Fronte del Piave
Hotel San Marco Montebelluna TV
 
Menu
 
 
 


Pubblicità
 
 
 


Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
  Condividi su Facebook    
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
     
 

LII BATTAGLIONE

 

ANNO 1915.

     Durante il mese di gennaio, il battaglione su quattro compagnie si costituisce, in Lucca, con elementi del 3° reggimento bersaglieri.
     Fino al 14 maggio, rimanendo distaccato, completa la sua organizzazione ed attende alle diverse istruzioni, spostandosi prima a Vecchiana ed in un secondo tempo a Montecarlo. Il 15, avendo ricevuto ordine di recarsi in Tripolitania, si trasferisce a Livorno, sede del reggimento. Il 16, le compagnie per mare sono avviate a Napoli, ove il battaglione riunito, il quale imbarcato sul piroscafo America, salpa alla volta della colonia.
     Il 20 sbarcato a Misurata Marina, si porta immediatamente a Misurata Città per concorrere, insieme alle truppe ivi dislocate, alla difesa di quella zona, seriamente minacciata dalle mehalle ribelli, che dal sud, sopraffatti i presidi dell'interno, dilagano verso la costa.
     Alla fine del mese di maggio viene formata una colonna della quale fa parte il LII, agli ordini del comandante il battaglione, che ha il compito di portare aiuto ad un riparto del 60° fanteria rimasto isolato e sprovvisto di viveri e di acqua nel presidio di Taorga. Il giorno 27 giugno i riparti giunti a el-Megàsba, a pochi chilometri da Fonduk Gemel, si scontrano con numerosi armati ribelli. Il combattimento si svolge violento, ma nonostante il valore dei nostri, la colonna è costretta a ripiegare dopo aver subito molte perdite.
     Fino al 19 luglio, il battaglione rimane a presidio della zona a continuo contatto delle formazioni ribelli.
     Il 20, prende imbarco sul piroscafo "Ravenna" ed il 22 sbarca a Tripoli, ove accantona nei baraccamenti di Giama Feschlum. Quivi rimane fino al 26 ottobre e provvede al servizio di sicurezza della città, inviando a turno le compagnie, al muro di cinta, ai posti di osservazione, di sorveglianza ed ai lavori per la sistemazione delle fortificazioni. Il 27 ottobre, via mare, si porta a Homs. Anche in questa località è impiegato per la sicurezza della zona, occupando con le compagnie a turno, i fortini e le ridotte alla periferia del territorio, che è continuamente percorso dai ribelli. 

ANNI 1916 - 1917.

     Durante i due anni 1916 e 1917 il battaglione rimane nella zona di Homs sempre a presidio dei forti e delle ridotte, e sempre a continuo contatto dei ribelli.

ANNO 1918.

     Il 25 aprile, il battaglione, che fino a tale data è rimasto dislocato a Homs, si trasferisce, via mare, a Tripoli e nello stesso giorno, destinato alla difesa del settore meridionale, raggiunge la località "Fornaci". Quivi permane riunito fino al 31 agosto.
     Dal 1° settembre invia, successivamente, le compagnie a presidio della oasi di Gargàresc, della ridotta Gurgi e del forte Gargàresc.
     Il 25 ottobre la 4a compagnia viene sciolta d'ordine del comando delle truppe.
     Nelle suddette località il battaglione si trova alla data dell'armistizio "Badoglio".

MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ARGENTO E DI BRONZO AL VALOR MILITARE (1).

MEDAGLIA D’ARGENTO.

Ufficiali, n. .... - Truppa, n. .....

MEDAGLIA DI BRONZO.

Ufficiali e militari di truppa, n. .....

(1) Non si sono potuti rintracciare documenti da cui rilevare il numero dei decorati.
 

UFFICIALI SUPERIORI E CAPITANI COMANDANTI DI BATTAGLIONE.

Grado Casato e Nome Data di assunzione Data di Cessazione Annotazioni
Ten. Col. Penco Eugenio 24/05/15 ..../11/15  
Maggiore Trevisan Aldo ..../11/15 ..../03/16  
Capitano Zino Francesco ..../03/17 ...............  
Ten. Col. Resio Adolfo .............. ...............  

SERVIZI PRESTATI IN LINEA ED IN ZONA DI RIPOSO.

Permanenza in linea

Permanenza in zona di riposo, lavori, trasferimenti, ecc.

Dal 24 maggio 1915 al 4 novembre 1918 in Tripolitania.

RIEPILOGO DELLE PERDITE.
LOCALITA' E DATA  REGGIMENTO
Ufficiali Truppa
Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi
 
(1)

 

 

 

 

 

 

 
(1) Non si sono potuti rintracciare documenti da cui rilevare il numero delle perdite subite dal battaglione.


Stampa la pagina


Invia ad un amico



Pag. 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35