Fronte del Piave
Hotel San Marco Montebelluna TV
 
Menu
 
 
 


Pubblicità
 
 
 


Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
  Condividi su Facebook    
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
     
 
:: Pubblicità ::


 
     
 

BRIGATA "PADOVA"

(117° e 118° Fanteria)

Costituita il 1° marzo 1915:
il Comando di Brigata dal deposito del 57° Fanteria; il 117° e 118° rispettivamente dai depositi del 58° e 71° Fanteria.

 

ANNO 1915.

      All'apertura delle ostilità la brigata ha il 117° dislocato fra Cavazuccherina - Cortellazzo - Cavallino con un battaglione distaccato a Venezia ed il 118° a presidio del settore di Chioggia. Il 25 agosto è inviata nei pressi di Scodovacca ove il comando di brigata ed il 118° sono posti alla dipendenza della 25a divisione ed il 30 schierati nel settore di Castelnuovo; il 117° alla dipendenza della 31a divisione e schierato nel settore di S. Martino. Il 7 settembre la brigata è riunita e posta alla dipendenza della 20a divisione restando nella zona di Polazzo - Castelnuovo, ove i reparti del 117°, fortemente impegnati dal nemico il giorno 5, avevano già conseguito lieve vantaggio a costo di gravi perdite. Il 29 settembre la "Padova" è inviata a riposo presso Armellino - Villa Vicentina.
     Il 21 ottobre si trasferisce a Staranzano, passando alla dipendenza della 16a divisione ed il 22, il 118°, dopo accanita lotta riesce a conquistare le posizioni nemiche fra q. 85 e q. 77 a sud del M. Cosich, ma è poi obbligato ad abbandonarle per la viva reazione avversaria che cagiona la perdita di 18 ufficiali e 700 uomini di truppa. Fino al 13 dicembre la brigata è sempre nel settore di Monfalcone (q. 85 - q. 121), ove alterna i suoi battaglioni in periodi di linea e di riposo esplicando una continua ed intensa attività di pattuglie allo scopo di impegnare il nemico impedendogli di rafforzarsi: queste piccole azioni però costano ai reparti uno stillicidio giornaliero di perdite.
     Il 15 la "Padova" sostituita dalla "Pinerolo" si reca nella zona fra Camino di Codroipo - Gradiscutta - Passariano - S. Martino - Rivolto per un periodo di riposo, ritornando alla dipendenza della 20a divisione.

ANNO 1916.

     Il 24 gennaio la brigata dalla predetta zona di riposo è inviata in quella di Pieris - Cassegliano - Fratta - Medea - Borgnano - S. Pietro - Sagrado col solo 117°. Il 10 febbraio anche il 118° è avvicinato a detta zona, dislocandosi fra Muscoli - S. Pietro - Sagrado - Molin di Ponte - Joanniz, mentre la brigata passa alla dipendenza della 19a divisione ed è impegnata il lavori di sistemazione difensiva.
     Il 13 marzo ritorna in prima linea nella zona Castelnuovo - S. Martino sostituendovi le brigate Sassari e Macerata (25a divisione).
     Riprende subito la sua attività di pattuglie ed esegue di frequente delle parziali puntate offensive allo scopo di mantenere una costante superiorità morale sul nemico.
     Il 23 maggio la "Padova", ripassata alla dipendenza della 19a divisione, è inviata per ferrovia a Verona, e di qui fatta proseguire per Spiazzi e Ferrara di M. Baldo. Il 26 il 118°, inviato ad Avio a disposizione della 37a divisione, schiera un battaglione sul M. Altissimo. Il 28 sono inviati ad Avio anche il comando di brigata ed il 117° che viene impiegato in lavori di sistemazione difensiva. Il 30 maggio sono inviati a Passo Buole due battaglioni: I/117° e III/118° per concorrere ad operazioni di contrattacco colà svolte.
     Il 15 giugno la brigata, raccolta ad Avio, è inviata a Schio ed il 18 è schierata sull'altopiano di Asiago nella zona M. Lemerle - M. Magnaboschi, passando alla dipendenza della 33a divisione.
     Lo stesso giorno suoi reparti concorrono efficacemente ad arginare, nel citato settore, l'offensiva nemica scatenatasi dal 15, perdendovi 27 ufficiali e 425 militari di truppa. Il 19 la "Padova" assume la difesa ad oltranza del settore di M. Zovetto, che dopo intensa preparazione occupa il 25; il giorno successivo procede verso Cavrari e Fondi, raggiungendo l'Assa il 27 e spingendo sulla sponda destra delle ardite ricognizioni verso Mezzaselva ed Albaredo, in modo da tener stretto contatto col nemico e disturbarlo nei suoi lavori.
     Fino al 14 agosto la brigata alterna i propri reparti fra prima linea e zona di riposo ed il 15, nuovamente destinata alla fronte carsica, raggiunge la zona di Moraro ed il 27 quella di Jalmicco - Clauiano.
     Il 12 settembre prosegue per Versa ove continua nel programma di allenamento e di istruzione iniziato.
     Il 25 il 117° si schiera in prima linea fra le due quote 208 in sostituzione della brigata Macerata, mentre il 118° accampa a Vermegliano ed il 4 ottobre si porta nel Vallone presso Case Boneti. Il 10 ha inizio un'azione offensiva che porta reparti della brigata alla conquista di q. 208 sud e della linea segnata dalla carrareccia Nova Vas - q. 175, colla cattura di 500 prigionieri, di armi da trincea, di 600 fucili e di molte munizioni.
     L'azione prosegue il giorno 11 e, nonostante i reiterati contrattacchi del nemico, i reparti della brigata realizzano altri vantaggi e prendono altri 300 prigionieri. Fino al giorno 15 i reparti continuano il rafforzamento delle posizioni conquistate ed il 16 scendono a Vermegliano per riposare e riordinarsi. Il 27 ottobre, in vista di una ripresa offensiva, la "Padova" ritorna in prima linea ed irrompe nuovamente, lo stesso giorno, contro le antistanti posizioni, dalle quali il nemico reagisce in modo da obbligare le ondate di attacco a ripiegare sulla linea di partenza, ma i reparti hanno già intaccata in diversi punti la sistemazione difensiva del nemico e gli hanno preso 225 prigionieri. Nei giorni seguenti fino al 6 la brigata con encomiabile tenacia rinnova gli attacchi, ma la vigilanza del nemico e la robustezza delle sue difese accessorie non consentono un risultato adegato allo sforzo compiuto ed alle ingentissime perdite sofferte. L'8 novembre la brigata è inviata a Cassegliano per riordinarsi.
     Il 18 è nuovamente in prima linea, ove si alterna colla brigata Mantova sino alla fine dell'anno.  

