Fronte del Piave
Hotel San Marco Montebelluna TV
 
Menu
 
 
 


Pubblicità
 
 
 


Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
  Condividi su Facebook    
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
     
 
:: Pubblicità ::


 
     
 

BRIGATA "IVREA"

(161° e 162° Fanteria)

Costituita il 1° marzo 1915:il Comando di Brigata ed il 162°, già formato fin dal 19 gennaio 1915, dal deposito del 54° Fanteria; il 161°, già costituito sin dal 10 gennaio 1915, dal deposito del 92° Fanteria.

 

ANNO 1915.

      Il 5 maggio la brigata parte per la zona di radunata ed è destinata sull'altopiano dei Sette Comuni (34a divisione). All'inizio delle ostilità essa è dislocata nella zona di Asiago e propriamente tra Campo Poselaro e Passo del Trughele, ove schiera parte dei suoi riparti in avamposti. Il 30 maggio compie la sua prima operazione di guerra contro la fronte Marcai di Sotto - Vezzena - Costesin: le due ultime località sono raggiunte, ma devono essere più tardi abbandonate a causa del violento tiro di artiglieria e mitragliatrici avversario. Il 5 giugno la brigata è rilevata dalla "Treviso" sulla linea degli avamposti.
     Il 25 agosto essa opera nella zona a nord della strada di Vezzena contro la testata delle valli Scuro e Rio Torto. L'azione è potentemente ostacolata dal tiro di artiglieria e di mitragliatrici avversario, sì che i riparti operanti sono costretti a trincerarsi sulle posizioni raggiunte, dopo aver perduto 4 ufficiali e 230 militari di truppa.
     La "Ivrea" passa il resto dell'anno nelle citate posizioni, esercitando una continua vigilanza a mezzo di pattuglie e partecipando alle operazioni dimostrative del settembre - ottobre verso Cima Vezzena e del novembre - dicembre verso il Ghertele.    

ANNO 1916.

