Fronte del Piave
Hotel San Marco Montebelluna TV
 
Menu
 
 
 


Pubblicità
 
 
 


Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
  Condividi su Facebook    
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
     
 
:: Pubblicità ::


 
     
 

BRIGATA "SPEZIA"

(125° e 126° Fanteria)

Costituita il 1° marzo 1915:
il Comando di Brigata ed il 125° dal deposito del 21° Fanteria; il 126° dal deposito del 22° Fanteria. Sciolta il 30 ottobre 1917 e ricostituita il 15 ottobre 1918 per cura degli stessi depositi.

 

ANNO 1915.

      Il 24 maggio la brigata, proveniente da Massa, è riunita a Spilimbergo alla dipendenza della 32a divisione. Il 29 è inviata a Pasian di Prato, il 30 a Manzano ed il 3 giugno è schierata sulla fronte Planina — Verliovlje.
     Il giorno 16 il 125° ed un battaglione (I) del 126°, messi alla temporanea dipendenza della 3a divisione, agiscono contro la q. 383 di Plava che conquistano e rafforzano, perdendo 18 ufficiali e 894 militari di truppa; il giorno successivo il I/126° occupa un ricovero nemico catturandone il presidio di 36 uomini ed un ufficiale ed impadronendosi di un doposito di munizioni. Il 27 dello stesso mese, la brigata esegue un nuovo balzo in avanti sul versante sud occidentale di M. Kuk. L' 11 - 12 luglio essa è spostata a nord per occupare, con due battaglioni del 125°, il tratto di fronte Kambresko — Ronzina — Maria Zell ove continua nei lavori di rafforzamento, mentre il 126° ed il III/125°, lasciati a disposizione della 3a divisione, combattono efficacemente sul M. Sabotino nei giorni dal 20 al 23.
     Fino al 25 settembre la brigata permane nelle citate posizioni del settore Liga — Kambresko ove alterna i suoi reparti. Dal 20 al 26 è inviata a riposo nella zona fra Pojanis e Craoretto.
     Il 20 - 21 ottobre ritorna in linea e, dopo intensa preparazione, attacca il 1° e 2 novembre le posizioni avversarie di Globna, ma non può ritrarne che lievi vantaggi a causa della intensa reazione del nemico; maggior fortuna ha invece l'azione svolta dai battaglioni I e III del 125° che, sempre alla dipendenza del comando della brigata Ravenna (3a divisione), attaccano di sorpresa e conquistano, nella giornata del 1° novembre, parte del villaggio di Zagora ed il trincerone antistante, catturando 10 ufficiali, 306 militari di truppa e molto materiale da guerra. 
     Le perdite complessive delle due giornate sono di 23 ufficiali e 480 militari di truppa; il contegno del 125° merita la medaglia di bronzo al valore.
     L'azione è ripresa il giorno 10; sia verso le pendici sud di M. Kuk, sia verso Zagora i reparti della brigata si accaniscono in violenti attacchi, catturando altri 264 prigionieri fra cui 4 ufficiali e riportando, dopo alterna vicenda, qualche altro lieve vantaggio territoriale.
     Il 16 novembre la "Spezia", sostituita dalla Firenze, si reca a riposo nella zona di Pojanis.
     Il 21, I e III del 125° si recano a S. Floriano per lavori ed il 24 nelle trincee di 2a linea del Lenzuolo Bianco a disposizione della 4a divisione.
     Il 26, il 125° concorre col 71° e col 133° all’attacco delle posizioni nemiche di q. 138 che cadono in parte nei giorni successivi. In queste azioni il 125° perde 9 ufficiali ed oltre 200 militari di truppa.
     Il 28 novembre anche il 126° si porta da Pojanis a S. Floriano a disposizione della 4a divisione, ed il 1° dicembre, assieme al 125°, ripete l’attacco di q. 138.
     Dopo tentativi infruttuosi per l'incostanza del tempo e per le potenti difese nemiche, i due reggimenti sono inviati, tra l’8 e l’11 dicembre, a riposo nella zona fra Orzano e Premariacco.
     Il 21 dicembre due battaglioni del 125° si recano in linea del settore Globna — Anhovo — Lozice mentre il resto della brigata rimane a riposo a Premariacco.

ANNO 1916.