ANNO 1917.

      Fino al 19 maggio la "Padova" continua l'alternativa fra turni di trincea e di riposo, esercitando una intensa attività di pattuglie intercalata da qualche ardito colpo di mano, quale quello compiuto il 12 marzo da reparti del 117° in una dolina avversaria, ove furono catturati i difensori e furono distrutti alcuni ricoveri e depositi di munizioni. Il contegno del reggimento in questa azione merita la citazione sul bollettino di guerra del Comando Supremo. Il 20 maggio la brigata è inviata sulle pendici occidentali del M. Sei Busi mentre infuria la 10a battaglia dell'Isonzo. Il 23 suoi reparti, con violenti attacchi occupano le quote 238 - 241 e 247 e le mantengono contro i reiterati ritorni offensivi del nemico; il 24 la lotta si accende intorno alla q. 241, che per due volte il nemico riesce a riprendere, ma altrettante la posizione è riconquistata dai reparti della brigata che ricacciano l'assalitore e si rafforzano alacremente. Il 31 maggio la "Padova" si reca a Cassegliano per riordinarsi; essa dal 22 al 28 ha perduto 74 ufficiali e 1783 militari di truppa.
     Il 4 giugno è trasportata in autocarri nei pressi di Fogliano alla dipendenza diretta e quale riserva della 3a Armata.
     Il 6, collo stesso mezzo, è fatta proseguire per Ferletti, passando alla dipendenza della 61a divisione ed il 7 il 117° è schierato in prima linea nelle trincee di q. 208 sud, in sostituzione del 2° reggimento granatieri, e su quelle della quota 235; il giorno 10 anche il 118° è in prima linea verso q. 192 e q. 208 sud. In questo settore si riprende la consueta attività di pattuglie. Il 21 la brigata, sostituita dalla "Bari", si porta a Redipuglia e il 25 nella zona Porpetto - Castello, ove ritorna alla dipendenza della 33a divisione.
     Dopo un periodo di riposo e di riordinamento, dal 9 all'11 luglio è inviata per ferrovia nella zona di Castelfranco Veneto, fra Riese - Altivole - Fanzolo  - Salvarosa - Barcon (31a divisione) e fino al 12 agosto essa compie un periodo di intensa istruzione al campo di Crespano. Il 14 agosto è trasferita nella zona di Villa Vicentina - Scodovacca e il 18 è schierata nel settore di Ronchi, alla dipendenza della 33a divisione, per partecipare all'imminente offensiva. All'alba del 19, dopo un'adeguata preparazione di artiglieria, le truppe della "Padova", con ammirevole slancio, occupano le trincee nemiche sulle pendici occidentali di q. 146, ma un violento controattacco le ricaccia sulle posizioni di partenza; verso sera un nuovo tentativo riporta i reparti della brigata sulla q. 146, ma il nemico riesce ancora, con disperato sforzo, a riprenderla. Però il giorno successivo la quota è definitivamente conquistata dai reparti anzidetti che occupano anche la q. 146 bis e si spingono fino a raggiungere il vallone antistante alla q. 208, catturando 175 prigionieri. La lotta si svolge sempre accanita intorno alla citata posizione con alterna vicenda; il 21 sono catturati 400 uomini, il 22 altri 430 ed il 27 la brigata, stremata di forze, viene sostituita dalla "Arezzo" ed inviata fra Scodovacca - Papariano - Beliconda: essa ha perduto nelle ultime azioni 81 ufficiali e 2952 militari di truppa compreso un discreto numero di dispersi.
     Il 7 settembre è inviata a Porpetto, ove continua il suo riordinamento e passa alla dipendenza della 34a divisione.
     Il 22 ritorna nella zona Beliconda - Papariano. Il 14 - 15 ottobre è inviata a Staranzano passando alla dipendenza della 45a divisione ed il 16 - 17 sostituisce in prima linea la "Lombardia" nel settore di Monfalcone, fra q. 77 - Debeli - Viadotto. Fino al 26 tiene le dette posizioni che il nemico batte con diuturno tiro di artiglieria. Il 27, iniziatosi il ripiegamento della 3a Armata, la brigata lascia le posizioni occupate ed il 28 è a Muzzana del Turgnano, il 29 a sud di Latisana.
     Il 2 novembre è a S. Vito al Tagliamento alla dipendenza della 14a divisione. Il 5 oltrepassa la Livenza ed è messa alla dipendenza della 48a divisione; il 6 è a Lovadina ed il 7, raggiunto il Piave, assume la difesa del tratto C. Tonetto - C. Palazzon che tiene fino al 4 dicembre, allorchè, sostituita dalla "Aquila" si reca a riposo nella zona Paderno - S. Pelagio (50a divisione). Il 19 dicembre la "Padova" è di nuovo in prima linea nel tratto Fossalta - Losson - Pralongo passando a far parte della 28a divisione e trascorrendovi il resto del mese. 

