Fronte del Piave
Hotel San Marco Montebelluna TV
 
Menu
 
 
 


Pubblicità
 
 
 


Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
  Condividi su Facebook    
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
     
 

BRIGATA "LAZIO"

(131° e 132° Fanteria)

Costituita il 1° marzo 1915:
il Comando di Brigata ed il 131° dal deposito del 59° Fanteria; il 132° dal deposito del 16° Fanteria.

 

ANNO 1915.

      La brigata, partita da Roma il 27 maggio, per ferrovia, raggiunge il 29 e 30 la zona Ranzano - Vigonovo (Udine), destinata a far parte della 29a divisione. Il 7 giugno è inviata a S. Giovanni di Manzano, ed il 16 a Villanova dell’Iudrio. Il 6 luglio il 131° è destinato nel settore del M. Podgora a disposizione del comando della 12a divisione, ma il 12 ritorna ai suoi precedenti alloggiamenti.
     Il 18 luglio la brigata è messa tutta alla temporanea dipendenza della 12a divisione e destinata sulla fronte Lucinico - Stesa - Villanova di M. Fortin, ove partecipa, con azioni dimostrative, agli attacchi che le brigate Casale e Pavia eseguono contro il M. Podgora ed ai quali però concorrono, quale rincalzo, anche due battaglioni della "Lazio".
     Il 31 è inviata a riposo a Povia rientrando alla 29a divisione. Dal 3 al 24 agosto destina i suoi battaglioni, a turno, sulla linea Mochetta - Villanova di M. Fortin e, dopo un periodo di isolamento dovuto a casi di infezione gastro - enterica sviluppatisi fra le sue file, è trasferita nella zona: Camino - Manzano - Manzinello - S. Lorenzo. Il 21 ottobre si porta fra Mariano e Corona ed il giorno seguente il comando di brigata ed il 132°, passato l’Isonzo, raggiungono Sdraussina e si dispongono lungo la strada Sagrado - Peteano, inviando il I battaglione sul costone di q. 124, in sostituzione di un battaglione dell’86° fanteria. Il 23 tutto il 132° è in prima linea, mentre il 131° si raccoglie a Sdraussina in riserva. La brigata deve agire, in cooperazione colle unità laterali, contro Boschini Superiore: essa inizia subito gli attacchi che si ripetono più volte nelle giornate del 23 e 24 ottobre sul terreno a nord e a sud della ferrovia. I battaglioni del 132°, impegnati nella lotta, realizzano qualche vantaggio territoriale e serrano fin sotto i reticolati nemici, subendo la perdita di 14 ufficiali e 485 militari di truppa. Il 25 l’azione viene sospesa ed i reparti si rafforzano sulle posizioni conquistate. Dopo vari tentativi di avanzata operati da reparti della brigata, il giorno 10 novembre si riaccende la lotta contro le cime 1 - 2 del M. S. Michele ed il costone che da cima 1 scende a q. 124, e con alterna e sanguinosa vicenda, dura tutto il mese di novembre con risultati soddisfacenti, poichè il 21 sono occupate le "rocce rosse" ed il 23 la q. 124. Il 131° reggimento, maggiormente provato, perde, in detto periodo, 18 ufficiali e 680 militari di truppa.
     Per tutto il mese di dicembre la brigata alterna i suoi reggimenti fra le posizioni del S. Michele e turni di riposo fra Mariano
e Moraro. Il 131°, durante la sua permanenza in linea, compie due riusciti colpi di mano: uno il 7 e l’altro il 18, conquistando elementi di trincee avversarie e catturando, la prima volta 9 ufficiali e 150 uomini di truppa, e la seconda 2 ufficiali e 115 gregari.
     Il contegno eroico dei reggimenti è sancito dalla motivazione della medaglia di argento al valor militare concessa poi alle loro Bandiere.

ANNO 1916.