    Il 1° gennaio il comando della brigata Spezia assume la difesa del settore di Plava ove è raggiunto dai suoi battaglioni che, dopo un turno di riposo a Premariacco, ritornano in linea e vi si alternano fino al 13 maggio, allorchè la brigata è inviata nella conca di Bergogna (33a divisione). Il 21 è trasferita a Luico, il 22 a Cividale e, dopo di aver raggiunto per via ordinaria Pordenone, è quì imbarcata in ferrovia ed inviata prima a Cittadella, e quindi, il 31 maggio, nella zona di S. Maria di Camisano Vicentino, passando alla dipendenza della 23a divisione.
     Il 4 giugno è trasferita ad Ancignano, ove sosta fino al 18 per proseguire in autocarri per S. Giacomo di Lusiana; il 20 il 125° è inviato a Cima di Fonte ed il 126° a Bocchetta di Campo Rossignolo ed il 29 il primo è spostato a Spiazzo Croce ed il secondo a Pria dell’Acqua. Il 4 luglio la "Spezia" sostituisce la "Lombardia" nel sottosettore di Asiago dislocandosi sulle pendici orientali di M. Rasta (28a divisione).
     L’11 luglio passa alla dipendenza della 29a divisione e con questa partecipa ad un’azione contro M. Rasta — q. 145 — Roccolo del Lino.
     Dopo una conveniente preparazione di artiglieria, i reparti della brigata tentano ripetute volte di raggiungere gli obbiettivi, ma sono arrestati dalla intensa reazione del nemico, che produce la perdita di 13 ufficiali e 428 militari di truppa. Senza abbandonare il terreno guadagnato, il giorno 12 i battaglioni ritentano l’attacco e riescono ad avvicinarsi ancora di poco alle posizioni avversarie, perdendo altri 15 ufficiali e 398 militari di truppa; 16 ufficiali e 498 militari di truppa perdono il giorno successivo senza peraltro poter raggiungere gli obbiettivi.
     Il 22 luglio l’azione è ripresa con carattere dimostrativo e dura fino al 26, allorchè la "Spezia" ripassa alla dipendenza della 28a divisione. Il 9 agosto, sostituita, è inviata a Bocchetta di Campo Rossignolo a disposizione del comando della 1a armata ed il giorno dopo è riunita a Cogollo (20a divisione).
     Il 16 agosto è inviata per ferrovia a Claniano, passando a far parte della 4a divisione ed il 20 è trasferita a S. Stefano.
     L’11 settembre è trasferita a Chiopris ed il 16 nella zona Gradisca — Viola, ove il 21 invia in linea, nel tratto fra le pendici occidentali del Nad Logem e Devetachi, il 126° che il 27 rientra nei suoi alloggiamenti di Viola.
     Il 10 ottobre la brigata è di nuovo in linea sulle posizioni anzidette ed il 12 il 126°, accortosi dello scarso presidio tenuto dal nemico nelle trincee di Lokvica, fa avanzare i suoi reparti che riescono a conquistare la prima linea avversaria che subito rafforzano. 
     Il 1° novembre, inizio della 9a battaglia dell’Isonzo, la brigata avanza, conquista la linea nemica detta "Zero" e la dolina 172 e, successivamente, il Pecinka, la q. 278, la q. 291.
     Il nemico muove al contrattacco e riesce a riprendere le quote 278 e 291, ma sono vani i suoi sforzi contro il Pecinka che resta in saldo possesso dei reparti della "Spezia", la cui resistenza costa la perdita di 21 ufficiali e 621 gregari. Il giorno 2, nonostante la violenza di un nuovo contrattacco del nemico, i reparti della brigata occupano per la seconda volta le contrastate quote 278 e 291 perdendovi 29 ufficiali e 1032 militari di truppa. Il 6 novembre, sostituia dalla "Pisa" ritorna a Chiopris per riposare e riordinarsi, passando ancora una volta alla dipendenza della 28a divisione.
     Il 9 è dislocata tra Trivignano, Melarolo, Clauiano e Sottoselva ed il 15 è inviata su autocarri nella zona fra Scrutto, Azzida, Cosizza, passando a far parte della 7a divisione, che il 18 la impiega nel settore di Tolmino a sostituirvi la "Re". In queste posizioni alterna i suoi reparti sino alla fine dell’anno.
 

ANNO 1917.

