona S. Michele - Attacco di Cima 3 e 4).

Dal 2 all'11 dicembre (Tra Oslavia e Pod Sabotino).

 

 

 

 

 

 Anno 1916

Dal 1° al 27 gennaio (Peuma - Oslavia).

Dal 12 aprile al 22 maggio (Settore di Oslavia [Lenzuolo Bianco]).

Dal 10 giugno al 10 novembre (Zona Val Frenzela - Val Gadena [M. Spill] - M. Miela - M. Tondarecar - Buso] - Azione su Castelgomberto - M. Fior - Meletta di Gallio - M. Longara - M. Baldo - M. Nos - M. Mosciagh - Casara Zebio - Roccolo di M. Catz - Sud del saliente Casara Zebio [Q. 1600]).

Dal 20 novembre al 9 dicembre (Camporovere - M. Zebio - Q. 1673 - Roccolo di M. Catz - Buscar).

Dal 30 al 31 dicembre (Roccolo di M. Catz - Camporovere).

Dal 12 al 30 settembre (Quota 1673 - Camporovere).

Dal 19 ottobre al 7 novembre (Quota 1673 - Camporovere).

Dal 23 al 31 dicembre (Altipiano di Asiago).

 Anno 1917

Dal 1° gennaio al 2 maggio (Roccolo di M. Catz - Camporovere).

Dal 7 al 21 giugno (Q. 1476 - Roccolo di M. Catz - Q. 1591).

Dal 22 al 31 luglio (Nord di q. 309 [Castagnevizza] - Sud del Dosso Faiti).

Dal 17 al 23 agosto (Nad Logem - Attacco di q. 363).

Dal 29 settembre al 15 ottobre (Fronte Pod-Koriti [Doline Mondelli - Esploratore - Due Alberi - Bari - Fenulli - Sora]).

Dal 22 al 25 ottobre (Doline Imbuto - Pagano - S. Floriano).

Dal 27 ottobre al 2 dicembre (Ripiegamento: Ponte di Sagrado - Joanniz - Tagliamento - Ponte di Madrisio - Morsano - S. Vito al Tagliamento - Casarsa - Azzanello - Motta di Livenza - Oderzo - Roncadelle - Ponte di Folina - Visnadello - Piave [Nervesa - C. Breda].

 Anno 1918

Dal 5 al 26 gennaio (Piave [Nervesa - C. Breda]).

Dal 15 marzo al 7 maggio (Zona Montello [Volpago - Selva - Sottosettore Fontana]).

Dal 22 maggio al 23 giugno (Settore Ponti [tra Arcade e Spresiano] - Offensiva austriaca: Nervesa - Villa Berti - Fornace).

Dal 5 agosto al 5 settembre (Piave: Settore Spresiano).

Dal 2 ottobre al 4 novembre (Piave: Settore Spresiano - Offensiva italiana: C. Palazzon - C. Pastrolin - Passaggio del Piave - Barco - Susegana - Parè - Rua - Vittorio Veneto).

 Anno 1915

 Dal 24 maggio al 5 luglio (Piacenza - Parma - Cremona - Lonato - Desenzano).

Dal 6 all'11 luglio (Cormons - Brazzano).

Dal 12 al 20 luglio (Campolongo).

21 luglio (Cassegliano - Turriaco - Fogliano - S. Pietro dell'Isonzo).

Dal 13 al 23 settembre (Romans).

Dal 6 al 13 ottobre (Romans).

Dal 6 novembre al 1° dicembre (Crauglio - Trivignano - Merlano - Persereano - Subida - Pri Fabrisu).

Dal 12 al 31 dicembre (111° Fanteria a Cà delle Vallade e Pri Fabrisu; 112° Fanteria a Trivignano - Merlano - Persereano).

 Anno 1916

 Dal 28 gennaio al 6 febbraio (112° Fanteria a Trivignano - Merlano - Persereano; 111° Fanteria a Dolegnano).