     Dal gennaio al maggio la "Lazio" si alterna colla "Perugia" nel mantenimento delle posizioni del M. S. Michele che richiedono assidua vigilanza poichè da entrambe le parti si esercita costante aggressività e si cerca ogni occasione propizia per spingere innanzi la propria linea e per fare prigionieri.
     Verso la metà di maggio si inizia da parte nostra, sulle posizioni del M. S. Michele, un’intensa attività di mine, delle quali profittano i reparti della brigata per compiere delle azioni di sorpresa, fra le quali è degna di nota quella del 12 maggio che valse la conquista di un importante tratto di linea invano dal nemico contrattaccato.
     Il 5 giugno la brigata è inviata fra Meretto di Capitolo e S. Maria la Longa, passando a far parte della 49a divisione e, dopo un periodo di esercitazioni, il 27 giugno si porta col comando ed il 131° ad Aquilea e col 132° a Terzo. Tra il 27 ed il 29 due battaglioni del 131° si schierano sulle posizioni di Begliano - Ronchi - Staranzano ed il 5 luglio nelle posizioni di q. 85 di Monfalcone in sostituzione della brigata Cremona. 
     Il 24 luglio la "Lazio" è trasferita nella zona di Ronchi, ove assume in difesa della fronte da q. 45 a q. K, passando alla dipendenza della 16a divisione. Il 4 agosto essa inizia le prime azioni per la conquista delle antistanti posizioni avversarie: su due colonne attacca quota Pelata, ostentando una minaccia al M. Cosich. L’obiettivo è in parte raggiunto, ma la posizione non può essere tenuta perchè il nemico contrattacca ovunque violentemente obbligando le colonne a rientrare nelle trincee avanzate di q. 70. Le perdite dei due battaglioni attaccanti (III/131° e III/132°) ascendono a 21 ufficiali e 574 militari di truppa. L’azione continua a mezzo di pattuglie nei giorni successivi fino a che il giorno 10 agosto, il nemico, scosso dalla incessante aggressività, sgombra le sue linee avanzate. I reparti della brigata allora, agendo in collegamento con reparti della brigata Cremona e col 1° gruppo appiedato del reggimento di cavalleria Novara, procedono, sorpassano i primi ordini di trincee avversarie e raggiungono la fronte M. Cosich - q. 74 - Doberdò. Il giorno 12 una colonna formata da reparti della "Cremona" e dal II/131° riesce ad occupare il Debeli ed inizia l’investimento della q. 144, ma il nemico vi resiste tenacemente.
     Segue un periodo di relativa calma speso per il rafforzamento delle posizioni conquistate, e durante il quale i reparti si alternano in prima linea preparando il terreno per la ripresa dell’azione che avviene il 14 settembre; due giorni dopo la q. 144, è strappata al nemico con un impetuoso assalto. Dal 27 al 30 settembre la brigata, sostituita dalla "Bari", si trasferisce a riposo a S. Stefano, passando alla dipendenza della 28a divisione. Quivi attende ad un periodo di intensa istruzione ed il 2 novembre è trasportata in autocarri a Vermegliano, da dove il 131° col comando di brigata si reca a Palichisce ed il 132° a Doberdò riserva della 33a divisione. Il 3 novembre la "Lazio", passata alla dipendenza della 47a divisione, ha ordine di eseguire un’avanzata in direzione di Versic e di Selo; il 4 i suoi battaglioni raggiungono il "Muretto" n. 4 sulla strada Oppacchiasella - Castagnavizza e la dolina a sud di q. 202; la violentissima reazione avversaria non consente di procedere oltre; le perdite sono di 21 ufficiali e 1395 militari di truppa. 
     Per tutto il mese di novembre continuano piccole azioni di rettifica della nuova fronte che viene quotidianamente rafforzata contro i frequenti ritorni offensivi del nemico. 
     Nei giorni 1 e 2 dicembre la brigata, ritirata dalla linea, è inviata prima a Palichisce e poi, il 4, fra Villesse e Fogliano, ove permane fino al 29, allorchè ritorna in linea nella consueta fronte.

ANNO 1917.