      La brigata, sempre nelle posizioni di Tolmino, passa il 19 gennaio alla dipendenza della 19a divisione, che sostituisce la 7a nella difesa di quel settore. Fino all’ottobre la "Spezia" alterna i suoi reparti fra turni di linea e di riposo, senza compiere alcuna operazione importante, ma esercitando una continua attività di pattuglie e attendendo a molti lavori di sistemazione difensiva.
     Il 24 ottobre, all’inizio dell’offensiva austro-tedesca che fu particolarmente intensa nel settore di Tolmino, essa tenta con ogni sforzo di arginare le colonne avanzanti, ma è travolta e quasi completamente distrutta. I residui della brigata tentano una ulteriore resistenza a sud di S. Leonardo, ma poi ripiegano, ancora fortemente diminuiti di ufficiali e truppa, su Ipplis, Orsaria, e Pradamano. Il 28 ottobre sbarrano il ponte sul Torre, ma verso sera si ritirano sul Tagliamento nei pressi di Casarsa. Nei giorni successivi continuano il ripiegamento ed il giorno 8 novembre si trovano a Brentelle di Sotto. Il 28 la brigata giunge, sempre alla dipendeaza della 19a divisione (VII C. A.), tra Parma e Borgo S. Donnino ed accantona nelle borgate di Roccabianca, Roncole, Sambaseto e Spigarolo. Il 29 novembre viene disciolta.

ANNO 1918.

     Il 15 ottobre la brigata è ricostituita in Macedonia alla dipendenza della 35a divisione e dislocata presso Prilep, ove rimane fino alla data dell’armistizio senza partecipare ad alcun fatto d’arme.

 

RICOMPENSE.

MEDAGLIA DI BRONZO.

 Alla Bandiera del 125° Reggimento Fanteria:

      “Con salda disciplina ed impeto travolgente, conquistò alla baionetta il villaggio di Zagora, tenacemente difeso. (1° novembre 1915)".

(Boll. Uff., 1917, disp. 1).