     La brigata è sempre nell'alta Val d'Assa, ove alterna una assidua sorveglianza con lavori di sistemazione difensiva.
     Il 4 febbraio un piccolo riparto del 161° occupa e mantiene la posizione della "Forcella" che trova sgombra dal nemico. Il 5 maggio il nemico inizia un intenso bombardamento sulla conca di Milegrobe ed in Val Morta; lo continua il 6 e lancia all'attacco due compagnie che riescono a penetrare nella parte centrale dei trinceramenti della conca di Milegrobe, in modo da indurre i riparti del 162° presidianti detta località a ripiegare sulla testa di ponte del Rio Val Morta. L'avanzata è però circoscritta dall'immediato intervento della nostra artiglieria. La crescente attività del nemico impone alla brigata una maggiore attività ed un più frequente invio di pattuglie. Il 15 maggio l'avversario sferra la sua offensiva nel Trentino che cagiona un ripiegamento da parte delle unità adiacenti alla 34a divisione, in seguito al quale la "Ivrea", nella notte sul 19 maggio, gradualmente si ritira sul ciglione sinistro di Val Torra. Mentre il 161° esegue il movimento ordinato e si trova fra Malga Fratelle e Val Morta, viene attaccato da rilevanti forze nemiche; esso sosta occupando la testa di ponte di Val Cinsela e, appoggiato dal nostro tiro di artiglieria, riesce ad arrestare il nemico sul margine meridionale del bosco di Milegrobe, infliggendogli gravi perdite. Ripreso poi il ripiegamento, il 161° si porta sulla sinistra di Val Torra, dopo aver fatto saltare i ponti di Val Morta.
     Il 20 il nemico riprende la sua avanzata, minacciando la ridotta di q. 1506. Il nemico, ricevuti altri rinforzi, lancia, il 21 maggio, una colonna all'attacco, occupa il Costesin, sì che i riparti della brigata hanno ordine di ripiegare combattendo sulla linea Scogli della Torra - Tola del Vescovo - Casare di Campovecchio. Il 22 continua il ripiegamento: il 161° occupa la linea dalla strada Asiago - Roana fino al torrente Ghelpac, il 162° dal margine nord di Camporovere fino alla strada Asiago - Roana. Il 28 maggio la brigata, sostituita in linea, è inviata a riordinarsi presso il bivio Osteria della Bocchetta - Sasso (28a divisione); essa ha subito ingenti perdite.
     In seguito allo svolgimento delle operazioni in prima linea, la brigata, nei giorni 1 e 2 giugno, si trasferisce a Sasso (34a divisione) dislocando un battaglione del 162° al Col del Rosso ed un altro a Case Grulli; il 3 il 161° disloca due battaglioni tra il Buso e M. Fior. Il 5 giugno, sostituita dalla "Sassari" sulle posizioni occupate, è schierata col 162° ed il III/161° sulla fronte q. 1312 - Col del Rosso - Case Grulli, mentre gli altri due battaglioni del 161° si portano il 6, quale riserva, fra Turcio e Mosca, a cavallo della rotabile che unisce queste due località; essi però il giorno 8 sono inviati, il I a disposizione della brigata Etna ed il II della "Sassari". Per la mutata situazione derivante dallo sgombro del M. Sisemol da parte della "Etna", si trovano in prima linea il 162° ed il III/161° schierati sul M. di Val Bella, la cui difesa è affidata, il 9, alla brigata Ivrea, alla quale sono restituiti anche il I ed il II battaglione del 161°.
     Sferratasi la nostra controffensiva, la brigata, dopo aver esplicato una continua azione di pattuglie per mantenere saldo contatto col nemico, il 18 giugno inizia la sua avanzata nel bosco di Stenfle e verso M. Sisemol. Dopo una continua pressione intesa a scuotere la resistenza del nemico e scacciarlo dalle posizioni conquistate, questi, il 25 giugno, comincia a cedere, incalzato costantemente dai reparti della brigata.
     Nel pomeriggio del 25 stesso, il III/161° ed il II/162° occupano lo Stenfle, appoggiati dal I e II del 161° che puntano contro il Sisemol. Gli altri due battaglioni del 162° da Busa del Termine serrano verso M. di Val Bella. A sera il M. Sisemol è occupato dal 161°, mentre il 162° raggiunge la cima di M. Val bella. Il 26 l'avanzata prosegue per M. Ferragh e poi su Rodighieri - S. Domenico: anche questi obiettivi sono raggiunti. Il 161° punta il 27 su M. Rasta contro il quale si accanisce anche il 28; il 29 è sostituito dal 162° che continua l'attacco nei giorni 30 giugno e 1° luglio, cozzando contro una accanita resistenza avversaria che tenta scuotere con ripetuti assalti alla baionetta. Il 3 luglio il 162° è sostituito dalla brigata Acqui e dislocato nel bosco di Gallio, mentre il 161° sostituisce l'89° in prima linea da Case Carlini alla mulattiera Nette - M. Interrotto; il 4 è anch'esso sostituito dalla brigata Acqui ed inviato nel bosco di Gallio.
     Il 5 luglio tutta la brigata è dislocata nella Valle di Campomulo, ove inizia il suo riordinamento; essa ha perduto, dal 15 giugno, 50 ufficiali e 1860 militari di truppa. Il suo contegno merita la concessione della medaglia di bronzo alle Bandiere di entrambi i reggimenti.
     Il 25 luglio la "Ivrea" è trasferita a Bassano, ove accampa nella regione Cornaro fino all'8 agosto, nel qual giorno è trasportata in ferrovia fino a Cervignano ed a Strassoldo; il 9 prosegue per Ajello.
     Il 10 il 161° è inviato in autocarri a Redipuglia e di qui raggiunge le doline a sud - est di Doberdò (31a divisione), mentre il 162° è destinato prima a Fogliano e poi nei pressi di Gradisca per avanzare, il giorno seguente, su Marcottini (19a divisione).
     Il 12 agosto il 161° passa il Vallone, si avvicina a Nova Vas iniziando la sua avanzata, fortemente ostacolata verso le posizioni comprese fra le due quote 208. Il 17 il I/161° raggiunge ed oltrepassa la prima trincea avversaria, ma il nemico, reagendo dalla sua seconda linea intatta ed efficiente, respinge gli attacchi. I reparti operanti hanno perduto per queste azioni 19 ufficiali e 745 gregari.
     Il 19 il 161° si riunisce al 162° inviando due battaglioni, I e II, a Marcottini e lasciando il III battaglione a disposizione della 3a divisione. Tutta la brigata passa poi alla dipendenza della 19a divisione.
     Il 28 agosto la "Ivrea" è in linea per la ripresa offensiva tendente all'occupazione della linea Oppacchiasella - Nad Bregom - q. 235. Dopo vari tentativi ed una conveniente preparazione del terreno, il 14 settembre, riparti della brigata muovono all'attacco di Nova Vas e qualcuno riesce ad oltrepassarne il caseggiato catturando dei prigionieri, ma il nemico tenta accerchiare gli attaccanti che sono costretti a ritirarsi. La prova è ritentata nei giorni dal 15 al 18, ma l'audacia dei nostri riparti urta contro una attiva difesa dell'avversario favorito dalla topografia della zona; alle precedenti perdite si aggiungono quelle di 13 ufficiali e 400 gregari.
     La notte sul 21 la brigata, sostituita dalla "Pescara", si reca a Palichisce quale riserva divisionale (47a divisione); il 25 è inviata a riposo fra Salicetto - Perteole - Mortesins - Scodovacca.
     Destinata in Macedonia, giunge a Salonicco il 19 ottobre (35a divisione). Dopo successivi trasferimenti il 23 la "Ivrea" sostituisce la "Cagliari" schierando il 161° fra Dova Tepé - Kara Orman e Baisili ed il 162° fra "Tre strade" e Sarakli.
     Il 29 novembre, sostituita da riparti inglesi, si reca a riposo nella zona di Kukus.
     Il 7 dicembre è inviata a Topci ed il 12 ritorna a Salonicco, da dove, il 14, parte in ferrovia per Vertekop; il 19 raggiunge Vladova, il 22 Kakon, il 23 Kalenik ed il 29 Colle di Vrata, ove si schiera fra la strada Suhodol - Meglenci ed il Piton Rocheux.         