ANNO 1918.

     La brigata fino al 28 marzo permane sul Piave, alternando i suoi reparti fra posizioni di prima linea e zona di riposo, il 29 è inviata nel territorio fra S. Marco - Piombino Dese - Albaredo. Il 10 aprile è trasferita a Marsango, l'11 a Bertesina ed il 15 sostituisce la "Regina" nel settore orientale dell'altopiano di Asiago. Il 15 giugno il nemico, dopo un'intensa preparazione di artiglieria, lancia le sue fanterie all'attacco delle linee tenute dalla "Padova" che riesce a mantenerle su tutta la sua fronte, eccetto che verso q. 1039 di Col d'Echele il cui presidio, sottoposto a violento fuoco d'infilata, deve di poco retrocedere. Analogalmente il presidio di Pizzo Razea, oggetto di violenta pressione avversaria, deve ritirarsi sulla linea di resistenza ad oltranza. Il giorno 16 il nemico lancia nuove truppe all'attacco puntando verso M. Melago, ma i reparti della brigata, con rinnovato accanimento, resistono valorosamente sulle loro posizioni sulle quali cade eroicamente il comandante del 117°, mentre in piedi sfida la morte mitragliando le ondate nemiche incalzanti. Il giorno 17 il nemico insiste nella sua pressione che si infrange contro la resistenza dei reparti della "Padova" la quale non cede e ristabilisce il collegamento con Pizzo Razea. Essa cattura 150 prigionieri e un rilevante bottino e perde 32 ufficiali e 1345 uomini di truppa. L'eroica condotta del 117° in questa azione è citata dal Bollettino di guerra del Comando Supremo.
     Nelle prime ore del 18 la "Padova", rilevata in prima linea dalla "Teramo", è impiegata in lavori di rafforzamento.
     Il 4 luglio è nuovamente in linea, ma il 6, sostituita da reparti alpini, è inviata in Val del Gatto fra M. Buson e M. Zanchi.
     Il 26 luglio ritorna in linea nel sottosettore Col del Rosso - Col d'Echele e fino al 21 ottobre alterna turni di linea e di riposo, compiendo qualche ardito colpo di mano.
     Il 22, sostituita dalla "Murge", è raccolta a S. Floriano ed il 30 è inviata nella zona Mottinelli - Cusinati - Belvedere - Sommavilla; il 3 novembre in quella Gazzo - Grantorto, ove trovasi alla data dell'armistizio.
     La brigata è sciolta nel febbraio 1920.

 

RICOMPENSE.

MEDAGLIA DI BRONZO.

 Alle Bandiere del 117° e 118° Reggimento Fanteria:

      “Nelle zone più martoriate della fronte i suoi fanti profusero sangue e valore attaccando e resistendo con eroica tenacia (Carso - Val Lagarina - Altipiani - Piave, settembre 1915 - giugno 1918)".

(Boll. Uff., 1922, disp. 67).

CITAZIONI SUI BOLLETTINI DI GUERRA DEL COMANDO SUPREMO.

BOLLETTINO DI GUERRA N. 658 (13 marzo 1917, ore 16).

      “Sulla fronte tridentina, nella giornata del 12, consueta attività delle artiglierie e piccoli scontri di nuclei in ricognizione a nord-est di Cimego (Valle Giudicaria), sulle pendici di M. Seluggio (Valle Posina) e alla testata del torrente Boden (Valle Sexten, Drava).     Sulla fronte Giulia, l'artiglieria nemica fu ieri più attiva nella conca di Tolmino. Sul Carso, un nostro riparto del 117° fanteria con ardita azione di sorpresa irruppe nelle linee nemiche a sud-ovest di Lucati, ne sconvolse le difese, incendiò i ricoveri e prese 24 prigionieri e 1 mitragliatrice. Di rimando, l'avversario tentò qualche ora dopo un controattacco: fu sopraffatto dal nostro fuoco e disperso.
                                                                                                                                                       

                                                                                                                                                                     Generale CADORNA

 BOLLETTINO DI GUERRA N. 1120 (18 giugno 1918, ore 13).