UFFICIALI MORTI IN COMBATTIMENTO, IN SEGUITO A FERITE O IN PRIGIONIA.
Grado Cognome e Nome Luogo di nascita Luogo e data di morte
125° Reggimento Fanteria.
1 Ten. Col. Anchisi Emilio Cagliari Plava, q. 383, 16-06-1915
2 Capitano Bianchi Angelo S. Ambrogio Olona Oslavia 05-12-1915
3 Id. Biestro Onorino Monesiglio Zagora 03-11-1915
4 Id. *Croce Clemente Torino In prigionia 30-10-1917
5 Tenente Antonacci Costanzo (disp.) Poggio Imperiale Lokvica 02-11-1916
6 Id. Cortese Alberto Forlì Ridotta Kukli 17-09-1917
7 Id. De Caro Francesco  Scicli Plava 16-06-1915
8 Id. Maraglino Cosimo Massafra Lokvica 01-11-1916
9 Id. Vittori Enrico (disp.) Spezia Plava 16-06-1916
10 S. Ten. Ameli Bruto Levanto Zagora 01-11-1915
11 Id. Bajer Giuseppe (disp.) Cagliari Id. 02-11-1915
12 Id. Borsi Giosuè Livorno Id. 10-11-1915
13 Id. Brigidi Vincenzo Firenze Osp. d. c. 15, 13-11-1915
14 Id. Cacciapuoti Stanislao Giuliano in Campania Dolina Vigna 26-10-1916
15 Id. Caianello Giuseppe ........... Lokvica 02-11-1916
16 Id. Carella Vincenzo Roccella Ionica Zagora 03-11-1915
17 Id. Colombo Luigi Milano Lokvica 26-10-1916
18 Id. Dilettoso Francesco Randazzo Zagora 07-11-1915
19 Id. Ermini Gioachino Cavriglia Oslavia 27-11-1915
20 Id. Ferrero Umberto Brà Monte Rasta 12-07-1916
21 Id. Foddai Mario Sassari Zagora 10-11-1915
22 Id. Frugoni Zeno Montignoso Plava, q. 383, 18-06-1915
23 Id. Giannesini Gino Monte S. Giovanni Id. 16-06-1915
24 Id. Guidi Guido Montevarchi Zagora 10-11-1915
25 Id. Martignoni Enrico Framura Plava, q. 383, 16-06-1915
26 Id. Marzi Cesare Siena Monte Rasta 13-07-1916
27 Id. Minuti Giovanni Firenze Gorenja Vas 19-03-1916
28 Id. Moncada Ottorino Modica  Sez. San. 32a div, 07-01-1916
29 Id.  Nobili Alessandro Rieti Osp. d. c. 14, 28-11-1915
30 Id. Ott dr. Ottorino (med.) Crespino Id. 27-07-1915
31 Id. Pasca Raimondo Gallipoli Monte Rasta 11-07-1916
32 Id. Pecchioli Mario Spezia Lokvica 01-11-1916
33 Id. Pirero Attilio Calice al Cornoviglio Id. 29-10-1916
34 Id. Poggi Vincenzo Aulla Id. 02-11-1916
35 Id. Quintiliano Enrico San Donato Oslavia 27-11-1916
36 Id. Ragaini Luigi (disp.) Loreto Ripiegamento 25-10-1917
37 Id. Reali Ruggero Prato Zagora 01-11-1915
38 Id. Riccardi Antonio Trani Volzana 24-08-1917
39 Id. Ronchetti Guido Casal Monferrato Zagora 10-11-1915
40 Id. Rossetti Benedetto S. Benedetto del Tronto Id. 01-11-1915
41 Id. Ruffino Carmelo Leonforte Osp. d. c. 14, 29-11-1915
42 Id. Saitto Giorgio Spezia Plava, q. 383, 16-06-1915
43 Id. Sanino Luigi Napoli Osp. d. c. 14, 29-11-1915
44 Id. Santamaria Amato Francesco Pellezzano Sez. San. 32a div. 14-07-1916
45 Id. Stella Gaetano Andreis Osp. d. c. 060, 02-11-1916
46 Id. Tanzi Giovanni (disp.) Torremaggiore Ripiegamento 24-10-1917
47 Id. Viecca Carlo Genova Plava, q. 383, 16-06-1915
48 Id. Viviani Italo Pignone Zagora 10-11-1915
49 Id. Zanelli Angelo Lerici Id.
50 Aspir. Capello dr. Luigi (med.) Villafranea Piemonte 213° Rep. Somegg. 25-08-1917
51 Id. Carta Carlo Alberto Levanto Lokvica 01-11-1916
52 Id. Gubernati Giacomo S. Paolo Cervo Rio Volzana 06-01-1917
53 Id. Orengo Achille Spezia Segetj, Carso 02-11-1916
54 Id. Palmerini Umberto Spezia Lokvica 02-11-1916
55 Id. Pandini Luciano Chiavenna Osp. d. c. 111, 02-11-1915
Ufficiali morti per malattia.
1 Tenente Belicchi Giglio Parma Osp. Padova 25-11-1918
2 Id. Ghimmy Enrico Tortona Osp. d. c. 212, 22-07-1916
3 S. Ten. Pasquini Corrado Sassocorvaro Osp. d. c. 83, 15-07-1917
4 Aspir. Paruccini Giuseppe Cantiano Amb. C. R. 59, 11-10-1915
5 Id. Sparti Vittorio Frascati In prigionia 20-11-1917
126° Reggimento Fanteria.
1 Maggiore Gala Salvatore Napoli Osp. d. c. 15, 21-11-1915
2 Id. Landi Luigi Firenze M. Sabotino 21-07-1915
3 Capitano Alagona Salvatore (disp.) Siracusa Ripiegamento 24-10-1917
4 Id. Baratto Italo (disp.) Druogno Id. 27-10-1917
5 Id. Gatti Carlo Salerno Id.
6 Id. Mazzanti Severino Revere Id.
7 Id. Restagno dr. Annibale (med.) Altare Osp. d. c. 28, 19-05-1917
8 Tenente Bartolozzi Paolo Firenze Lokvica 12-10-1916
9 Id. Berard Giuliano Cogne Amb. chir. d'Arm. 04-11-1916
10 Id. Campitelli Virgilio Roma Zagora 11-11-1915
11 Id. Cianj Nicola Bisaccia 19a Sez. san. 10-03-1917
12 Id. De Santis Bonaventura Bagnoreggio Osp. d. c. 154, 14-07-1916
13 Id. D'Olivo Annibale Borgo a Mozzano M. Rasta 13-07-1916
14 Id. Nieri Antonio Pescia M. Pecinka 01-11-1916
15 Id. Pecci Carmine Sicignano Lokvica 14-10-1916
16 S. Ten. Airoldi Francesco Genova Oslavia 24-11-1915
17 Id. Angelella Francesco Parma M. Rasta 12-07-1916
18 Id. Betti Giovanni Chiusi Zagora 05-11-1915
19 Id. Borella Felice Piacenza Oslavia 08-12-1915
20 Id. Brugnettini Guglielmo Lunano M. Pecinka 01-11-1916
21 Id. Caselli Mario Messina M. Rasta 13-07-1916
22 Id. Ciravegna Francesco Cherasco 228° Rep. Someg. 13-07-1916
23 Id. Faraci Libero Palermo Lokvica 12-10-1916
24 Id. Gamberali Alberto Campobasso M. Rasta 09-07-1916
25 Id. Morelli Luigi Firenze Lokvica 12-10-1916
26 Id. Muggiasco Leopoldo Milano Osp. d. c. 14, 28-11-1915
27 Id. Raviola Giuseppe Torino Zagora 10-11-1915
28 Id. Valori Ilio Cecina M. Sabotino 20-07-1915
29 Id. Vignoli Ernesto Volterra M. Rasta 11-07-1916
30 Aspir. D'Aurelio Nello Pisa M. Pecinka 01-11-1916
31 Id. Pieri Pietro Borgo San Sepolcro Loquizza 02-11-1916
32 Id. Ruffino Guglielmo (disp.) Napoli Ripiegamento 24-10-1917
Ufficiali morti per malattia.
1 S. Ten. Canevari Aldo Parma Osp. d. c. 020, 21-05-1916