ANNO 1917.

      La brigata ha assunto il suo schieramento in prima linea nella citata zona, nella quale il nemico è particolarmente attivo ed esercita una continua azione di pattuglie che vengono sempre respinte dai nostri riparti vigilanti. Nella notte sul 12 febbraio un riparto avversario attacca la nostra trincea di q. 1050, presidiata dalla 5a e 7a compagnia del 162°, e riesce ad occuparne qualche tratto producendo una quarantina di perdite, ma il pronto intervento degli altri elementi del battaglione non permette ulteriori progressi.
     Nei giorni successivi l'avversario tenta di allargare la sua occupazione, ma è sempre energicamente ricacciato.
     Il 5 marzo il 162° è inviato in seconda linea ove già trovansi, fin dall'11 febbraio, il 161° ed il comando della brigata, sostituita in linea dalla "Cagliari".
     Il 14 marzo il III/162° è rimandato in linea per cooperare col 63° fanteria all'attacco della q. 1050.
     Dall'8 al 10 aprile tutta la brigata ritorna in trincea al posto della "Cagliari" sulle posizioni di prima linea comprese fra la quota 1050 e il Piton Rocheux.
     Dopo un'accurata preparazione, il 9 maggio essa inizia una vigorosa azione aggressiva nell'arco della Cerna. Il 161° ha per obbiettivo la q. 1050 che deve attaccare su due colonne; il 162° punta, anche su due colonne, contro il Piton Brulè.
     Sferrato l'attacco, le prime ondate del 161° raggiungono la linea avanzata avversaria e si accingono a procedere, quando il nemico scatena un fuoco violentissimo di rappresaglia che arresta ogni ulteriore slancio degli attaccanti e fa eslodere alcune mine predisposte sotto le sue trincee, una delle quali distrugge quasi completamente la 9a compagnia del 161°.
     Il 162° contemporaneamente conquista la prima linea di trincea del Piton Brulè, ma subisce anch'esso la violenta reazione del tiro avversario ed è costretto a ripiegare sulle posizioni di partenza.
     Il nemico tenta di profittare dello stato d'animo dei nostri riparti, lanciando ripetuti contrattacchi che sono respinti. Le perdite della brigata sono di 40 ufficiali e 1203 militari di truppa.
     Il 10 maggio l'azione è ripresa dal 162°, rinforzato da due battaglioni della "Cagliari", ed è diretta soltanto contro il Piton Brulè; però, poco prima dell'attacco delle fanterie, perviene l'ordine di sospensione che non può essere diramato - a causa dell'interruzione delle comunicazioni - a tutti i battaglioni in linea e quindi il II/63° raggiunge la prima trincea avversaria, ma, non sorretto dai reparti laterali, deve ripiegare.
     Anche il giorno 11 si combatte accanitamente per la conquista del Piton Brulè e per la terza volta l'obbiettivo è raggiunto, ma gli eroici fanti, presi sul fianco dalle intense raffiche di mitragliatrici provenienti dal Piton Rocheux e sul tergo da quelle del costone di q. 1050, sono costretti a sostare ed a rafforzarsi sulle posizioni raggiunte. Nei giorni 15 e 16 maggio la brigata, sostituita dalla "Cagliari", invia il 161° ad ovest di Gniles ed il 162° fra le rovine di Jaratok e Tepauci, ove inizia il suo riordinamento. Nella notte dal 25 al 26 giugno essa ritorna in linea nel noto settore del Piton Brulè (161°) - q. 1050 (162°) dedicandosi alla consueta attività di pattuglie. Il 31 agosto il I/162°, rinforzato da elementi di altri battaglioni del 162° e del 161° stesso, compie un colpo di mano sulla q. 1050 per impossessarsi dell'osservatorio nemico del "Castelletto" e di un camminamento - trincea posto ad ovest di detta località. La prima ondata di attacco, sorpassati i varchi aperti nei reticolati, raggiunge l'obbiettivo assegnato, contro il quale il nemico, preceduto da nutritissimo fuoco d'artiglieria e mitragliatrici, lancia tre contrattacchi che obbligano il centro e la destra dei nostri ad abbandonare la trincea conquistata e non ancora rafforzata.
     La sinistra, meglio riparata dal tiro, può resistere ancora qualche ora, ma deve poi anch'essa ripiegare per sfuggire all'aggiramento. Durante quest'azione il 161° svolge un attacco dimostrativo a q. 1050.
     Le predite della giornata sono, per la brigata, di 6 ufficiali e 144 militari di truppa. Nei giorni 4 e 5 settembre la "Ivrea" è inviata a riposo nella zona a nord-ovest di Gniles ed a sud-est del vallone di Jaratok per ritornare in linea, un mese dopo, al posto della "Cagliari". Il 7 dicembre passa in seconda linea e vi trascorre tutto il mese.     

ANNO 1918.