Dal 7 febbraio al 27 marzo (Tutta la brigata riunita a Melarolo - Ronchi - Popereacco).

Dal 28 marzo all'11 aprile (Medeuzza - Chiopris).

Dal 23 maggio al 9 giugno (S. Andrat - Manzano - Manzanello - Udine - Zompicchia - Codroipo - Cittadella - S. Anna Morosina - S. Nicolò. Trasferimento : Bressanvido - Cà Cornaro - Valstagna - Primolano - Enego - Foza - Forte Lisser).

Dall'11 al 19 novembre (Stoccareddo - Mosca - Sasso - Val Ronchi).

Dal 10 al 29 dicembre (Ghelpac - Camona - Xebbo - Asiago - Bassano - Val Ronchi).

 

 

 

 Anno 1917

Dal 3 maggio al 6 giugno (Val Campomulo - Val Ronchi).

Dal 22 giugno al 21 luglio (Val Ronchi - Ronchi - Valpiana. Trasferimento a Campolongo - Bassano - Palmanova - Chiopris - Versa - Medea).

Dal 1° al 16 agosto (Viscone - Nogaredo. Trasferimento a Rubbia - Boschini).

Dal 24 agosto al 28 settembre (Romans. Trasferimento: Fogliano - Bosco di Castelnuovo - Palichisce).

Dal 16 al 21 ottobre (Fogliano - Sagrado - Vizintini).

26 ottobre (Trasferimento nella zona Doberdò - Brestovec - Collenero).

Dal 3 al 31 dicembre (Povegliano - Arcade. Trasferimento: Paderno - Ponzano - S. Pelagio).

 

 Anno 1918

 Dal 1° al 4 gennaio (Paderno - Ponzano - S. Pelagio).

Dal 27 gennaio al 14 marzo (Trasferimento: S. Pelagio - Treviso - Zero Branco - Trebaseleghe - Massanzago - Borgoricco. Trasferimento: Trebaseleghe - Fossalunga - Selva).

Dall'8 al 21 maggio (Cusignana - Giavera).

Dal 24 giugno al 4 agosto (Povegliano - Visnadello - Vedelago - Fossalunga. Trasferimento: Zona Camalò - Musano - Porcellengo).

Dal 6 settembre al 1° ottobre (Padernello - S. Gottardo - S. Luca - Porcellengo - Musano).

  RIEPILOGO
Linea Riposo
Mesi Giorni Mesi Giorni
Anno 1915

3

4

4

4

Anno 1916

6

27

5

3

Anno 1917

6

27

5

3

Anno 1918

5

20

4

14

TOTALI Mesi 22 e giorni 18 Mesi 18 e giorni 24
 
RIEPILOGO DELLE PERDITE IN COMBATTIMENTO
LOCALITA' E DATA 151° REGGIMENTO 152° REGGIMENTO
Ufficiali Truppa Ufficiali Truppa
Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi
1915

M. Fortin - Trincee di Polazzo - Attacco delle quote 118 - 100 - 112 - Attacco di M. S. Michele - Boschetto Triangolare (22 luglio - 12 settembre)

14

29

2

164

844

261

11

20

2

104

923

187

Zona S. Michele - S. Martino (24 settembre - 5 ottobre)

/

/

/

24

93

/

2

7

/

29

213

29

Zona S. Michele - Attacco di Cima 3 e 4 (14 ottobre - 5 novembre)

13

30

1

311

1040

40

13

28

4

123

817

672

Oslavia - Pod Sabotino (2 - 11 dicembre)

4

3

/

53

156

/

/

/

/

/

/

/

Totale anno 1915 31 62 3 552 2133 301 26 55 6 256 1953 888
 
1916

Peuma - Oslavia (1 - 27 gennaio)

2

7

/

22

79

61

/

/

/

/

/

/

Settore di Oslavia [Lenzuolo Bianco] (12 aprile - 22 maggio)