MILITARI DECORATI CON L'ORDINE MILITARE DI SAVOIA.

COMANDO DI BRIGATA.

CATTANEO GIOVANNI, maggiore generale - cavaliere - Zona di Gorizia, novembre 1915 - agosto 1917.
 

MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ARGENTO E DI BRONZO AL VALOR MILITARE.

 

MEDAGLIA D’ARGENTO.

125° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 44 - Truppa, n. 33.

126° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 11 - Truppa, n. 18.

MEDAGLIA DI BRONZO.

125° Regg. Fanteria, n. 101 - 126° Regg. Fanteria, n. 41.

COMANDANTI DELLA BRIGATA.

Magg. gen. AGLIARDI Luigi, dal 24 maggio al 9 dicembre 1915.
Magg. gen. CATTANEO Giovanni, dall'11 dicembre 1915 al 12 maggio 1916.
Magg. gen. TRISTANI Giuseppe, dal 13 maggio 1916 all'8 agosto 1917.
Colonnello. brig. CASTELLANO Egildo, dal 10 al 19 agosto 1917.
Colonnello brig. GIANINAZZI Carlo, dal 20 agosto al 30 settembre 1917.
Brig. gen. PONZI Vincenzo, dal 15 ottobre 1918 al termine della guerra.

COMANDANTI DEL 125° REGGIMENTO FANTERIA.

Ten. colonnello BUFFA Giuseppe, dal 24 maggio al 18 luglio 1915. 
Colonnello BALDASSARI Eliseo, dal 24 settembre al 9 novembre 1915.
Colonnello RONCAGLIA Angelo, dal 17 novembre 1915 al 17 giugno 1917. 
Colonnello SCIARRA Carlo, dal 26 giugno al 30 ottobre 1917.
Ten. colonnello AMERI Giuseppe (interinale), dal 30 ottobre 1918 al termine della guerra. 

COMANDANTI DEL 126° REGGIMENTO FANTERIA.

Colonnello TRISTANI Giuseppe, dal 24 maggio 1915 al 24 marzo 1916.
Ten. colonnello NUCCI Ferdinando, dal 25 marzo al 4 maggio 1916.
Colonnello BIONDO Carlo, dal 6 maggio al 18 luglio 1916.
Colonnello CORSO Francesco, dal 13 agosto 1916 al 30 ottobre 1917.
Maggiore QUAGLIA Enrico (interinale), dal 15 ottobre 1918 al termine della guerra.