     Dal gennaio all'agosto la brigata si alterna con la "Sicilia" e con la "Cagliari" in turni mensili di linea e di riposo. I periodi di linea sono particolarmente attivi per la continua, reciproca azione di pattuglie e per i frequenti colpi di mano.
     La notte sul 19 aprile il nemico, dopo violento ed improvviso bombardamento, lancia all'attacco grosse pattuglie in diverse parti del settore, ma queste vengono tutte respinte dal pronto intervento dei riparti in linea. In compenso la notte seguente sono eseguiti da elementi della brigata due colpi di mano: uno al saliente di Vlakar e l'altro alla quota 1050; il primo non riesce perchè trova intatti i reticolati: il secondo, invece, condotto da un riparto del 161°, sorprende e volge in fuga un posto avversario impossessandosi di armi e materiale.
     Il 21 settembre, in seguito all'offensiva serba, il nemico, pur resistendo tenacemente, inizia il ripiegamento generale delle sue truppe dal Vardar alla regione dei laghi.
     Per procedere all'inseguimento la "Ivrea" assume, lo stesso giorno 21, la seguente dislocazione iniziale: il 161° fra Gola Glava, l'alto vallone della Gallia, M. Boscon e Val d'Assa; il 162° fra il vallone del Monastero di Jaratok, Colle Tamaje ed il vallone della Nottola. Iniziato il movimento, il 22 sorpassa le posizioni avversarie del Piton Brulè e della q. 1050, il 23 raggiunge quelle di Musa Oba e Podmol. Superata il 24 la regione fra Topolciani, Cepik e fra Zagorani e Veselcani, muove il 25 per dislocarsi a cavallo della strada Prilep - Krusevo, ma durante la marcia, essendo la "Cagliari" impegnata col 63° a Bacia ed il 64° a Krivogastani, il 161° si arresta a Borotin ed il 162° a Krusoviani. Più tardi, però, vinta la resistenza avversaria, la brigata Ivrea prosegue per il suo obbiettivo.
     La convenienza di incalzare sollecitamente il nemico consiglia la composizione di una colonna celere agli ordini del comandante della brigata Ivrea e formata dal 64°, dal 162° e da altri minori riparti: essa muove il 26 diretta a Sop.
     Il 162°, con due battaglioni che hanno il compito di colonna fiancheggiante di sinistra, raggiunge, la sera del 26, la linea fra Ostrelce e la q. 1300. Il 161° arriva intanto a Krivogastani.
     Il 27 il 162° raggiunge Kocista e vi passa la notte, mentre il suo IV battaglione occupa la collina a sud di Divjak per sbarrare il passo a truppe nemiche che tentino di risalire la Zaja. Il 28 la colonna fiancheggiante muove alla volta di Cer ed all'alba del 29 si ammassa all'entrata est del paese che il nemico tiene ancora in suo possesso.
     Per rimuovere le difficoltà incontrate nella marcia della colonna principale, il 162° ha ordine di portarsi sulle posizioni a nord e nord-est di Cer per scacciarne il nemico ed aggirare Sop dall'alto.
     Nonostante la tenace resistenza avversaria, gli obbiettivi assegnati al 162° sono raggiunti il 30 e saldamente mantenuti. Il contegno di questo reggimento merita la concessione della croce di guerra francese con palma.
     Mentre i riparti si preparano all'ulteriore avanzata, sopraggiunge, il 30, l'ordine di sospensione delle ostilità e la brigata si raccoglie a Krivogastani.           

RICOMPENSE.

MEDAGLIA DI BRONZO.

      Alle Bandiere del 161° e 162° Reggimento Fanteria:

     “Rafforzato solidamente il tratto di fronte affidato, lo difesero per otto giorni a prezzo di gravissime perdite: costretti a ripiegare, combattevano valorosamente, opponendo di poi al nemico nuova salda resistenza e partecipando con slancio alle successive operazioni controffensive (Val d'Assa - Altopiano di Asiago, maggio - giugno 1916)".

(Boll. Uff., anno 1920, disp. 47).

CROCE DI GUERRA FRANCESE CON PALMA.

     Alla Bandiera del 162° e Reggimento Fanteria:
    “Bello e fiero Reggimento già distintosi sulla fronte italiana - in Trentino e sul Carso - ha avuto in Macedonia nel settore della quota 1050 i compiti più ardui e difficili assolvendoli sempre vittoriosamente. Ha partecipato efficacemente alle operazioni del settore 1918 che condussero alla capitolazione della Bulgaria, distinguendosi in modo speciale nell'attacco delle fortissime e ben difese posizioni nemiche di Cer e di Sop, confermando le sue brillanti doti di slancio, di coesione e di bravura" (febbraio 1919).
 