Nella giornata di ieri la 3a Armata ha sostenuto il poderoso sforzo nemico con l'usato valore.
     Di fronte a Maserada e a Candelù rinnovati tentativi di stabilire nuovi sbocchi sulla destra del fiume sono stati sanguinosamente respinti. Da Fossalta a Capo Sile la lotta ha imperversato fierissima e senza posa. Formidabili attacchi nemici si sono alternati con nostri contrattacchi; inizi di vigorose avanzate sono stati frantumati dalla nostra resistenza o arrestati da nostre azioni controffensive.
     La lotta ha sostato soltanto a tarda notte, le valorose truppe dell'Armata sono state strenuamente provate, ma l'avversario non ha potuto aumentare la breve profondità della fascia entro la quale da quattro giorni il combattimento imperversa. 1550 prigionieri sono restati nelle nostre mani.
     Gli aviatori hanno continuato a prodigarsi instancabili intervenendo efficacemente nella battaglia sotto la pioggia dirotta.
     Sul margine settentrionale del Montello rinsaldammo la nostra occupazione sul fiume fino a Casa Serena. Nel pomeriggio il nemico, dal saliente nord-orientale del monte, sferrò due attacchi in direzione di sud-ovest e di sud-est: il primo venne nettamente arrestato ad oriente della linea Segnale 279-nord-est di Giavera; il secondo fu contenuto immediatamente a sud della ferrovia S. Mauro - S. Andrea.
     Nella regione del Grappa respingemmo attacchi parziali nemici ed eseguimmo riusciti colpi di mano. Venne preso un centinaio di prigionieri.
     In fondo Val Brenta e ad oriente della Val Frenzela puntate nemiche furono prontamente arrestate.
     Al margine orientale dell'Altopiano di Asiago truppe nostre strapparono all'avversario il Pizzo Razea e le alture a sud-est di Sasso prendendovi circa 300 prigionieri; riparti nostri e del contingente francese attaccarono fortemente, guadagnando terreno, il Costone di Costalunga e vi catturarono alquanti nemici. Numerosi altri prigionieri vennero fatti più ad occidente da truppe britanniche.
     Il contegno delle truppe nostre ed alleate nella battaglia è ammirevole.
     Dallo Stelvio al Mare ognuno ha compreso che il nemico non deve assolutamente passare; ciascuno dei nostri bravi che difendono il Grappa ha sentito che ogni palmo dello storico monte è sacro alla Patria.
     Per le grandi giornate del 15 e del 16 giugno e per l'attacco al Tonale del giorno 13, fallito tentativo d'inizio dell'offensiva nemica, meritano speciale menzione ad esponente di tutti gli altri riparti: la 45a divisione di fanteria, le brigate di fanteria Ravenna (37°, 38°), Ferrara (47°, 48°), Emilia (119°, 120°), Sesia (201°, 202°), Bari (139°, 140°), Cosenza (243°, 244°), Veneto (255°, 256°), Potenza (271°, 272°); la 6a brigata bersaglieri (8°, 13°); il 78° reggimento di fanteria francese e particolarmente il primo battaglione; i reggimenti britannici Northumberland Fusiliers, Sherwood Foresters, Royal Warwick, Oxford and Bucks Light Infantry; il 13° reggimento di fanteria italiano (brigata Pinerolo); il 117° (brigata Padova); il 266° (brigata Lecce); il 2° battaglione del 108° fanteria francese; il 9° reparto d'assalto, i battaglioni alpini M. Clapier, Tolmezzo e M. Rosa e la 178° compagnia mitragliatrici.
     A tutte le artiglierie nostre ed alleate spetta particolarmente il vanto di avere spezzata la prima foga dell'assalto nemico. Speciale onore va reso alla 7a e 8a batteria del nostro 56° reggimento da campagna che, restate imperterrite sul Col Moschin circondato, si opposero al nemico sopra un'unica linea nella quale, a lato dei cannoni, artiglieri e fanti gareggiarono in bravura.
                                                                                                             Generale DIAZ.  