      Gennaio. La brigata è in prima linea nel solito settore carsico ove, data l’inclemenza della stagione, esplica soltanto attività lavorativa. Nei giorni 19 - 20 gennaio, sostituita dalla "Re", scende a Fogliano a riposo e passa alla dipendenza della 31a divisione. Il 9 - 10 febbraio è inviata fra Clauiano e Trivignano Udinese alla dipendenza della 21a divisione ed il 15 parte per ferrovia da S. Maria la Longa diretta a Tolmezzo. Il 28 febbraio assume la difesa del settore Alto But - M. Pramosio - M. Cimone, passando a far parte della 26a divisione.
     Su questa fronte la "Lazio" rimane fino all’ottobre, senza compiere azioni di molto rilievo.
     Durante il ripiegamento dell’ottobre - novembre essa impegna il nemico in diverse resistenze indi per il passo della Mauria ripiega prima in Cadore e poi dietro il Piave. Il 21 novembre essa viene disciolta a S. Pietro in Gù.

 

RICOMPENSE.

MEDAGLIA D'ARGENTO.

 Alla Bandiera del 131° Reggimento Fanteria:

      “Con impeto veemente e sanguinoso conquistò formidabili posizioni sulle pendici del S. Michele e nel settore di Monfalcone; con incrollabile tenacia resistette agli accaniti ritorni offensivi dell’avversario (Basso Isonzo, 1915 - 1916)".

(Boll. Uff., del 1920, disp. 47).

 Alla Bandiera del 132° Reggimento Fanteria:

     “Si affermò superbamente a Rocce Rosse, a Costone Viola del S. Michele, sul Debeli ed a quota 144 di Monfalcone, dando costantemente fulgide prove di valore e generoso tributo di sangue (Basso Isonzo, 1915 - 1916)".

(Boll. Uff., del 1920, disp. 47).