 
 
UFFICIALI SUPERIORI E CAPITANI COMANDANTI DI BATTAGLIONE.
125° REGGIMENTO FANTERIA
I° battaglione.
Grado Casato e Nome Data di assunzione Data di Cessazione Annotazioni
Ten. Col. Anchisi Emilio 24/05/15 16/06/15 Caduto sul campo.
Maggiore Augias Adolfo 17/06/15 ........  
Id. Fazioli Francesco 12/11/15 19/02/16  
Id. Calamara Antonino 29/02/16 ........  
Id. Giachino Armando 16/08/17 ...10/17  
Id. Cansacchi Carlo 16/10/18 al termine della guerra.  
II° battaglione.
Capitano Lenci Carlo 24/05/15 10/08/15  
Maggiore Boschi Giuseppe 11/08/15 ........  
Ten. Col. Monachesi Luigi 01/05/16 09/04/17  
Maggiore Oggioni Ferruccio 10/04/17 ........  
Id. Martucci Giovanni ..10/17 24/10/17 Ferito.
Id. Castellani Ludovico 16/10/18 al termine della guerra.  
III° battaglione.
Maggiore Ungania Giacomo 24/05/15 16/06/15 Ferito.
Ten. Col. De Lama Mario 06/07/15 30/07/15  
Maggiore Castinelli Giacomo 10/08/15 ........  
Id. Poppi Raimondo ...11/15 27/11/15 Ferito.
Ten. Col. Lace Ettore 01/02/16 17/06/16  
Maggiore Palmisani Francesco ...07/16 ...........  
Id. Storelli Carlo 13/09/16 ............  
Id. Brancatelli Giuseppe ....10/17 24/10/17 Ferito.
Ten. Col. Bisi Gino Galcazzo 22/11/17 29/11/17  
Maggiore Arnò Carlo 16/10/18 al termine della guerra.  
126° REGGIMENTO FANTERIA.
I° battaglione.
Maggiore Menna Giuseppe 24/05/15 08/06/16  
Id. Cuomo Gennaro 09/06/16 30/11/16  
Id. Della Casa Salvatore 25/02/17 26/05/17  
II° battaglione.
Maggiore Landi Luigi 24/05/15 21/07/15 Caduto sul campo.
Id. Tavolaj Mario 22/07/15 15/10/15  
Id. Gala Salvatore 16/10/15 12/11/15 Ferito.
Id. Tavolaj Mario 12/12/15 14/03/16  
Id. Salvini Tommaso 15/03/16 10/06/16  
Id. Tavolaj Mario 11/06/16 15/11/16  
Id. Ronchej Giacomo 18/02/17 20/06/17 Prigioniero.
III° battaglione.
Maggiore Cuomo Gennaro 30/11/16 21/01/17  
Ten. Col. Prosdocimi Attilio 25/02/17 21/03/17 Ferito.
IV° battaglione.
Maggiore Parilli Umberto 01/01/17 21/03/17  
 

SERVIZI PRESTATI IN LINEA ED IN ZONA DI RIPOSO

Permanenza in linea

Permanenza in zona di riposo, lavori, trasferimenti, ecc.

 Anno 1915

Dal 3 giugno al 9 luglio (Fronte Planina - Verliovlje [Settore Plava] - Pendici di q. 383 - Azione per la conquista di q. 383 - Case di Plava - Versante Sud Occidentale di M. Kuk - M. Korada).

Dal 10 luglio al 23 settembre (Fronte Kambresko - Ronzina - Maria Zell - Liga - Operazioni contro M. Sabotino - Vallone del Molino - Vallone di Vedrignano - Sottosettore del "Rudero" [Settore Isonzo]).

Dal 20 ottobre al 15 novembre (Settore Zagora - Plava - Lozice - Anhovo - Conquista di Zagora - Operazioni su Globna - Azione su M. Kuk [Pendici Sud]).

Dal 24 novembre al 10 dicembre (Trincee di Lenzuolo Bianco - Q. 188 - Attacco delle posizioni nemiche di q. 138).

Dal 21 al 31 dicembre (Settore di Globna - Anhovo - Lozice).

 Anno 1916

Dal 1° gennaio al 12 maggio (Settore di Globna - Anhovo - Lozice - Settore di Plava [Q. 383]).

Dal 4 luglio al 9 agosto (Pendici di M. Rasta - Q. 145 - Roccolo del Lino).