 
UFFICIALI MORTI IN COMBATTIMENTO, IN SEGUITO A FERITE O IN PRIGIONIA.
Grado Cognome e Nome Luogo di nascita Luogo e data di morte
117° Reggimento Fanteria.
1 Ten. Col. Bertano Bernardino Mondovì Cima Cischietto 16-06-1918
2 Id.  Linati Ugo Clusone Q. 241, Carso 24-05-1917
3 Maggiore Cibele Nicolò Thiene Osp. d. c. 029, 30-05-1916
4 Id. Mamotti Ettore Feltre   Q. 146. Carso 19-08-1917
5 Capitano Bandini Amedeo Siena S. Martino del Carso 16-09-1915
6 Id. Battista Attilio Fontana Liri Osp. C.R.I. n° 5, 01-03-1917
7 Id. Bertoli Dr. Paolo (med.) Latisana Q, 146, Carso 23-08-1917
8 Id. Ceretti Carlo Salerno Q. 241, Carso 24-05-1917
9 Id. Giorgi Giorgio Pesaro Trincea delle Frasche 20-03-1916
10 Id. Moretti Luigi Montebelluna Q. 208 sud, Carso 10-10-1916
11 Id. Peggion Antonio Schio Id. 02-11-1916
12 Tenente Caudo Vincenzo Granito Q. 146, Carso 21-08-1917
13 Id. De Simone Edoardo S. Giovanni a Teduccio Castelnuovo 22-03-1916
14 Id. Fumagalli Vincenzo Genova Q. 238, Carso 24-05-1917
15 Id. Gaggero Francesco Genova S. Martino del Carso 05-09-1915
16 Id. Provissionato Giuseppe Venezia Q. 146, Carso 20-08-1917
17 Id. Valentini Viscardo (disp.) Ostuni Id. 23-08-1917
18 Id. Zennaro Alberto Venezia S. Martino del Carso 04-09-1915
19 S. Ten. Balzi Rodesindo Pelago Q. 208 sud, Carso 01-11-1916
20 Id. Caruso Giuseppe Tunisi Q. 238, Carso 24-05-1917
21 Id. De Mario Caprin Igino S. Stefano di Cadore Q. 208 sud, Carso 10-10-1916
22 Id. De Simone Edoardo S. Giovanni a Teduccio Castelnuovo 23-03-1916
23 Id. Donnini Renato Torino Q. 208 sud, Carso 23-05-1917
24 Id. Golini Angelo Piazza Armerina Id.
25 Id. Litrico Antonio Patti Col del Rosso 08-08-1918
26 Id. Mangano Angelo Palermo Q. 208 sud, Carso 01-11-1916
27 Id. Michieli Giovanni Padova Q. 111, Polazzo 04-09-1915
28 Id. Milazzo Salvatore Biancamano Q. 208 sud, Carso 02-11-1916
29 Id.  Mogavero Vincenzo Isnello Id.
30 Id. Ottaviani Ernesto Roma Osp. Chir. Città di Milano 21-09-1918
31 Id. Servelli Domenico Francavilla Q. 208 sud, Carso 02-11-1916
32 Id. Soldati Pietro Papozze S. Martino del Carso 01-09-1915
33 Id. Velles Sebastiano ...... Settore Monfalcone 15-11-1915
34 Aspir. Berti Italo .......... Q. 208 sud, Carso 23-05-1917
35 Id. Riccardi Usmano ..... Id. 25-05-1917
Ufficiali morti per malattia.
1 Tenente Falabella Luigi Lagonegro Osp. d. c. 170, 21-10-1918
118° Reggimento Fanteria.
1 Ten. Col. Costamagna Francesco Pinerolo Q. 208 sud, Carso 14-10-1916
2 Capitano Castelfranco Ezio Modena M. Zovetto 19-06-1916
3 Id. Gozzi Giuseppe Bologna Polazzo 22-09-1915
4 Id. Gregorutti Pier Antonio Latisana Q. 85, Carso 22-10-1915
5 Id. Indelli Emilio Monopoli Osp. d. c. 237, 05-06-1917
6 Id. Benelli Mario Torino Q. 238, Carso 24-05-1917
7 Id. *Ricci Innocente Castiglione Osp. Chir. Città di Milano 23-10-1918
8 Id. Sforza Luigi Noicattaro Q. 208 sud, Carso 23-05-1917
9 Id. Vassanelli Marino Castelnuovo M. Zovetto 19-06-1916
10 Id. Volpe Michele Matera Col di Noselari 15-06-1918
11 Id. Zanetti Mario Bologna Q. 208 sud, Carso 01-11-1916
12 Tenente Aliboni Alberto Livorno Id.  
13 Id. Bonera Ignazio (disp.) Partinico Id.
14 Id. Cacace Attilio (disp.) Trapani Id.
15 Id. Cossu Marco Antonio Villanova Q. 238, Carso 23-05-1917
16 Id. Laneri Vincenzo Foligno Q. 116, Carso 23-08-1917
17 Id. Malvasi Nullo Cavezzo Q. 208 sud, Carso 01-11-1916
18 Id. Monaco Samuele Castelvetere Val Fortone Q. 85, Carso 22-10-1915
19 Id. Venditti Felice Aquino Val Lastaro 18-06-1916
20 S. Ten. Arnone Giuseppe Gorgoglione Id.
21 Id. Bertoli Giovanni Venezia Q. 238, Carso 24-05-1917
22 Id. Brazolo Quirino Lendinara Osp. d. c. 68, 20-09-1915
23 Id. Camerio Olga (disp.) Roma Q. 116, Carso 22-08-1917
24 Id. Canetti Bruno Venezia Osp. d. c. 037, 07-01-1917
25 Id. Cassarà Giovanni Palermo Q. 208 sud, carso 11-10-1916
26 Id. Ceccherini Gino (disp.) Roma Q. 146, Carso 22-08-1917
27 Id. Chieregato Felice Villa d'Adige M. Busibollo 25-06-1916
28 Id. *De Castro Armando Roma Osp. Marostica 19-06-1918
29 Id. De Marco Vittorio Venezia Q. 208 sud, Carso 23-05-1917
30 Id. De Zorzi Francesco Venezia Q. 219, Jamiano 24-05-1917
31 Id. Liebmann Roberto Trieste Castelnuovo del Carso 02-04-1916
32 Id. Marinella Antonio Venezia Sez. Sanità 16a div. 23-10-1915
33 Id. Miranda Florindo Benevento 1a Rep. Somegg. 29-09-1916
34 Id. Neri Francesco Bologna Q. 208 sud, Carso 01-11-1916
35 Id. Nicosia Salvatore Vittoria Val Lastaro 23-06-1916
36 Id. Nordio Cherubino Chioggia 233° Rep. Somegg. 23-06-1916
37 Id. Pezzini Antonio Palazzolo Sull'Oglio Sez. San. 6a div. 22-10-1915
38 Id. Piccinini Armando Buso Sarzano M. Zovetto 18-06-1916
39 Id. Piletti Giovanni  Trecasali 16a Sez. San. 17-11-1915
40 Id. Preite Mario Verona Q. 85, Carso 22-10-1915
41 Id. Prosperi Flaviano Macerata Q. 208 sud, Carso 01-11-1916
42 Id. Schiavone Guido Sessa Aurunca Amb. Chir. N. 5, 15-101-1916
43 Id. Sederino Antonio Brindisi Castelnuovo del Carso 19-04-1916
44 Id. Terranova Gaetano Trapani Q. 85, Carso 22-10-1915
45 Id. Toni Giovanni San Leo Q. 238, Carso 23-05-1917
46 Id. Venditti Felice Aquino Val Lastaro 18-06-1916
47 Id. Vincitorio Consalvo Campagna Osp. C.R.I. n. 5, 19-10-1916
48 Aspir. Barbella Michele Caselle in Pittari Q. 68, Carso 15-08-1917
49  Id.  Basiricò Pietro Trapani M. Zovetto 18-06-1916
50 Id. Bertoli Luigino Vicenza Q. 146, Carso 20-08-1917
51 Id. Castaldo Giovanni Napoli Q. 85, Carso 22-10-1915
52 Id. Giove Giuseppe Venezia Q. 238, Carso 23-05-1917
53 Id. Marcuzzi Luciano Ancona 33a Sez. San. 02-11-1916
54 Id. *Polacco Abramo Venezia In prigionia 20-08-1917
55 Id. Pepossi Amleto Pisa Monfalcone 22-10-1915
56 Id. Rizzo Guido Canicattì 19a Sez. San. 15-06-1917
57 Id. Schwart Angelo Venezia Q. 97, Carso 19-08-1917
Ufficiali morti per malattia.
1 S. Ten. Spina Emilio Busto Arsizio Saciletto (suicidio) 01-10-1917
 

  MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE.

118° REGGIMENTO FANTERIA.