UFFICIALI MORTI IN COMBATTIMENTO, IN SEGUITO A FERITE O IN PRIGIONIA.
Grado Cognome e Nome Luogo di nascita Luogo e data di morte
161° Reggimento Fanteria.
1 Ten. Col. *Malvano Raffaele Moncalieri Osp. di Verona 22-06-1916
2 Capitano Allegra Salvatore Catania Nova Vas 13-08-1916
3 Id. Andriulli Antonio (disp.) Montescaglioso Nova Vas 03-08-1916
4 Id. Garneri Gaetano Fossano Osp. d. c. 154, 18-06-1916
5 Id. *Madonna Luigi Lama dei Peligni Osp. di Bologna 06-10-1916
6 Id. Pezziardi Micca Ignazio Rivoli Q. 1050, Macedonia 13-04-1917
7 Id. Sartirana Giulio Milano Val d'Astico 06-04-1916
8 Tenente Amenta Edoardo Caltanissetta Q. 1050, Macedonia 02-05-1917
9 Id. Baldi Carlo Cassolnuovo Id. 09-05-1917
10 Id. *Bellucci Flavio Arreva In prigionia 12-05-1917
11 Id. Bruno Calogero Piazzarmerina 149° Rep. Someg. 09-05-1917
12 Id. Foà Carlo Torino Costesin 21-05-1916
13 Id. Germanetti Osvaldo Torino Id.
14 Id. Riccadonna Paolo Milano Q. 1050, Macedonia 09-05-1917
15 Id. Senise Pasquale Ripa Costesin 22-05-1916
16 S. Ten. Borgarello Giuseppe Pinerolo Nova Vas 19-09-1916
17 Id. Cagliano Serafino Alice Castello Costesin 21-05-1916
18 Id. Camandonna Domenico Ivrea M. Val Bella 19-06-1916
19 Id. Dossena Carlo Bernareggio Costesin 21-05-1916
20 Id. Foà Virginio Torino 149° Rep. Somegg. 03-05-1916
21 Id. Gauthier Paolo Emilio Torino Nova Vas 13-08-1916
22 Id. Mazzoni Ermanno Chieti Id. 12-09-1916
23 Id. Policretti Quintino Luigi (disp.) ...... Costesin 21-05-1916
24 Id. Setti Francesco Milano Id. 20-05-1916
25 Aspir. *Acquarone Giovanni Porto Maurizio In prigionia 22-05-1916
26 Id. Di Francesco Salvatore Bari Q. 1050, Macedonia 21-04-1917
27 Id. Fresa Nicola Dragoni Piton Rocheux 23-04-1918
28 Id. Pardini Gaudenzio Lucca Piton Brulè 31-08-1917
Ufficiali morti per malattia.
1 Magg. Gen. Camolli Giuseppe Piacenza Osp. d. c. 177, 17-08-1917
2 Tenente Altissimo dr. Antonio (med.) Coldogno Osp. d. c. 167, 15-07-1917
162° Reggimento Fanteria.
1 Maggiore Razzetti Ermanno Parma M. Interrotto 01-07-1916
2 Capitano Cameroni Carlo Mogliano Veneto 19a Sez. San. 16-09-1916
3 Id. Cipelletti Matteo Mondovì Piton Brulè 09-05-1917
4 Id. De Juliis Pasquale Benevento Nova Vas 15-09-1916
5 Id. Festa Guido Vigevano Q. 1050, Macedonia 27-02-1917
6 Id. Galvagno Raimondo Marene M. Interrotto 01-07-1916
7 Id. Marro Ettore Roma Amb. Chir. N° 5, 18-08-1916
8 Id. Pozzo Riccardo Candelo M. Interrotto 30-07-1916
9 Tenente Dalmazzo Benigno Torino Id. 01-07-1916
10 Id. Madon Enrico Torino Val Morta 19-05-1916
11 Id. Maggia Gioacchino Cassato Piton Brulè 09-05-1917
12 Id. Restano Riccardo Vercelli Q. 1050, Macedonia 27-02-1917
13 Id. Senesi Carlo Mignano Q. 1050, Macedonia 27-02-1917
14 Id. Zineroni Vincenzo Modena Busa di Verle 26-08-1915
15 S. Ten. Airaghi Arnaldo Milano Q. 1528, Costesin 20-05-1916
16 Id. Amicucci Luigi Petrella Salto Busa di Verle 25-08-1915
17 Id. Antonini Giuseppe Bodio 34a Sez. San. 20-05-1916
18 Id. Brandinelli Giuseppe Taggia Q. 1050, Macedonia 09-05-1917
19 Id. Castiglioni Ugo Pelago M. Interrotto 30-06-1916
20 Id. Cesari Filippo Bologna Nova Vas 16-09-1916
21 Id. Chelli Ubaldo (disp.) Lucca M. Interrotto 01-07-1916
22 Id. Corpi Francesco Costantinopoli Q. 1050, Macedonia 31-08-1916
23 Id. De Joannes Umberto Rivarolo Canavese Id. 14-02-1917
24 Id. Gondolo Ernesto Torino M. Interrotto 01-07-1916
25 Id. Loli Francesco Bologna Costesin 25-05-1916
26 Id. Massa Vincenzo S. Damiano d'Asti Costesin 20-05-1916
27 Id. Matteoni Mario Fucecchio Val Morta 19-05-1916
28 Id. Olmo Mario (disp.) Asigliano M. Interrotto 01-07-1916
29 Id. Pastore Carlo Ivrea Osp. d. c. 007, 21-05-1916
30 Id. Russo Antonio Foggia Piton Brulè 09-05-1916
31 Id. *Scorpati dr. Anacleto Ancona In prigionia 22-05-1916
32 Id. Tabolacci Ernesto Olevano Romano Q. 1050, Macedonia 31-08-1917
33 Id. Tonelli Ezio Modena Val Marcai 22-03-1916
34 Id. Vernetti Blina Vittorio Cuorgnè Osteria del Termine 25-07-1915
35 Aspir. Colombo Arturo Torino Costesin 20-05-1916
36 Id. De Giulio Giuseppe Pistini Nova Vas 15-09-1916
37 Id. Girardi Giovanni Torino Bosco Stenfle 18-06-1916
38 Id. Guillermin Fausto Milano Q. 1050, Macedonia 09-05-1917
39 Id. Imbesi Diego Scilla Costesin 21-05-1916
40 Id. Re Bartolomeo Miagliano Val Morta 19-05-1916
Ufficiali morti per malattia.
1 S. Ten. Cosmos Arturo S. Vincent Osp. Ancona 27-11-1918
 

