Fronte del Piave
Hotel San Marco Montebelluna TV
 
Menu
 
 
 


Pubblicità
 
 
 


Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
  Condividi su Facebook    
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
     
 
:: Aggiornamento sito ::

Cari visitatori/iscritti di Fronte del Piave, Fronte del Piave ha bisogno del vostro aiuto.
È arrivato il momento di aggiornare tutto il sito.



Maggiori informazioni


 
     
 

I° GRUPPO

(Già Gruppo Alpini A)(1)

 

ANNO 1915.

     Prima dell'inizio delle ostilità il gruppo alpini A (IV corpo d'armata - 2a armata) formato dai battaglioni Aosta, Intra, Ivrea, Val d'Orco, Val Baltea, Val Toce del 4° reggimento, Cividale e Val Natisone dell'8°, trovasi sulla fronte Giulia dislocato alla testata delle valli Cosizza e Rieka.
     Il 24 maggio, s'impadronisce della dorsale M. Kuk (q. 1243) - M. Jeza, l'"Ivrea" si rafforza sul Kuk, l'"Intra" occupa il passo di Zagradan, il "Cividale" mette saldo piede su M. Jeza abbandonato dal nemico dopo breve resistenza.
     Poscia, allo scopo di appoggiare le operazioni che la 7a divisione va svolgendo sulla destra, l'"Aosta", seguito dal "Val d'Orco", giunge sul M. Globocak.
     Piccoli tentativi di pattuglie del nemico ed un'attività sempre crescente delle sue artiglierie caratterizzano il breve periodo che segue, fino a quando, il giorno 28, lasciati questi due ultimi battaglioni sul M. Globocak a disposizione del comando delle truppe d'occupazione del M. Kolovrat, il gruppo, dopo un primo concentramento, si trasferisce il giorno 29 a sud di Caporetto, costituendo col gruppo B una speciale unità alpina denominata prima comando dei gruppi A e B e poscia I raggruppamento (1).

(1)  Per il seguito vedere il I raggruppamento. Il gruppo A, il 20 maggio 1916, assume la numerazione di 1°. E' esistito nel dicembre 1917 un altro gruppo alpini A divenuto poi 16°.

  MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE.

     Colonnello GIORDANA CARLO, da Moncalieri (Torino):
     "Costante e fulgido esempio delle più alte virtù militari, risoluto, energico e di magnifico stimolo a tutti per il suo valore personale nel combattimento, nelle operazioni di attacco d'importanti posizioni condusse con gagliarda energia e tenace volontà di vincere, le truppe a lui affidate, tanto che queste, dietro il suo impulso e la sua illuminata azione di comando, ottennero ottimi risultati. - Monte Mrzli e Vodil, 21 - 30 ottobre 1915".
     "A capo di numerosi reparti alpini rinforzati da artiglieria di vario calibro, guidava in alta montagna un'arditissima operazione, espugnando due linee fortissime per natura e per arte ed infliggendo al nemico gravi perdite. - Adamello, aprile - maggio 1916".

(Boll. Uff., anno 1916, disp. 105)
COMANDANTI DEL GRUPPO.

Colonnello TEDESCHI Riccardo, dal 25 maggio al 3 agosto 1915.
Ten. Colonnello RUZZENENTI Alfonso, dal 10 agosto al 7 settembre 1915.
Colonnello GIORDANA Carlo, dal 17 settembre 1915 al gennaio 1916.
Colonnello PITTALUGA Vittorio Emanuele, dal ...... all'11 marzo 1916.
Maggiore CHICCO Luigi, dal 12 al 15 marzo 1916.
Colonnello BARBIERI Aldo, dal 16 marzo al 7 giugno 1916.
Ten. Colonnello PORTA Achille, dal 27 giugno 1916 al 27 agosto 1917.
Ten. Colonnello FERRARI Antonio, dal 15 settembre 1917 al 5 marzo 1918.
Colonnello RAMBALDI Giuseppe, dall'8 marzo 1918 al termine della guerra.


Stampa la pagina


Invia ad un amico



Pag. 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31
 

     
 
:: Pubblicità ::