      Capitano GREGORUTTI PIER ANTONIO, da Latisana (Udine):

      "Con slancio, abilità ed ardimento esemplari, portava il proprio reparto alla conquista di forti posizioni nemiche, e, sprezzante di ogni pericolo, ne oltrepassava i reticolati sotto violento fuoco d'artiglieria avversaria. Con pari valore e con straordinaria tenacia, si manteneva quindi e si rafforzava sulla posizione raggiunta. Ferito all'addome dando mirabile esempio di virtù militari, anzichè recarsi al posto di medicazione, rimaneva al comando del proprio reparto, fino a che, nuovamente e mortalmente colpito cadeva sulla posizione eroicamente conquistata - Monfalcone, 22 ottobre 1915".

(Boll. Uff., anno 1916, disp. 87).

 

MILITARI DECORATI CON L'ORDINE MILITARE DI SAVOIA.

BAGNANI UGO, maggiore generale - cavaliere - Altopiano di Asiago, 17 - 25 giugno 1916 - Carsia Giulia, 9 - 13 ottobre - 1-4 novembre 1916.

MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ARGENTO E DI BRONZO AL VALOR MILITARE.

 

MEDAGLIA D’ARGENTO.

117° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 30 - Truppa, n. 35.

118° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 57 - Truppa, n. 39.

MEDAGLIA DI BRONZO.

117° Regg. Fanteria, n. 46 - 118° Regg. Fanteria, n. 88.

COMANDANTI DELLA BRIGATA.

Colonnello ZAMPIERI Giovanni, dal 24 maggio al 25 ottobre 1915.
Magg. gen. BAGNANI Ugo, dal 29 ottobre 1915 all'8 gennaio 1917.
Magg. gen. MAGLIULO Angelo, dall'8 febbraio 1917 al 17 marzo 1918.
Col. brig. CALCAGNO Riccardo, dal 18 marzo al 20 maggio 1918.
Magg. gen. DE ANTONIO Carlo, dal 21 maggio 1918 al termine della guerra.

COMANDANTI DEL 117° REGGIMENTO FANTERIA.

Colonnello SEVERINI Augusto, dal 24 maggio 1915 al 1° giugno 1916. 
Colonnello MACARIO Giusto, dal 6 giugno 1916 al 15 settembre 1917.
Ten. col. BERTANO Bernardino, dal 17 settembre 1917 al 16 giugno 1918 (caduto sul campo). 
Ten. colonnello CRIPPA Giuseppe, dal 17 giugno 1918 al termine della guerra.
 

COMANDANTI DEL 118° REGGIMENTO FANTERIA.

Colonnello BALDASSARI Baldassare, dal 24 maggio 1915 al 21 maggio 1916.
Colonnello FRANCHI Augusto, dal 22 maggio 1916 al 2 settembre 1917.
Ten. Colonnello CANESCHI Giovanni, dal 3 al 27 settembre 1917.
Colonnello CONCIALINI Arturo, dal 28 settembre 1917 al termine della guerra.

 
 
UFFICIALI SUPERIORI E CAPITANI COMANDANTI DI BATTAGLIONE.
117° REGGIMENTO FANTERIA
I° battaglione.
Grado Casato e Nome Data di assunzione Data di Cessazione Annotazioni
Maggiore Mura Ettore 24/05/15 10/12/15  
Id. Forti Fulvio 11/12/15 26/12/16  
Id. Liprandi Vittorio 27/12/16 19/06/17  
Id. Minervini Bernardino 16/10/17 14/02/18  
Ten. Col. Botteri Arturo Efisio 15/02/18 al termine della guerra.  
II° battaglione.
Maggiore Monti Alberto 24/05/15 27/09/15  
Id. Cirele Nicolò 28/09/15 30/05/16 Caduto sul campo.
Ten. Col. Scolart Lucio 01/06/16 24/07/16  
Id. Sticca Giuseppe 25/07/16 13/09/16  
Maggiore Marazzani Alessandro 14/09/16 10/12/16  
Id. Concialini Arturo 11/12/16 12/10/17  
Id. Valdagna Maurizio 13/10/17 28/09/18  
Id. Micillo Domenico 29/09/18 al termine della guerra.  
III° battaglione.
Maggiore Matarelli Leonida 24/05/15 12/02/16  
Id. Ferrara Giuseppe 13/02/16 02/11/16  
Ten. Col. Linati Ugo 03/11/16 24/05/17 Caduto sul campo.
Maggiore Mamotti Ettore 25/05/17 19/08/17 Caduto sul campo.
Id. Bianco Arnaldo 23/08/17 21/09/17  
Id. Fazio Francesco 07/11/17 22/03/18  
Ten. Col. Nucci Ferdinando 23/03/18 07/06/18  
Maggiore Capobianco Dialma 16/10/18 al termine della guerra.  
118° REGGIMENTO FANTERIA.
I° battaglione.
Ten. Col. De Maria Francesco 24/05/15 26/08/15  
Maggiore Casanova Armando 27/08/15 26/10/15  
Id. Coller Gaspare 28/10/15 01/11/15 Ferito.
Capitano Zinno Pasquale 05/11/15 08/03/16  
Ten. Col. Taglioni Ernesto 09/03/16 29/09/16 Ferito.
Maggiore Fiorineschi Ruggero 30/09/16 07/07/17  
Id. Nappi Giovanni 13/08/17 23/08/17 Ferito.
Id. Pavani Mario 13/10/17 25/11/17 Ferito.
Ten. Col. Tani Adolfo 26/12/17 al termine della guerra.  
II° battaglione.
Maggiore Barettin Antonio 24/05/15 24/08/15  
Ten. Col. Costamagna Francesco 02/09/15 14/10/16 Caduto sul campo.
Maggiore Del Paio Ottorino 07/11/16 10/12/16  
Id. Erba Arturo 11/12/16 12/12/16  
Id. Allegretti Lorenzo 13/01/17 10/12/17  
Id. Galliano Giulio 11/12/17 08/06/18  
Id. De Rossi Alberto 09/06/18 al termine della guerra.  
III° battaglione.
Maggiore Lombardi Edoardo 24/05/15 03/10/15  
Id. Bajocco Livio 09/10/15 16/03/16 Ferito.
Id. Zinno Pasquale 17/06/16 15/11/16  
Id. Ricciardi Tito 01/12/16 27/04/17  
Id. Lombardi Onofrio 05/05/17 23/05/17 Ferito.
Id. Iavicoli Raffaele 20/08/17 20/08/17  
Capitano Bacci Gustavo 19/11/17 30/12/17  
Maggiore De Marco Aurelio 01/01/18 al termine della guerra.  
 