MILITARI DECORATI CON L’ORDINE MILITARE DI SAVOIA.

COMANDO DI BRIGATA.

     BELTRAMO GIOVANNI, brigadiere generale - cavaliere - Macedonia Serba - Cer - Sop, 21 - 30 settembre 1918.

MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ARGENTO E DI BRONZO AL VALOR MILITARE.

 

MEDAGLIA D’ARGENTO.

161° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 39 - Truppa, n. 36.

162° Regg. Fanteria: Ufficiali, n. 40 - Truppa, n. 42.

MEDAGLIA DI BRONZO.

161° Regg. Fanteria, n. 143 - 162° Regg. Fanteria, n. 143.

COMANDANTI DELLA BRIGATA.

Magg. gen. MURARI BRà Vittorio, dal 24 maggio 1915 al 28 maggio 1916.
Col. brig. RUGGERI Alberto, dal 3 giugno all'11 luglio 1916.
Magg. gen. COMOLLI Giuseppe, dal 12 luglio 1916 al 26 luglio 1917.
Brig. gen. BELTRAMO Giovanni, dal 25 agosto 1917 al termine della guerra.

COMANDANTI DEL 161° REGGIMENTO FANTERIA.

Colonnello PIRRI Virginio, dal 24 maggio al 18 settembre 1915.
Colonnello CASOLI Ernesto, dal 7 ottobre 1915 al 23 aprile 1916.
Colonnello VENEZIA Gennaro, dal 29 aprile 1916 al 22 giugno 1917.
Colonnello PIZIO Virginio, dal 6 luglio 1917 al termine della guerra. 
 

COMANDANTI DEL 162° REGGIMENTO FANTERIA.

Ten. colonnello BERTETTI Giulio, dal 24 maggio al 7 giugno 1915.
Ten. colonnello FRANCHI Giovanni, dall'8 al 12 giugno 1915.
Colonnello MARUCCO Stefano, dal 13 giugno al 14 dicembre 1915.
Colonnello BASSO Raffaele, dal 16 dicembre 1915 al 24 maggio 1917.
Colonnello NEGRO Giovanni, dal 25 maggio 1917 al termine della guerra.

 
 
UFFICIALI SUPERIORI E CAPITANI COMANDANTI DI BATTAGLIONE.
161° REGGIMENTO FANTERIA
I° battaglione.
Grado Casato e Nome Data di assunzione Data di Cessazione Annotazioni
Ten. Col. Maccario Giusto 24/05/15 ...06/16  
Capitano Valerani Giulio ...06/16 ...07/16  
Maggiore Ferrarati Guido ...07/16 ........  
Id. Giacoma Bottolat Domenico ...08/16 ...09/16  
II° battaglione.
Ten. Col. Franchi Giovanni ...06/15 ...08/15  
Capitano Radellono ....... ...09/15 .........  
Maggiore Armellini Candido ...10/15 ...05/16  
Capitano Angelozzi Filiberto ...06/16 ........  
Id. Capietti Pietro ...06/16 ....07/16  
Maggiore Battistoni Giuseppe ...08/16 ........  
Capitano Papa Enrico ...09/16 ...10/16  
Ten. Col. Chiericatti Giuseppe ...11/16 ...08/17  
Capitano Cordier Mario ...09/17 ...10/17  
Maggiore Fiorelli Giuseppe .....1918 ....1918  
III° battaglione.
Ten. Col. Malvano Raffaele ...05/15 ...05/16  
Id. Siffredi Carlo ...06/16 ....07/17  
Maggiore Cordier Mario ...10/17 al termine della guerra.  
162° REGGIMENTO FANTERIA.
I° battaglione.
Maggiore Rovelli Alberto 24/05/15 30/05/15  
Capitano Butto Ferdinando 31/05/15 29/06/15  
Maggiore De Nava Luigi 30/06/15 09/04/16  
Capitano De Stefanis Savino 10/04/16 24/04/16  
Maggiore Razzetti Ermanno 25/04/16 01/07/16 Caduto sul campo.
Id. Manenti Luigi 02/07/16 21/02/17 Ferito.
Id. Rubino Samuele 22/02/17 13/09/17  
Capitano Novelli Gaetano 14/09/17 al termine della guerra.  
II° battaglione.
Ten. Col. Zanotti Onorato 24/05/15 29/05/15 Ferito.
Capitano Cabiati Ernesto 30/05/15 10/06/15  
Ten. Col. Maffizoli Cesare 11/06/15 09/10/15  
Maggiore Pollaci Lauriel Girolamo 15/10/15 09/06/16  
Id. Renzi Secondo 10/06/16 29/06/17  
Id. De Stefanis Savino 30/06/16 29/08/17  
Id. Totta Giovanni 30/08/17 09/09/17  
Id. Giuliano Giovanni 10/09/17 al termine della guerra.  
III° battaglione.
Maggiore Martinengo Carlo 24/05/15 16/07/15  
Id. Rossi Luigi 17/07/15 01/07/16  
Id. Negro Giovanni 02/07/16 24/05/17  
Maggiore Vagliasindi Pietro 25/05/17 23/08/17  
Capitano Odella Carlo 24/08/17 05/01/18  
Maggiore Catani Carlo 06/01/18 al termine della guerra.  
IV°battaglione. (1)
Capitano Ruggeri Giuseppe 28/02/18 15/10/18  
(1) Costituito il 28 febbraio 1918 e sciolto il 15 ottobre 1918.
 