/

/

/

9

27

/

2

4

/

35

84

/

Zona Val Frenzela - Val Gadena [M. Spill - M. Miela - M. Tondarecar - Buso] - Azione su M. Castelgomberto - M. Fior - Meletta di Gallio - M. Longara - M. Baldo - M. Nos - M. Mosciagh - Casara Zebio - Roccolo di M. Catz - Sud del saliente Casara Zebio [Q. 1600] (10 giugno - 10 ottobre)

10

52

3

261

1146

18

11

27

1

335

847

127

Camporovere - M. Zebio - Q. 1683 - Roccolo di M. Catz - Buscar (20 novembre - 9 dicembre)

/

/

/

7

27

/

/

/

/

5

19

/

Totale anno 1916

12

59

3 299 1279 79 13 31 1 375 950 127
 
1917

Roccolo di M. Catz - Camporovere (1 gennaio - 2 maggio)

1

1

/

10

39

/

/

3

/

5

21

/

Q. 1476 - Roccolo di M. Catz - Q. 1591 (7 - 21 giugno)

1

10

/

21

177

9

11

27

2

24

270

158

Nord di q. 309 [Castagnevizza] - Sud del Dosso Faiti (22 - 31 luglio)

/

2

/

1

25

/

/

1

/

2

5

/

Nad Logem - Attacco di q. 363 (17 - 23 agosto)

3

15

1

26

480

109

2

9

/

29

289

64

Fronte Pod - Koriti [Doline Mondelli - Esploratore - Due Alberi - Bari - Fenulli - Sora] (29 settembre - 15 ottobre)

3

13

4

53

171

216

/

4

/

5

53

42

Doline Imbuto - Pagano - S. Floriano (22 - 25 ottobre)

/

/

/

2

12

/

/

/

/

/

1

/

Ripiegamento: Ponte di Sagrado - Joanniz - Tagliamento - Ponte di Madrisio - Morsano - S. Vito al Tagliamento - Casarsa - Azzanello - Motta di Livenza - Oderzo - Roncadelle - Ponte di Folina - Visnadello (27 ottobre - 6 novembre

1

/

3

/

/

101

1

/

2

/

/

163

Piave [Nervesa - C. Breda] (9 novembre - 2 dicembre)

1

/

/

14

38

/

2

2

/

4

14

/

Totale anno 1917 10 41 8 127 943 435 16 46 4 69 683 427
 
1918

Piave [Nervesa - C. Brada] (5 - 26 gennaio)

/

/

/

1

16

/

/

/

1

8

/

Zona Montello [Volpago - Selva - Sottosettore Fontana] (15 marzo - 7 maggio)

/

/

/

/

1

/

/

/

/

6

8

/

Settore Ponti [tra Arcade e Spresiano] - Offensiva austriaca: Nervesa - Villa Berti - Fornace (22 maggio - 23 giugno)

5

6

7

74

223

461

3

3

13

7

37

328

Piave: Settore Spresiano (5 agosto - 5 settembre)

/

/

/

/

5

/

/

/

/

/

6

/

Piave: Settore Spresiano - Offensiva italiana: C. Palazzon - C. Pastrolin - Passaggio del Piave - Barco - Susegana - Parè - Rua - Vittorio Veneto (2 ottobre - 4 novembre)

/

1

/

5

63

/

/

/

/

3

15

/

Totale anno 1918

5

7

7

80

308

461

3

5

13

17

74

328

 
RIEPILOGO GENERALE
Anno 1915

31

62

3

552

2133

301

26

55

6

256

1953

888

Anno 1916

12

59

3

299

1279

79

13

31

1

375

950

127

Anno 1917

10

41

8

127

942

435

16

46

4

69

683

427

Anno 1918

5

7

7

80

308

461

3

5

13

17

74

328

TOTALE GENERALE 58 169 21 1058 4662 1276 58 137 24 717 3660 1770


Stampa la pagina


Invia ad un amico



Pag. 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118