 
UFFICIALI MORTI IN COMBATTIMENTO, IN SEGUITO A FERITE O IN PRIGIONIA.
Grado Cognome e Nome Luogo di nascita Luogo e data di morte
129° Reggimento Fanteria.
1 Capitano Bevilaqua Giuseppe S. Martino in Pensilis 29a Sez. Sanità 27-04-1916
2 Id. Coccanari Francesco Ancona Inf. Avanz. Timau 12-10-1917
3 Id. Imbriani Ettore Rocca Bascerana M. S. Michele 14-11-1915
4 Id. Pelizzaro Ettore Trino Vercellese Id.
5 Id. Pero Cesare Alessandria Osp. d. c. 091, 12-11-1915
6 Id. Posi Filippo Roma M. S. Michele 14-11-1915
7 Id. Romeo Luigi Bologna Oppacchiasella 04-11-1916
8 Tenente Costanzoni Ettore Roma Piano d'Arta 10-07-1917
9 Id. Gioia Eugenio Roma Q. 93, Monfalcone 04-07-1916
10 Id. Marazzi Ottaviano Capergnanica Castagnavizza 08-01-1917
11 S. Ten. *Abati Amerigo Polistena Osp. Lodi 14-12-1915
12 Id. Altomonte Antonino Bagaladi 84a Sez. San. 06-01-1917
13 Id. D'Elia Cristoforo Visciano M. S. Michele 10-11-1915
14 Id. Di Tommaso Raffaele Canneto Q. 144, Debeli 17-09-1916
15 Id. Fantoni Raffaele (disp.) Padova M. S. Michele 18-12-1915
16 Id. Ferro Orazio Tropea Id. 14-12-1915
17 Id. Grilli Angelo Roma Castagnavizza 04-11-1916
18 Id. Grilli Vittorio Roma M. S. Michele 14-11-1915
19 Id. Mezzacapo Arcangelo Marcianise Alture di Selz 04-08-1916
20 Id. Politano Pasquale Caserta Osp. d. c. 240, 06-10-1916
21 Id. Siligardi Girolamo Campagnola M. S. Michele 08-12-1915
22 Id. Spagnolo Mario Bovalino Id. 07-12-1915
23 Id. Terragni Cesare Carpeneto Id. 08-12-1915
24 Id. Trapani Giuseppe S. Giovanni a Teduccio Id. 12-05-1916
25 Id. Urbani Valerio Roma Id. 11-11-1915
26 Aspir. Aiudi Antonio Roma Id. 12-11-1915
27 Id. Belliana dr. Mario (med.) Sacile Debeli Vhr 31-08-1916
28 Id. Buscemi Francesco Girgenti Pal Grande 08-06-1917
29 Id.  Ferrara Orazio Villa S. Lucia M. S. Michele 16-11-1915
30 Id. Spechel Davide Milano Passo Cavallo 28-04-1917
31 Id. Travaglini Giovanni Livorno M. S. Michele 08-11-1915
Ufficiali morti per malattia.
1 Maggiore Fumelli Monti Antenore Montecastrilli M. S. Michele 17-11-1915
2 Tenente Di Giovanni Giov. Battista Bovino Manicomio Udine 01-10-1915
132° Reggimento Fanteria.
1 Colonn. Viola Giov. Battista Borgomanero M. S. Michele 22-11-1915
2 Maggiore Capurso Armando Napoli Longarone 09-11-1917
3 Capitano Di Palma Giuseppe Manfredonia Q. 70, Selz 29-06-1916
4 Id. Fusco Gennaro Napoli M. S. Michele 22-11-1915
5 Id. Gatti Giacomo Brescia Q. 124, M. S. Michele 22-11-1915
6 Id. Lacroix Vittorio Savona Sagrado 25-11-1915
7 Id. Marchesini Ezio Roma M. S. Michele 03-11-1915
8 Id. Mattocci Cesare Cori Q. 124, M. S. Michele 08-01-1916
9 Id. Mezzanotte Filippo Civita Castellana Boschini sup. 23-10-1915
10 Id. Visca Giovanni Villadeati Q. 70, Selz 29-06-1916
11 Tenente *Albergo Ruggero (disp.) ...... ....... 26-12-1915
12 Id. Cozzolino Tommaso Napoli Q. 70, Selz 29-06-1916
13 Id. D'Auria Michele Napoli Selletta Freikofel 20-05-1917
14 Id. Nebbia Vittorio Campobasso 16a Sez. San., Ronchi 02-07-1916
15 Id. Rossi Luigi Boscotrecase M. S. Michele 02-11-1915
16 Id. Vaudano Michele Capaccio Boschini sup. 23-10-1915
17 Id. *Zanetti Mario Macerata  Piave 04-12-1917
18 S. Ten. Abate Carmelo  Roma Sagrado 29-10-1915
19 Id. Abbiati Natale Treviglio Peteano 28-10-1915
20 Id. Buccarella Carlo Salonicco Cave di Selz 02-07-1916
21 Id. Cerquozzi Augusto (disp.) Vico nel Lazio M. S. Michele 08-12-1915
22 Id. Consoli Sante Mascalucia Q. 70, Selz 30-06-1916
23 Id. *Delle Fave Raffaele Pigna Osp. d. c. 87, 24-12-1915
24 Id. Del Preite Pasquale Portici M. S. Michele 27-11-1915
25 Id. Di Silvio Edoardo Napoli Id. 14-01-1916
26 Id. *Ferrara Raffaele Napoli Osp. d. c. 47, Aquileia 03-10-1916
27 Id. Frascani Federico Napoli M. S. Michele 24-10-1915
28 Id. Greco Umberto Torre del Greco Q. 70, Selz 06-07-1916
29 Id. Lentini Orazio Catenanuova Alture di Selz 27-08-1916
30 Id. Loasses Edmondo Ascoli Piceno M. S. Michele 23-11-1915
31 Id. Macchia Secondo Foligno Osp. d. c. 148, 24-10-1915
32 Id. Maroni Eugenio Salerno M. S. Michele 21-11-1915
33 Id. Mazza Guido Torre del Greco Id. 31-10-1915
34 Id. Miele Francesco Formia Id. 22-11-1915
35 Id. Pandullo Antonio Pinerolo Inf. Avanz. Timau 30-04-1917
36 Id. Pentinaca Ugo Capriati al Volturno Osp. d. c. 47, 09-07-1916
37 Id. Pulci Giuseppe Roma Sagrado 23-11-1915
38 Id. Sica Michele Eboli Amb. chir. n. 5, 04-11-1916
39 Id. Stassano Pietro (disp.) Campagna M. S. Michele 31-10-1915
40 Id. Tuozzo Vincenzo Grumo Appula Boschini sup. 23-10-1915
41 Id. Vacirca Stefano Licodia Eubea Q. 124, M. S. Michele 24-11-1915
42 Aspir. Buonocore Celeste Cropalati Freikofel 25-05-1917
43 Id. Busiello Ciro Napoli Boschini sup. 23-10-1915
44 Id. Carli Alessandro Cervignano Q. 70, Selz 29-06-1916
45 Id. Cascio Giovanni Lentini Osp. d. c. 96, 24-05-1917
46 Id. Colombo Attilio Monza 16a Sez. San., Ronchi 07-08-1916
47 Id. Conti Paolo Controne Pal Piccolo 07-06-1917
48 Id. Farina Alfonso Pellezzano M. S. Michele 24-11-1915
49 Id. Marinelli Orlando Ariccia Pal Piccolo 11-06-1917
50 Id. Sironi Lorenzo Milano Valloncello Selz 06-08-1916
Ufficiali morti per malattia.
1 Capitano Ricci Mario S. Mauro Osp. Civ. Palmanova 06-01-1916
2 S. Ten. Boccia Giuseppe S. Giuseppo Vesuviano Osp. d. c. 35, 17-12-1915
3 Id. Carlino Alvaro Napoli Osp. d. c. 231, 28-08-1915
4 Id. Celeste dr. Giovanni (med.) Bocchigliero Osp. d. c. 75, 03-01-1916
5 Id. Morello Bonaventura ........... Osp. Tappa Udine 25-12-1915
 

  MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE.

 

132° REGGIMENTO FANTERIA.

     Sottotenente BUCCARELLA CARLO, da Salonicco (Grecia):

     "Volontario di guerra, di fronte al nemico dimostrò sempre sereno coraggio, cosciente spirito di abnegazione, fiducia in sè e nei propri uomini. Alla testa del suo reparto, animandolo con le parole e con l’esempio, si portò alla conquista di una trincea avversaria, ove giunse per primo facendone prigionieri i difensori. Continuò la sua opera con fede e coraggio mirabili, respingendo parecchi furiosi attacchi nemici. Ferito gravemente, manteneva fermo contegno, incurante del dolore che lo straziava e fiero del dovere compiuto. Moriva in seguito alla ferita riportata, non senza prima avere esortato i suoi soldati alla lotta gridando "Coraggio: Viva l’Italia!". Fulgido esempio di eroismo e di alte virtù militari. — Cave di Selz, 29 giugno — 1° luglio 1916".

(Boll. Uff., anno 1922, disp. 3).

 

MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ARGENTO E DI BRONZO AL VALOR MILITARE.

 

MEDAGLIA D’ARGENTO.

131° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 31 - Truppa, n. 10.

132° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 35 - Truppa, n. 20.

MEDAGLIA DI BRONZO.

131° Regg. Fanteria, n. 45 - 132° Regg. Fanteria, n. 93.

COMANDANTI DELLA BRIGATA.

Magg. gen. BORGHI Achille, dal 24 maggio al 21 giugno 1915.
Magg. gen. SCHENARDI Raffaele , dal 27 giugno 1915 al 28 maggio 1916.
Col. brig. PARZIALE Filippo, dal 31 maggio al 5 novembre 1916.
Magg. gen. SQUILLACE Carmelo, dal 14 novembre 1916 al 13 luglio 1917.
Col. brig. CORALLI Felice, dal 14 luglio al 28 agosto 1917.
Col. brig. BOVERI Vincenzo, dal 29 agosto al 3 novembre 1917.
 

COMANDANTI DEL 131° REGGIMENTO FANTERIA.

Colonnello SQILLACE Carmelo, dal 24 maggio 1915 al 26 maggio 1916. 
Colonnello ANTEZZA Nunzio, dal 27 maggio 1916 al 26 agosto 1917.
Ten. colonnello CIBELLI Vincenzo, dal 27 agosto al 21 novembre 1917.  

COMANDANTI DEL 132° REGGIMENTO FANTERIA.

Colonnello MALATESTA Guido, dal 24 maggio al 15 settembre 1915.
Colonnello VIOLA G. Battista, dal 16 settembre al 22 novembre 1915 (caduto sul campo).
Colonnello CASTELLAZZI Carlo, dal 11 dicembre 1915 al 4 marzo 1916.
Colonnello CONTI Francesco, dal 19 marzo 1916 al 29 maggio 1917.
Colonnello COLOMBINI Alfredo, dal 30 maggio al 21 novembre 1917.