SERVIZI PRESTATI IN LINEA ED IN ZONA DI RIPOSO

Permanenza in linea

Permanenza in zona di riposo, lavori, trasferimenti, ecc.

 Anno 1915

Dal 24 maggio al 5 giugno (Settore di Asiago - Cima Campolongo - Valle del Cimitero - Malga Campo Poselaro - Dosso del Trughele - Osteria del Termine - Q. 1585 - Marcai di Sotto - Vezzena).

Dal 23 giugno al 31 dicembre (Valle Sparavieri - Marcai di Sopra - Marcai di Sotto - Ghertele - Croce di Vezzena - Osteria del Termine - Bosco Varagna - Attacco contro la testata delle valli: Scuro e Rio Torto - Busa di Verle).

 Anno 1916

Dal 1° gennaio al 27 maggio (Osteria del Termine - Q. 1506 - Costone di Bosco Varagna - Marcai di Sopra - Zona Manderiolo - Campo Rosà - Campo Poselaro - Pianoro di Costesin - Milegrobe - Cima Norre - Val Morta - Offensiva austriaca - Ripiegamento: Malga Fratelle - Val Morta - Val Torra - Q. 1506 - Scogli della Torra - Q. 1506 - Scogli della Torra - Tola del Vescovo - Casare di Campovecchio - Valletta Ghelpac - Canove).

Dal 3 giugno al 3 luglio (Col del Rosso - Casa Grulli - Linea tra il Buso e M. Fior - Q. 1312 - M. Val Bella - Occupazione del bosco di Stenfle - M. Sisemol - M. Ferragh - Rodighieri - S. Domenico - M. Rasta - Bosco - Pendici M. Catz - M. Interrotto).

Dall'11 agosto al 23 settembre (Settore Doberdò - Q. 153 - Ferleti - Nova Vas - Q. 208 nord - Marcottini - Attacco contro la linea Oppacchiasella - Nad Bregom - Q. 235).

Dal 24 ottobre al 28 novembre (Macedonia [Settore Dova Tepè - Kara Orman] - "Tre strade" Sarakli).

Dal 29 al 31 dicembre (Linea fra la strada Subodol - Meglenci - Piton Rocheux - Strada di Makovo).

 Anno 1917

Dal 1° gennaio al 4 marzo (Meglenci - Piton Rocheux - Q. 1050).

Dal 9 aprile al 14 maggio (Sukodol - Q. 1050 - Piton Rochenx - Attacco a q. 1050 - Piton Brulè).

Dal 26 giugno al 4 settembre (Sukodol - Q. 1050 - Piton Rocheux - Attacco al "Castelletto").

Dal 5 ottobre al 31 dicembre (Settore Est - Q. 1050 - Piton Rocheux - Piton Brulè).

 Anno 1918

Dal 1° gennaio al 4 marzo (Settore Est - Q. 1050 - Piton Rocheux - Piton Brulè).

Dal 4 aprile al 3 giugno (Settore Est - Q. 1050 - Piton Rocheux - Piton Brulè).

Dal 3 luglio al 4 settembre (Settore Est - Q. 1050 - Piton Rocheux - Piton Brulè).

Dal 21 al 30 settembre (Inseguimento del nemico: Gola Glava - Vallone della Gallia - M. Boscon - Val d'Assa - Vallone Monastero di Jaratok - Colle Tamajo - Vallone della Nottola - Piton Brulè - Q. 1050 - Musa Oba - Podmol - Topolciani - Cepik - Zagorani - Veselcani - Krivogastani - Ostrelce - Q. 1300 - Kocista - Divjak  - Cer - Sop). 

 Anno 1915


Dal 6 al 22 giugno (Asiago).

 

 

 

 

 

 Anno 1916

Dal 28 maggio al 2 giugno (Osteria della Bocchetta - Sasso - Case Girardi).

Dal 4 luglio al 10 agosto (Bosco di Gallio - Valle di Campomulo - Roccolo Cattagno - Trasferimento: Valstagna - Bassano - Regione Cornaro - Cittadella - Cervignano - Strassoldo - Ajello - Redipuglia - Fogliano). 