SERVIZI PRESTATI IN LINEA ED IN ZONA DI RIPOSO

Permanenza in linea

Permanenza in zona di riposo, lavori, trasferimenti, ecc.

 Anno 1915

Dal 30 agosto al 28 settembre (Settore Castelnuovo del Carso - S. Martino del Carso).

Dal 21 ottobre al 14 dicembre (Settore Monfalcone - Q. 85 - Q. 77 sud di M. Cosich).

 

 

 

 Anno 1916

Dal 15 marzo al 19 aprile (Settore Castelnuovo del Carso - S. Martino del Carso).

Dal 26 maggio al 14 giugno (M. Altissimo - Passo Buole).

Dal 18 giugno al 14 agosto (Zona di M. Lemerle - M. Magnaboschi - M. Zovetto - Val d'Assa).

Dal 25 settembre al 15 ottobre (Zona di Redipuglia [fra le due quote 208]).

Dal 27 ottobre al 7 novembre (Zona di Redipuglia [Q. 208 sud]).

Dal 18 novembre al 10 dicembre (Settore Boneti - Q. 208 sud).

Dal 21 al 31 dicembre (Settore Boneti - Q. 208 sud).

 Anno 1917

Dal 1° all'8 gennaio (Settore Boneti - Q. 208 sud).

Dal 2 all'8 febbraio (Zona Redipuglia - Settore Boneti).

Dal 21 febbraio al 15 marzo (Settore Doberdò - Q. 208 sud).

Dal 24 marzo al 27 aprile (M. Sei Busi - Q. 238 - Q. 241 - Q. 235 - Q. 247).

Dal 22 al 30 maggio (Zona Redipuglia - Q. 208 sud - Q. 192).

Dal 7 al 21 giugno (Settore Doberdò - Q. 235 - Q. 208 sud).

Dal 18 al 26 agosto (Settore Ronchi - Q. 146 - Q. 146 bis).

Dal 16 ottobre al 4 dicembre (Settore Monfalcone - Q. 77 - Debeli - Viadetto - Ripiegamento: Muzzana del Turgnano - Latisana - S. Vito al Tagliamento - Livenza - Lovadina - Piave - Trincee del Piave [C. Tonetto - C. Palazzon]).

Dal 19 al 31 dicembre (Settore Fossalta - Losson - Pralungo).

 Anno 1918

Dal 1° gennaio al 1° febbraio (Settore Fossalta - Losson - Pralungo).

Dal 15 aprile al 2 maggio (Settore orientale altopiano Asiago [Val Forcella - Busa del Cimo]).

Dal 16 maggio al 5 luglio (Settore sud Col d'Echele e Sasso [M. Melago - Pizza Razea - Col del Rosso - Pozza della Cerisara - Val Biancoia]).

Dal 26 luglio al 23 settembre (Sottosettore Col del Rosso - Col d'Echele - M. Melago - Val Forcella - Col dei Noselari).

Dal 19 al 21 ottobre (Settore Col del Rosso - Col d'Echele).

Dal 30 ottobre al 4 novembre (Battaglia di Vittorio Veneto - Mottinelli - Cusinati - Belvedere - Sommavilla - Gazzo - Grantorto).

 Anno 1915

 Dal 24 maggio al 29 agosto (Cavazuccherina - Cortellazzo - Cavallino - Venezia - Chioggia - Tagliamento - Cervignano - Scodovacca).

Dal 29 settembre al 20 ottobre (Armelino - Villa Vicantina).

Dal 15 al 31 dicembre (Camino di Codroipo - Gradiscutta - Passariano - S. Martino - Rivolto).

 Anno 1916

 Dal 1° al 23 gennaio (Camino di Codroipo - Gradiscutta - Passariano - S. Martino - Rivolto).

Dal 24 gennaio al 14 marzo (Pieris - Cassegliano - Fratta - Medea - Borgnano - S. Pietro - Sagrado).

Dal 20 aprile al 25 maggio (Campolonghetto - Castions di Mure - Villa - Molin di Ponte - Molin di Noacco. Trasferimento a Verona, Spiazzi e Ferrara di M. Baldo).

Dal 15 al 17 giugno (Avio - Schio - Calvene).

Dal 15 agosto al 24 settembre (Moraro - Jalmicco - Clauiano - Versa).

Dal 16 al 26 ottobre (Vermegliano).

Dall'8 al 17 novembre (Cassegliano).

Dall'11 al 20 dicembre (Cassegliano).

 

 Anno 1917

Dal 9 gennaio al 1° febbraio (Ruda - Armelino - Vermegliano - Turriaco - S. Nicolò).

Dal 9 al 20 febbraio (Vermegliano).

Dal 16 al 23 marzo (Vermegliano).

Dal 28 aprile al 21 maggio (Vermegliano - Cassegliano).

Dal 31 maggio al 6 giugno (Vermegliano - Cassegliano - Fogliano - Ferletti).

Dal 22 giugno all'8 luglio (Redipuglia - Porpetto - Castello).