Dal 21 settembre al 5 novembre (Pendici occidentali del Nad Logem - Devetachi - Bosco Cappuccio - Conquista della linea nemica di Lokvica - Conquista della trincea detta "Zero", dolina 172, M. Pecinka, q. 278 e q. 291).

Dal 18 novembre al 31 dicembre (Settore di Tolmino [Trincee di San Daniele - "Due Case" - Q. 214 di Volzana]).

 

 

 

 

 Anno 1917

Dal 1° gennaio al 23 ottobre (Settore di Tolmino [Trincee di S. Daniele - "Due Case" - Q. 214 di Volzana] - Lunetta di Jesenjak - Sottosettore Ciginj - Sottosettore Cemponi - M. Jeza).

Dal 24 ottobre all'8 novembre (Ripiegamento: Linea Vogrinki - Ostry - Kras - Valle Judrio - Molino di Ruchin - Lombai - Castel Belmonte, sud di S. Leonardo - Ipplis - Orsaria - Pradamano - S. Gottardo - Sbarramento del ponte sul Torre - Udine - Tagliamento [pressi di Casarsa] - Prata - Vazzolo - Arcade - Porcellengo - Villafranca - Mestrino - Viggiano - Brentelle di sotto).

 Anno 1918

 Anno 1915

 Dal 24 al 28 maggio (Spilimbergo).

Dal 29 maggio al 2 giugno (Trasferimento: Flaibano - Pasian di Prato - Gallo - Dolegnano - S. Giovanni di Manzano - Fondo Val Cosbana - Fondo Val Recca).

Dal 24 settembre al 19 ottobre (Senico - Pojanis - Craoretto).

Dal 16 al 23 novembre (Pojanis - Plava - Craoretto - S. Floriano).

Dall'11 al 20 dicembre (Orzano - Premariacco).

 

 

 

 

 

 Anno 1916

 Dal 5 febbraio al 12 maggio i reggimenti presidiano la prima linea con un battaglione ciascuno che si alternano, mentre gli altri reparti attendono a riordinarsi ed a lavori di rafforzamento delle linee retrostanti [Tra S. Jacob - Debenje - Ravna - Liga - Orzano - Premariacco]).

Dal 13 maggio al 3 luglio (Trasferimento nella Conca di Bergogna - Luico - Cividale - Pasian di Prato - Codroipo - Pordenone - Cittadella - S. Pietro in Gù - S. Maria di Camisano Vicentino - Ancignano - S. Giacomo di Lusiana - Cima di Fonte - Pozzo del Favaro - Bocchetta di Campo Rossignolo - Spiazzo Croce - Pria dell'Acqua).

Dal 10 agosto al 20 settembre (Trasferimento: Bocchetta di Campo Rossignolo - Cogollo - Thiene - S. Giovanni di Manzano - Clauiano - S. Stefano - Chiopris - Viola).

Dal 6 al 17 novembre (Chiopris - Melarolo - Trivignano - Clauiano - Trasferimento nel settore di Tolmino).

 Anno 1917

Dal 9 al 29 novembre (*) (Brentelle di sotto - Forte S. Giorgio - Castelbelforte - Cittadella - Contrada Canossa - Zona di Castelfranco - Zona tra Parma e Borgo S. Donnino [Roccabianca - Roncole - Sambaseto - Spigarolo).

 

 

 

 Anno 1918

 Dal 15 ottobre (**) al 4 novembre (In Macedonia: Zona di Starigrad - Veles - Nord di Prilep).

(*) In data 29 novembre 1917 la Brigata viene disciolta, versando personale, quadrupedi, e carreggio alla Brigata Firenze (127° e 128° Fanteria).(**) In data 15 ottobre 1918 la Brigata viene ricostituita.
  RIEPILOGO
Linea Riposo
Mesi Giorni Mesi Giorni
Anno 1915

5

13

1

25

Anno 1916

8

17

3

13

Anno 1917

10

8

/

21

Anno 1918

/

/

/

21

TOTALI Mesi 24 e giorni 8 Mesi 6 e giorni 20
 
RIEPILOGO DELLE PERDITE IN COMBATTIMENTO
LOCALITA' E DATA 125° REGGIMENTO 126° REGGIMENTO
Ufficiali Truppa Ufficiali Truppa
Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi
1915

Fronte Planina - Verliovlje [settore di Plava] - Pendici di q. 383 (3 - 15 giugno)