Dal 24 settembre al 23 ottobre (Palichisce - Saciletto - Perteole - Mortesins - Scodovacca - S. Nicolò - Trasferimento fronte macedone: Mestre - Padova - Ravenna - Rimini - Taranto - Salonicco - Zeintenlik - Savigneil).

Dal 29 novembre al 28 dicembre (Zona di Kukus - Topci - Salonicco - Vertekop - Vladoba - Banica - Kalenik - Brod).

 

 

 

 

 Anno 1917

Dal 5 marzo all'8 aprile (Vallone antistante al Monastero Jaratok - Colle Vrata).

Dal 15 maggio al 25 giugno (Gniles - Jaratok).

Dal 5 settembre al 4 ottobre (Gniles - Jaratok).
 

 

 

 

 Anno 1918

Dal 5 marzo al 3 aprile (Gniles - Jaratok).

Dal 4 giugno al 2 luglio (Gniles - Jaratok).

Dal 5 al 20 settembre (Gniles - Jaratok).

  RIEPILOGO
Linea Riposo
Mesi Giorni Mesi Giorni
Anno 1915

6

21

/

17

Anno 1916

8

18

3

12

Anno 1917

8

15

3

15

Anno 1918

6

16

2

14

TOTALI Mesi 30 e giorni 10 Mesi 9 e giorni 28
 
RIEPILOGO DELLE PERDITE IN COMBATTIMENTO
LOCALITA' E DATA 161° REGGIMENTO 162° REGGIMENTO
Ufficiali Truppa Ufficiali Truppa
Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi
1915
Settore di Asiago - Cima Campolongo - Valle del Cimitero - Malga Campo Poselaro - Dosso del Trughele - Osteria del Termine - Q. 1585 - Marcai di Sotto - Vezzena (24 maggio - 5 giugno)

/

/

/

2

7

1

/

3

/

2

24

1

Valle Sparavieri - Marcai di Sopra - Marcai di Sotto - Ghertele - Croce di Vezzena - Osteria del Termine - Bosco Varagna - Attacco contro la testata delle valli: Scuro e Rio Torto - Busa di Verle (23 giugno - 31 dicembre)

/

3

/

13

71

1

3

8

/

38

253

7

Totale anno 1915 / 3 / 15 78 2 3 11 / 40 277 8
 
1916

Val d'Assa - Osteria del Termine - Costone di Bosco Varagna - Marcai di Sopra - Zona Manderiolo - Campo Rosà - Campo Poselaro - Pianura di Costesin - Milegrobe - Cima Norre - Val Morta - Offensiva austriaca - Ripiegamento: Malga Fratelle - Val Morta - Val Torra - Q. 1506 - Scogli della Torra - Tola del Vescovo - Casare di Campovecchio - Valletta Ghelpac - Canove (1° gennaio - 27 maggio)

9

19

14

52

159

1147

12

23

16

93

353

916

Col del Rosso - Case Grulli - Linea tra il Buso e M. Fior - Q. 1312 - M. Val Bella - Azioni per l'occupazione del Bosco di Stenfle - M. Sisemol - M. Ferragh - Rodighieri - S. Domenico - M. Rasta - M. Catz - M. Interrotto (3 giugno - 3 luglio)

2

20

/

44

728

185

9

16

2

90

730

35

Settore Doberdò - Ferleti - Nova Vas - Q. 208 Nord - Marcottini - Attacco contro la linea Oppacchiasella - Nad Bregom - Q. 235 (11 agosto - 23 settembre)

5

24

1

144

720

158

6

16

/

72

510

80

Fronte Macedone - Settore Dova Tepè - Kara Orman - Meglenci - Piton Rocheux (24 ottobre - 31 dicembre)

/

/

/

/

3

/

/

/

/

1

1

/

Totale anno 1916

16

63

15 240 1610 1490 27 55 18 256 1594 1031
 
1917

Fronte Macedone - Meglenci - Piton Rocheux - Attacchi a Q. 1050 - Piton Brulè - "Castelletto" (1° gennaio - 31 dicembre)

7

30

5

211

730

383

9

30

14

209

833

365

Totale anno 1917 7 30 5 211 730 383 9 30 14 209 833 365
                         
1918

Fronte Macedone - Settore est - Q. 1050 - Piton Rocheux - Piton Brulè - Offensiva degli alleati (1° gennaio - 30 settembre)

1

/

/

45

87

4

/

/

22

104

2

Totale anno 1918

1

/

/

45

87

4

/

2

/

22

104

2

 
RIEPILOGO GENERALE
Anno 1915

/

3

/

15

78

2

3

11

/

40

277

8

Anno 1916

16

63

15

240

1610

1490

27

55

18

256

1594

1031

Anno 1917

7

30

5

211

730

383

9

30

14

209

833

365

Anno 1918

1

/

/

45

87

4

/

2

/

22

104

2

TOTALE GENERALE 24 96 20 511 2505 1879 39 98 32 527 2808 1406


Stampa la pagina


Invia ad un amico



Pag. 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118
 

     
 
:: Pubblicità ::