 
 
UFFICIALI SUPERIORI E CAPITANI COMANDANTI DI BATTAGLIONE.
131° REGGIMENTO FANTERIA
I° battaglione.
Grado Casato e Nome Data di assunzione Data di Cessazione Annotazioni
Ten. Col. Ricca Umberto 24/05/15 14/11/15  
Maggiore Graziani Rodolfo 27/03/16 04/08/16  
Id. Rega Cosimo 15/08/16 16/11/16  
Capitano Rossoni Achille 17/11/16 21/11/17  
II° battaglione.
Maggiore Arzano Aristide 24/05/15 30/08/15  
Id. Fumelli Monti Antenore 18/09/15 17/11/15 (Suicidatosi).
Ten. Col. Antezza Nunzio 20/11/15 04/06/16  
Maggiore Redi Francesco 05/06/16 21/11/17  
III° battaglione.
Ten. Col. Bonicatti Luigi 24/05/15 10/12/15  
Id. Rotelli Cesare 18/01/16 13/06/16  
Maggiore Calanchi Polinice 14/06/16 06/10/16  
Capitano Benfratello Edgardo 07/10/16 04/11/16  
Id. Morichini Carlo 25/11/16 21/11/17  
IV° battaglione (costituitosi il 24-03-1917)
Capitano Mencacci Guglielmo 24/03/17 21/11/17  
132° REGGIMENTO FANTERIA.
I° battaglione.
1° Capit. Malacarne Claudio 24/05/15 ...12/15  
Maggiore Rosacher Alfredo ...12/15 .....1917  
II° battaglione.
Maggiore Pellicano Luigi 24/05/15 ....11/16  
Id. Milano Agesilao ...11/16 ...03/17  
Id. Capurso Armando ...04/17 09/11/17 Caduto sul campo.
III° battaglione.
Capitano Torcia Ulrico 24/05/15 18/07/15  
Id. Bellucci Ermanno 19/07/15 30/08/15  
Maggiore Trerotoli Raffaele ...09/15 ....11/15  
Capitano Lacroix Vittorio ...11/15 25/11/15 Caduto sul campo.
Maggiore Fedele Raffaele ...12/15 ...04/16  
Id. Cortese Carlo ...04/16 ...09/16  
Id. Capurso Armando ...09/16 ...03/17  
Id. Prete Eugenio ...03/17 ...11/17  
 

SERVIZI PRESTATI IN LINEA ED IN ZONA DI RIPOSO

Permanenza in linea

Permanenza in zona di riposo, lavori, trasferimenti, ecc.

 Anno 1915

Dal 6 all'11 luglio (Settore M. Podgora - M. Fortin).

Dal 18 al 30 luglio (Lucinico - Pendici di M. Fortin - Ciglione dell'Isonzo).

Dal 4 al 24 agosto (M. Fortin - Lucinico - Mochetta).

Dal 22 ottobre al 20 dicembre (Sdraussina - Costone q. 124 - Azione su Boschini Superiore - Costone q. 197 - Azione su Cima 1 e 2 di S. Michele - Rocce Rosse - Conquista di q. 124).

 

 

 Anno 1916

Dal 6 al 20 gennaio (Costone Viola - Rocce Rosse).

Dal 3 al 26 febbraio (Rocce Rosse - Q. 124 - Costone Viola - Q. 197 - Cima 1 e 2 di S. Michele).

Dall'11 marzo al 9 aprile (Sinistra Isonzo - Costone Viola Alto - Cima 1 e 2 di S. Michele - Costone Viola basso - Rocce Rosse).

Dal 24 aprile al 2 giugno (Sinistra Isonzo [Ricoveri Caserta] - Cima 1 e 2 di S. Michele - Costone Viola - Q. 124).

Dal 3 al 6 giugno (Cima 1 e 2 di S. Michele - Costone Viola - Q. 124 [il solo 131°].

Dal 27 giugno al 28 settembre (Trincee a sud di Begliano - Ronchi - Cave di Selz - Q. 70 - Staranzano - Quota Pelata - Q. 85 di Monfalcone - Settore di Ronchi [Q. 45 - Q. K.] - M. Cosich - Q. 74 Doberdò - Lago di Doberdò - Debeli Vrh - Azione su q. 144).