/

/

/

25

66

1

/

2

/

1

33

/

Azione per la conquista di q. 383 (16 giugno)

7

10

/

40

540

220

/

1

/

4

62

28

Q. 383 - Case di Plava - Versante sud occidentale di M. Kuk - M. Korada (17 giugno - 9 luglio)

1

/

/

8

45

/

/

1

/

24

132

/

Fronte Kambresko - Ronzina - Maria Zell - Liga - Operazioni contro M. Sabotino - Vallone del Molino - Vallone di Vedrignano - Sottosettore del "Rudero" [Settore Isonzo] (10 luglio - 23 settembre)

1

1

/

5

22

/

2

10

/

40

313

/

Pojanis - Craoretto (25 - 30 settembre)

/

/

/

1

4

/

/

1

/

/

/

/

Settore Zagora - Plava - Lozice - Anhovo (20 - 31 ottobre)

/

3

/

3

21

/

/

1

/

3

23

/

Conquista di Zagora - Operazioni su Globna - Azione su M. Kuk [Pendici sud] (1 - 15 novembre)

15

27

/

62

463

170

3

29

/

129

954

42

S. Floriano (21 - 22 novembre)

/

1

/

/

12

/

1

/

/

/

/

/

Trincee di Lenzuolo Bianco - Q. 188 - Attacco delle posizioni nemiche di q. 138 (24 novembre - 10 dicembre)

5

6

/

68

158

3

3

4

/

15

71

4

Settore Globna - Anhovo - Lozice (21 - 31 dicembre)

/

/

/

/

1

/

/

/

/

/

/

/

Totale anno 1915 29 48 / 212 1332 394 9 49 / 216 1588 74
 
1916

Settore di Globna - Anhovo - Lozice - Settore di Plava [Q. 383] (1° gennaio - 12 maggio)

2

/

/

6

10

/

/

1

/

7

64

/

Cima di Fonte e Pozzo del Favaro (20 - 30 giugno)

/

/

/

1

18

/

/

/

/

/

/

/

Pendici di M. Rasta - Q. 145 - Roccolo del Lino (4 luglio - 9 agosto)

4

25

/

94

639

42

7

19

/

94

584

28

Pendici Occidentali del Nad Logem - Devetachi - Bosco Cappuccio - Conquista della linea nemica di Lokvica - Conquista della trincea detta "Zero", dolina 172, M. Pecinka, q. 278 e q. 291 (21 settembre - 5 novembre)

12

19

8

90

551

654

9

23

/

154

947

138

Settore di Tolmino [Trincee di S. Daniele - "Due case" - Q. 214 di Volzana] (18 novembre - 31 dicembre)

1

1

/

2

11

/

/

/

/

2

4

/

Totale anno 1916

19

45

8 193 1229 696 16 43 / 257 1599 166
 
1917

Ripiegamento: Linea Vogrinki - Ostry - Kras - Valle Judrio - Molino di Ruchin - Lombaj - Castel Belmonte, sud di S. Leonardo - Ipplis - Orsaria - Pradamano - S. Gottardo - Sbarramento del ponte sul "Torre" - Udine - Tagliamento - [pressi di Casarsa] - Prata - Vazzola - Arcade - Porcellengo - Villafranca - Mestrino - Viggiano - Brentelle di sotto (24 ottobre - 8 novembre) (a)

2

/

48

/

/

1786

5

/

33

/

/

1598

Totale anno 1917 6 2 48 19 103 1788 7 3 33 25 134 1598
 
 
RIEPILOGO GENERALE
Anno 1915

29

48

/

212

1332

394

9

49

/

216

1588

74

Anno 1916

19

45

8

193

1229

696

16

43

/

257

1599

166

Anno 1917

6

2

48

19

103

1788

7

3

33

25

134

1598

TOTALE GENERALE 54 95 56 424 2664 2878 32 95 33 498 3321 1838
 (a) Questi dati possono ritenersi i più vicini alla realtà perchè desunti dal prospetto numerico presentato alla Commissione d'inchiesta su Caporetto, di cui al R. D. 12 gennaio 1918, n° 35. Nel numero complessivo dei dispersi, sono compresi anche parecchi Ufficiali e militari di truppa morti e feriti.


Stampa la pagina


Invia ad un amico



Pag. 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118
 

     
 
:: Pubblicità ::