Dal 9 luglio al 13 agosto (Trasferimento nella zona di Castelfranco Veneto [Riese - Altivole - Fanzolo - Salvarosa - Barcon]).

Dal 14 al 17 agosto (Trasferimento nella zona di Villa Vicentina - Scodovacca).

Dal 27 agosto al 15 ottobre (Beliconda - Scodovacca - Papariano - Porpetto).

Dal 5 al 18 dicembre (Paderno - S. Pelagio).

 Anno 1918

 Dal 2 febbraio al 28 marzo (Noale).

Dal 29 marzo al 14 aprile (S. Marco - Piombino Dese - Albaredo - Marsango - Bertesina).

Dal 6 al 25 luglio (Val Gatto [tra M. Buson e M. Zanchi]).

Dal 24 settembre al 19 ottobre (Vallonara - Fontanelle).

Dal 22 al 29 ottobre (San Floriano).

  RIEPILOGO
Linea Riposo
Mesi Giorni Mesi Giorni
Anno 1915

2

24

4

14

Anno 1916

6

/

6

/

Anno 1917

5

17

6

13

Anno 1918

5

16

4

18

TOTALI Mesi 19 e giorni 27 Mesi 21 e giorni 15
 
RIEPILOGO DELLE PERDITE IN COMBATTIMENTO
LOCALITA' E DATA 117° REGGIMENTO 118° REGGIMENTO
Ufficiali Truppa Ufficiali Truppa
Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi
1915

Settore Castelnuovo del Carso (25 agosto - 28 settembre)

5

3

/

46

245

/

2

/

/

14

88

/

Settore Monfalcone - Q. 85 - Q. 77 sud di M. Cosich - Q. 121 (21 ottobre - 14 dicembre)

1

8

/

33

134

2

8

15

/

107

595

210

Totale anno 1915 6 11 / 79 379 2 10 15 / 121 683 210
 
1916

Settore Castelnuovo del Carso - S. Martino del Carso (15 marzo - 19 aprile)

3

3

/

18

64

/

3

2

/

6

29

/

M. Altissimo - Passo Buole (26 maggio - 14 giugno)

1

/

/

/

/

/

/

2

/

2

49

/

M. Lemerle - M. Magnaboschi - M. Zovetto - Val d'Assa (18 giungo - 14 agosto)

/

8

/

19

170

20

10

15

/

101

526

2

Vallone Doberdò - Case Boneti - Q. 208 sud - Q. 175 - Nova Vas (25 settembre - 31 dicembre)

8

25

9

71

480

350

14

30

18

43

344

1776

Totale anno 1916

12

36

9 108 714 370 27 49 18 152 948 1778
 
1917

Settore Doberdò - Case Boneti - Q. 208 sud (1° gennaio - 27 aprile)

1

2

/

17

127

/

1

3

/

24

117

/

M. Sei Busi - Azioni a Q. 238 - Q. 241 - Q. 247 (22 - 30 maggio)

8

17

3

16

295

463

8

24

16

40

304

665

Settore Ferletti - Q. 208 sud - Q. 235 - Q. 192 (7 - 21 giugno)

/

4

1

12

56

8

1

3

/

/

37

/

Settore Ronchi - Azioni a Q. 146 e q. 146 bis (18 - 26 agosto)

5

24

7

162

276

740

6

25

20

110

615

1049

Settore Monfalcone - Q. 77 - Debeli - Viadotto (16 - 27 ottobre)

/

/

/

1

/

/

/

/

/

/

2

/

Ripiegamento: Muzzana del Turgnano - Latisana - Livenza - Lovadina - Piave - C. Tonetti - C. Palazzon (27 ottobre - 2 dicembre)(1)

/

/

1

/

/

269

/

/

1

/

/

303

Settore Fossalta - Losson - Pralungo (19 - 31 dicembre)

/

1

/

2

14

/

/

1

/

3

6

/

Totale anno 1917 14 48 12 210 768 1480 16 56 37 177 1081 2017
 
1918

Settore Fossalta - Losson - Pralungo (1° gennaio - 1° febbraio)

/

2

/

13

34

/

/

/

2

21

/

Settore orientale Altopiano di Asiago - Val Forcella - Busa del Cimo - Cortine (15 aprile - 2 maggio)

/

/

/

/

2

/

/

1

/

/

5

/

Col d'Echele - M. Melago - Pizzo Razea - Col del Rosso - Pozza della Cerisara - Val Biancoia (16 maggio - 5 luglio)

1

3

18

19

62

949

1

8

2

14

123

178

Col d'Echele - Col del Rosso - M. Melago - Val Forcella - Col dei Noselari (26 luglio - 23 settembre)

2

/

/

11

45

1

/

2

/

16

73

3

Settore Col del Rosso - Col d'Echele (19 - 21 ottobre)

/

/

/

/

2

/

/

/

/

/

3

/

Totale anno 1918

3

5

18

43

145

950

1

11

2

32

225

181

 
RIEPILOGO GENERALE
Anno 1915

6

11

/

79

379

2

10

15

/

121

683

210

Anno 1916

12

36

9

108

714

370

27

49

18

152

948

1778

Anno 1917

14

48

12

210

768

1480

16

56

37

177

1081

2017

Anno 1918

3

5

18

43

145

950

1

11

2

32

225

181

TOTALE GENERALE 35 100 39 440 2006 2802 54 131 57 482 2937 4186
 (1) Questi dati possono ritenersi i più vicini alla realtà perchè desunti dagli elenchi della C.R.I.. Servirono alla Commissione d'Inchiesta su Caporetto, di cui al R. D. 12 gennaio 1918, n. 35.


Stampa la pagina


Invia ad un amico



Pag. 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118
 

     
 
:: Pubblicità ::