Fronte del Piave
Hotel San Marco Montebelluna TV
 
Menu
 
 
 


Pubblicità
 
 
 


Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
  Condividi su Facebook    
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
     
 

M. NERO

(294a, 295a e 296a Compagnia)

ANNO 1917.

      Il 27 maggio, a Ravascletto (Zona Carnia), con gli elementi dell'XI e del XII skiatori e del plotone skiatori del "Moncenisio", viene costituito il IV battaglione dell'8° reggimento alpini, che, il 9 giugno, assume la denominazione di "M. Nero". Dopo un breve periodo di istruzioni, durante il quale le compagnie vengono impiegate anche per lavori e per traino di artiglierie, il 1° luglio il battaglione inizia la sostituzione in linea dei riparti del "Pinerolo" ed il 3 è dislocato tra q. 2705 - q. 2619 - le Cialderate - Pizzo Collina - val di Collina - Casera Collinetta - Cresta Verde - Zellonkofel - Vetta Chapot.
     Fino all'inizio dell'offensiva austro - tedesca, il "M. Nero" rimane in Zona Carnia, presidiando successivamente le posizioni di prima linea nelle regioni dello Zellonkofel, di M. Pal Grande, di M. Croce, del Freikofel e di M. Pal Piccolo.
     Il 25 ottobre le sue compagnie sono dislocate nelle trincee di Cresta Verde - Zellonkofel - selletta Freikofel - passo del Cavallo.
     Iniziato il ripiegamento delle truppe del XII corpo d'armata, il 28 ottobre i riparti lasciano la prima linea e con successivi spostamenti, la sera del 29 si riuniscono a Villa Santina.
     Il 30 il battaglione prende posizione a nord di Enemonzo, la sera, per Ampezzo e Forni di Sotto, raggiunge Casere Miezzevie.
     Nelle prime ore del giorno successivo gli viene affidata la difesa della regione di M. Zauf (Casere Giaveada, Fantignelles e Costapaton), ove rimane fino al mattino del 4, il 5 è nei pressi del passo di Mauria.
     Con i battaglioni Tolmezzo, M. Assietta e M. Nero viene costituito un gruppo tattico, che, il mattino del 7, inizia la marcia in direzione di Vallesella e di Pieve di Cadore.
     In seguito all'occupazione, da parte del nemico, del passo di Mauria, il gruppo, che ha già inviato il "Tolmezzo" tra Col Torondo e Col Magnente, riceve ordine di provvedere allo sbarramento della valle del Piave, nei pressi della stretta di Vallesella. Pertanto il "M. Assietta" prende posizione sulla sinistra del fiume fino al M. Piduel ed il "M. Nero" si schiera sulla destra nei pressi di Domegge.
     L'avversario, avuto ragione dei nostri riparti di copertura, avanza rapidamente e la mattina dell'8 attacca il battaglione, che, a stento, riesce a sottrarsi all'accerchiamento, raggiungendo Perarolo.
     Il mattino del 9 il "M. Nero" sosta brevemente a Castello Lavazzo per poi proseguire per Longarone, ove si riunisce all'"Assietta".
     L'avversario, che ha raggiunto il Piave, apre il fuoco contro le nostre truppe. Mentre alcuni riparti fanno fronte alla nuova situazione, i due battaglioni ricevono ordine di puntare, lungo la rotabile, su Belluno, però, appena oltrepassato Villanova, vengono fatti segno a tiri di mitragliatrici che, infliggendo gravi perdite, impediscono ogni movimento.
     Gli alpini, allora, per sottrarsi alla stretta nemica, cercano una via di salvezza per i monti.
     Il 10, gli avanzi del "M. Nero" sono tra Sedico e Bribano, l'11 tra Cismon ed Arsiè, il 13 tra Contrada Guerniere e Case Pozzato.
     Il 18 il battaglione è disciolto ed i suoi elementi passano a rinforzare il "Tolmezzo".

 
UFFICIALI MORTI IN COMBATTIMENTO, IN SEGUITO A FERITE O IN PRIGIONIA (*).
Grado Cognome e Nome Luogo di nascita Luogo e data di morte
1 Capitano Robuschi Giulio Golese M. Pal Grande 03-08-1917

Ufficiali morti per malattia.

1 Tenente Lisignoli Giovanni Chiavenna Osp. C. R. 52 15-06-1917
(*) Gli ufficiali contrassegnati con asterisco non figurano numericamente nella colonna dei morti del riepilogo delle perdite, essendo la morte avvenuta in prigionia, o in ospedali territoriali, o durante i turni di riposo del battaglione.

MILITARI DECORATI CON MEDAGLIA D’ARGENTO E DI BRONZO AL VALOR MILITARE.

MEDAGLIA D’ARGENTO.

 Ufficiali, n. 1. 

MEDAGLIA DI BRONZO.

 Ufficiali, n. 2.

 

UFFICIALI SUPERIORI E CAPITANI COMANDANTI DI BATTAGLIONE

Grado Casato e Nome Data di assunzione Data di Cessazione Annotazioni
Capitano Zaglio Pietro 27/05/17 18/11/17  

SERVIZI PRESTATI IN LINEA ED IN ZONA DI RIPOSO

Permanenza in linea

Permanenza in zona di riposo, lavori, trasferimenti, ecc.

 Anno 1917

Dal 1° luglio al 9 novembre (Q. 2705 - Q. 2619 - Le Cialderate - Pizzo Collina - Val di Colline - Casera Collinetta - Cresta Verde - Zellonkofel - Vetta Chapot - Regione Pal Grande: M. Pal Grande - Q. 1710 - Regione M. Croce: Vetta Chapot - Trincerone - Casa Mairone - Regione Freikofel: Colletta e selletta di M. Pal Piccolo - Colletta e cima del Freikofel - Regione Pal Piccolo: M. Pal Piccolo - Trincerone - Regione Pal Grande: Passo del Cavallo - Ricovero d'Andrea - Selletta Freikofel - Regione Zellonkofel: Cresta Verde - Ripiegamento: Villa Santina - Enemonzo - Ampezzo - Forni di Sotto - Casere Miezzevie - M. Zauf [Casera Giaveda - Casera Fantignelles - Casera Costapaton] - Passo di Mauria - Pressi di Domegge - Perarolo - Castello Lavazzo - Longarone - Forcella Tanzon - Bolzano).

Dal 10 al 18 dicembre (Zona Sedico - Bribano - Zona Cismon - Arsiè - Zona Contrada Guerniere - Case Pozzato).

 Anno 1917

Dal 27 maggio al 30 giugno (Ravascletto).

  RIEPILOGO
Linea Riposo
Mesi Giorni Mesi Giorni
Anno 1917

4

12

1

14

TOTALI Mesi 4 e giorni 12 Mesi 1 e giorni 14
 
RIEPILOGO DELLE PERDITE
LOCALITA' E DATA BATTAGLIONE
Ufficiali Truppa
Morti Feriti Dispersi Morti Feriti Dispersi
1917
Zona Carnia: Regione Zellonkofel - Regione M. Pal Grande - Regione M. Croce - Regione Pal Piccolo (1° luglio - 27 ottobre)

1

2

/

6

62

/

Ripiegamento (28 ottobre - 9 novembre) (1)

/

/

/

/

/

/

Totale anno 1917 (1) 1 2 / 6 62 /
(*) Mancano i dati delle perdite subite durante il ripiegamento.


Stampa la pagina


Invia ad un amico



Pag. 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
 

     
 
:: Pubblicità ::