Dal 3 novembre al 1° dicembre (Settore Oppacchiasella - Avanzata verso Selo e Versic - Muretto N. 4).

Dal 30 al 31 dicembre (Settore Oppacchiasella - Q. 229 - Q. 251).

 Anno 1917

Dal 1° al 19 gennaio (Settore Oppacchiasella - Q. 229 - Q. 251).

Dal 20 febbraio al 26 ottobre (Malpasso - Pal Grande - Cima Pal Piccolo - M. Croce - Settore Alto But - M. Pramosio - M. Cimone - Pizzo Avostanis - Vetta Chapot - Passo Cavallo - Selletta Freikofel).

Dal 27 ottobre al 16 novembre (Ripiegamento: Fronte M. Bivera - M. Pura - Fronte Ovaro - M. Cabia - Socchieve - Villa Santina - Enemonzo - Alto Tagliamento - Passo di Mauria - Perarolo - Cimolais - Longarone - Ponte sul Maè - Sedico - Bribano - Cismon - Arsiè).

 Anno 1915

 Dal 22 maggio al 5 luglio (Roma - Ranzano e Vigonovo [Provincia di Udine]. Trasferimento: Cusano - Codroipo - S. Giovanni di Manzano - Villanova dell'Iudrio. Trasferimento: Cormons - Pradis - Valisella).

Dal 12 al 17 luglio (Cormons - Brazzano).

Dal 31 luglio al 3 agosto (Povia - Brazzano - S. Lorenzo di Mossa).

Dal 25 agosto al 21 ottobre (Povia - Brazzano - Pressi di Medeuzza e San Giovanni di Manzano).

Dal 21 al 31 dicembre (Mariano - Moraro).

 Anno 1916

 Dal 1° al 5 gennaio (Mariano - Moraro).

Dal 21 gennaio al 2 febbraio (Mariano - Moraro).

Dal 27 febbraio al 10 marzo (Moraro - Mariano).

Dal 10 al 23 aprile (Mariano - Moraro - Corona).

Il giorno 3 giugno il 132° parte per Borgnano - Chiopris e resta in linea il solo 131°).

Il giorno 7 giugno il 131° parte per Meretto di Capitolo e lascia sulle posizioni di S. Michele il III battaglione che rientra al reggimento il 26 dello stesso mese).

26 giugno (trasferimento: Aquileia - Terzo - Begliano - S. Canziano - S. Polo).

Dal 29 settembre al 2 novembre (S. Stefano - S. Maria la Longa. Trasferimento: Vermegliano - Palichisce - Ferletti - Doberdò).

Dal 2 al 29 dicembre (Pendici del Vallone - Palichisce - Villesse - Fogliano).

 

 

 Anno 1917

Dal 20 gennaio al 19 febbraio (Palichisce - Fogliano - Doberdò - Marcottini - Devetachi. Trasferimento: Clauiano - Trivignano Udinese - Vermegliano. Trasferimento: S. Maria la Longa - Tolmezzo - Treppo Carnico - Cercivento - Sutrio - Cleulis - Paluzza - Timau).

Dal 17 al 21 novembre (Bressanvido sud - Poianella - San Pietro in Gù).

 

  RIEPILOGO
Linea Riposo
Mesi Giorni Mesi Giorni
Anno 1915

3

6

4

2

Anno 1916

7

24

4

6

Anno 1917

9

15

1

6

TOTALI Mesi 20 e giorni 15 Mesi 9 e giorni 14
 
RIEPILOGO DELLE PERDITE IN COMBATTIMENTO
LOCALITA' E DATA 131° REGGIMENTO 132° REGGIMENTO
Ufficiali Truppa Ufficiali Truppa
Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi
1915

Settore M. Podgora - M. Fortin (6 - 11 luglio)

/

1

/

/

1

/

/

/

/

/

/

/

Lucinico - Pendici di M. Fortin - Ciglione dell'Isonzo (18 - 30 luglio)

/

2

/

23

319

11

/

4

/

14

85

3

M. Fortin - Lucinico - Mochetta (4 - 24 agosto)

/

/

/

/

/

/

/

/

/

/

1

/

Manzano - S. Giovanni di Manzano (7 settembre)

/

/

/

/

 

/

 

1

/

3

2

/

Sdraussina - Costone q. 124 - Azione su Boschini Superiore - Costone q. 197 - Azione su Cima 1 e 2 di S. Michele - Rocce Rosse - Conquista di q. 124 (22 ottobre - 20 dicembre) (1)

15

15

4

214

785

268

24

33

1

221

1340

32

Totale anno 1915 15 18 4 237 1105 279 24 38 1 238 1428 35
 (1) Nell'azione del 23 ottobre su Boschini superiore occorre aggiungere, al 132° Fanteria un numero complessivo di 485 uomini di truppa tra morti, feriti e dispersi.
1916

Costone Viola - Rocce Rosse (6 - 20 gennaio)

/

/

/

7

53

/

2

1

/

7

27

/

Rocce Rosse - Q. 124 - Costone Viola - Q. 197 - Cima 1 e 2 di S. Michele (3 - 26 febbraio)

/

/

/

6

35

/

/

/

1

12

56

/

Sinistra Isonzo - Costone Viola Alto - Cima 1 e 2 di S. Michele - Costone Viola Basso - Rocce Rosse (11 marzo - 9 aprile)

/

2

/

14

100

/

/

2

/

7

45

/

Sinistra Isonzo [Ricoveri Caserta] - Cima 1 e 2 di S. Michele - Costone Viola - Q. 124 (24 aprile - 2 giugno)

2

2

/

31

180

/

/

11

/

26

143

/

Cima 1 e 2 di S. Michele - Costone Viola - Q. 124 (3 - 6 giugno)

/

/

/

/

14

/

/

/

/

/

/

/

Trincee a sud di Begliano - Ronchi - Cave di Selz - Q. 70 - Staranzano - Q. Pelata - Q. 85 di Monfalcone - Settore di Ronchi [Q. 45 - Q. K.] - M. Cosich - Q. 74 Doberdò - Lago di Doberdò - Debeli Vrh - Azione su q. 144 (27 giugno - 28 settembre)

4

23

/

147

670

135

12

37

1

122

794

270

Settore Oppacchiasella - Q. 229 - Q. 251 (30 - 31 dicembre)

/

/

/

3

3

/

/

/

/

/

/

/

Totale anno 1916

8

45

/ 432 1668 198 15 58 2 433 1759 304
 
1917

Settore Oppacchiasella - Q. 229 - Q. 251 (1 - 19 gennaio)

2

1

/

8

20

/

/

1

/

8

26

/

Malpasso - Pal Grande - Cima Pal Piccolo - M. Croce - Settore alto But - M. Pramosio - M. Cimone - Pizzo Avostanis - Vetta Chapot - Passo Cavallo - Selletta Freikofel (20 febbraio - 26 ottobre)

4

15

/

22

175

/

6

15

/

64

363

/

Ripiegamento: Fronte M. Bivera - M. Pura - Fronte Ovaro - M. Cabia - Socchieve - Villa Santina - Enemonzo - Alto Tagliamento - Passo di Mauria - Perarolo Cimolais - Longarone - Ponte sul Maè - Sedico - Bribano - Cismon - Arsiè (27 ottobre - 16 novembre) (1)

/

/

10

/

/

958

1

/

13

/

/

842

Totale anno 1917 6 16 10 30 195 958 7 16 13 72 389 842

 (1) Fonte di questi dati sono state le schede nominative compilate dal disciolto "Ufficio prigionieri", in base ad elenchi nominativi dei prigionieri pervenuti a suo tempo alla Croce Rossa Italiana. Non è possibile desumere i morti e feriti di truppa e gli Ufficiali feriti durante il periodo del ripiegamento.

 
RIEPILOGO GENERALE
Anno 1915

15

18

4

237

1105

279

24

38

1

238

1428

35

Anno 1916

8

45

/

432

1668

198

15

58

2

433

1759

304

Anno 1917

6

16

10

30

195

958

7

16

13

72

389

842

TOTALE GENERALE 29 79 14 699 2968 1435 46 112 16 743 3576 1181


Stampa la pagina


Invia ad un amico



Pag. 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118